Agriturismi a Venezia: dal più rustico al più chic

Mi pongo spesso una domanda. Cosa fare il week end a Venezia? La domenica le alternative sono ben poche. O ti chiudi in casa e ti ammazzi di film, pop corn, tisane e sigarette o vai a pranzo dalla mamma che ti rimpinza talmente tanto che dopo la dose di tisane e nicotina aumenta in modo irrefrenabile. Tralasciamo le domande scomode di nonni e zii. Quando ti sposi? Quando fai un bambino? Quando fai un altro bambino? O peggio, se vivi ancora sotto lo stesso tetto dei tuoi, quando pensi di andartene di casa? E' sì. In questi momenti l'alcol è un buon amico. Io ho solo nonno Oliviero, ogni volta mi chiede se ho un lavoro e se mi pagano. Sono fortunata, me la cavo con poco.

Una valida alternativa è organizzare con gli amici una bella gita fuori porta. Scovare qualche agriturismo a Venezia o dintorni e godersi un pranzo in santa pace. Puoi mangiare con i gomiti sulla tavola che nessuno ti guarda male, puoi bere, fumare tra una portata e l'altra, risparmiarti di portare il cabaret di pastine e non devi neanche fare la parte di buttare le spazzature quando stai per andartene. Non so te, ma a molti tocca.

Dai 20 ai 30 euro

praetto, foto da pagina facebook
Agriturismo Praetto a Marcon. Offre piatti caserecci tipici della cucina veneta. Utilizza prodotti dell'annessa azienda agricola perciò garantisce freschezza e qualità. Organizza corsi di cucina per gruppi ed escursioni in barca direttamente dall'agriturismo alla laguna veneta o verso Treviso lungo il fiume Sile.

foto da pagina facebook
Agriturismo La Cascina a Mestre. In cucina utilizza materie prime di produzione propria: ortaggi, cereali, carni di bassa corte (anatre, oche, capponi, faraone e germani allevati a terra come una volta) e prodotti del territorio (salumi, formaggi di malga, carne di manzo e di cavallo) provenienti da aziende scelte e ben tracciabili. Pasta, pane, dolci, granite di frutta e gelati sono fatti in casa. In cantina propone vini veneti, al calice e in bottiglia, birre artigianali sempre del territorio.

selgaro, foto da pagina facebook
Il Selgaro Agriturismo a Mestre. A pochi km dal centro di Mestre, imboccando una laterale del Terraglio, strada che collega la Terraferma veneziana a Treviso, una proposta enogastronomica tipicamente regionale basata su materie prime di produzione propria o "a km 0" unita alla possibilità di vivere un’esperienza a contatto diretto con la natura. La specialità sono i piatti che hanno per protagonista la carne degli animali allevati dallo stesso agriturismo (bufali, manzi, faraone, anatre e oche bianche, capponi, germani reali). Nel menu anche risotti, gnocchi e pasta all'uovo fatta in casa con invitanti sughi caserecci di stagione.

dolo, foto da pagina facebook
La Pergola Di Dolo. Propone specialità della cucina veneta: affettati e sottaceti, risotti, polenta, carne e contorni di stagione. La carne qui è la protagonista: la specialità è la Fiorentina di Maiale. Carne e salumi sono a km zero e provengono da allevamenti locali. Da bere, vini veneti e friulani con il Raboso e il Muller Thurgau.

Sopra i 40 euro

segnavento, foto da pagina facebook
Al Segnavento a Zelarino. Immerso nel verde Segnavento è agriturismo con ristorante, foresteria e fattoria didattica. Il menù offre i profumi ed i colori della campagna. Si comincia con il Carosello del Segnavento, salumi di produzione propria, Fagottino all'Asiago D.o.p. e Miele d'Acacia, Briochine con Verdure di Stagione,Verdurine in Agrodolce, Musetto. Segue la  Lasagna alla Granella di Salsiccia e Zafferano e lo Stinco di Maiale al Forno con Patate Arroste e Fondo Bruno.

Foto di copertina di Toprural da Flickr
Per rimanere sempre aggiornato sui nostri eventi iscriviti alla nostra newsletter

ORA PUOI LEGGERE:

I migliori ristoranti di carne alla griglia a Venezia

Come Fred dei Flintstones, quando mi prende quella voglia di una succulenta bistecca non mi ferma nessuno! Non sto parlando di un semplice taglio di carne, sto parlando di quel profumo bruciacchiato, ...