Alla scoperta del teramano: 3 luoghi nascosti e 8 ristoranti per un itinerario perfetto

Ecco un itinerario per andare alla scoperta di posti unici in Italia, sempre con le indicazioni dei ristoranti da tenere d'occhio fra Teramo e dintorni per accomodarsi e provare le prelibatezze del territorio considerato il punto di riferimento della cucina abruzzese. 

Alla scoperta della Ruetta

La nostra gita parte da nord facendo una prima tappa alla Fortezza di Civitella del Tronto, una possente opera di ingegneria militare eretta sul vecchio confine settentrionale del Viceregno di Napoli con lo Stato Pontificio. Qui sono passati gli Asburgo e i Borboni ed oggi è completamente visitabile e si presenta come una piccola cittadina, fra camminamenti coperti e quelli di ronda, le piazze d'armi e le cisterne, fino al Palazzo del Governatore, la Chiesa di San Giacomo e le caserme dei soldati. La Fortezza è inoltre sede di eventi e spettacoli (aperta dalle 10.00 alle 20.00;  Tel. 3208424540; fortezzadicivitella.it). Visitata la Fortezza si scende in paese passando attraverso una stretta viuzza che viene presentata come “La Ruetta, d'Italia la via più stretta”. In effetti in questo vicoletto in pietra può entrare solo una persona alla volta. 
ruetta

Teramo città

Raggiunta Teramo in macchina le tappe obbligate sono la Cattedrale di San Berardo (iniziata nel 1158) e il Museo Civico Archeologico "F. Savini" (Aperto 10.00-13.00-16.00-19.00. Via Melchiorre Dèlfico, 30; Tel. 0861247772) che ripercorre la storia dell'area oggi occupata dalla città e custodisce sculture romane di pregio come la statua acefala di Afrodite. 
museo

Il mare in pieno relax

Con la macchina andiamo verso il mare e passiamo per Atri per ammirare la Cattedrale di Santa Maria Assunta (riedificazione di una chiesa preesistente, già nel 1140) con il ciclo di affreschi di Andrea Delitio, il più importante pittore abruzzese del Quattrocento. Dopo una passeggiata rilassante nella quale alla vista già si annuncia il mare, raggiungiamo la Torre di Cerrano (1568) presidio di avvistamento del reame spagnolo lungo la costa contro le invasioni (per visite guidate alla torre Tel. 0859492322; torredelcerrano.it). Il tratto di costa è Area Marina Protetta ed è un bellissimo posto per vivere un mare selvaggio in pieno relax, annunciato da una splendida pineta.
cerrano

Dove fermarsi a mangiare

Ristorante Zunica (Piazza Filippi Pepe, 14 - Civitella del Tronto): ceppe di Civitella in salsa classica.
Trattoria Da Mauro (Via Cesare Battisti, 69 - Teramo): tortellini al ragù.
Ristorante pizzeria D'Acquaviva (Portico Pomenti, 6 – Atri): ravioli con ripieno di salsiccia e verdure.
Don Franchino (Via Bologna - Castelnuovo Vomano): Pizza Mescalito, gli aromi profumano il pomodoro, la rucola e il prosciutto crudo, l'aceto balsamico insapora i funghi freschi.
Ristorante Zenobi (Contrada Riomoro, 132 – Colonnella): zuppa di ceci di spello con quadraccioli di farro.
La Griglia di Casa Nostra (Contrada Valle Scura, 3 - Silvi Alta): vongole veraci alla marinara.
Agriturismo La Rusticola (Via Torre Cerrano, 112 – Pineto): chitarrina alla teramana.
Ristorante enoteca Beccaceci (Via Zola, 28 - Giulianova Lido): linguine spezzate in brodo di pesce.

Foto di copertina: Andrea su Flickr CC


Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti alla newsletter di 2night per leggerne altri

ORA PUOI LEGGERE:

Scoprire l'Aquila e dintorni

Tratturi, montagna e cucina di terra

di alessandro ricci