3 ristoranti di Porto Cesareo affacciati sul mare che ti consiglio

Ormai lo sai bene, il mio legame con Porto Cesareo è indissolubilmente nato qualche anno fa. Devo dire, però, che in luoghi come questo sono riuscita a costruirmi una certa cultura, soprattutto gastronomica. Tra tutte le rosticcerie, i fast food, le pizzerie e i locali di ogni tipo che ho provato nel corso del tempo, i ristoranti con vista mare sono quelli che ho apprezzato di più, sicuramente perchè mi hanno permesso di arricchire a piene mani il baule dei miei ricordi.

Piatti genuini e raffinati

fbL'eleganza delle sale e la genuinità delle materie prime rende il ristorante Cosimino uno dei più apprezzati di Porto Cesareo. A crearlo ci ha pensato Ugo Falli, ristoratore da oltre 40 anni. Insieme a lui il giovane Matteo, attento alla ricerca e aperto alle novità, entrambi affidati alla maestria di due chef. Il ristorante fa parte del complesso alberghiero Hotel Falli.

Pizzeria e fantastica braceria 

fbQuello che ho avuto modo di frequentare più spesso per gustare un bell'arrosto misto è La Terrazza, e basta pensare a nome per capire come sia strutturato il locale. La Terrazza è anche un'ottima pizzeria, ed è ideale per chi vuole trascorrere una tranquilla serata in compagnia a prezzi contenuti.

Un ristorante storico, circondato dal mare

fbScelto non a caso soprattutto per ricorrenze e cerimonie, l'Isola Lo Scoglio è un ristorante storico di Porto Cesareo che spicca per la qualità delle materie prime, la cortesia dei titolari e non ultimo la bellezza del panorama di cui si può godere dal suo interno. È situato infatti, come si evince dallo stesso nome, all'interno di un'isoletta collegata al centro storico del Paese da una lunga e stretta striscia di terra. Attrezzato per il senza glutine, Lo Scoglio è certificato per le intolleranze celiache.

*Foto copertina: Isola Beach Club. Tratta da blog.portocesareocamping.it
Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato.

ORA PUOI LEGGERE:

Dove vedere i più bei tramonti del Salento

Da cartolina. Da selfie. Da vivere.

di grazia licheri