5 ristoranti stelle Michelin in montagna

Chi lo ha detto che si mangiano solo wurstel e crauti, ecco i grandi chef tra le nevi.

Ci sono chef che hanno bisogno dell'ecclettismo di una metropoli per creare piatti sempre innovativi ed entusiasmanti, altri, preferiscono la quiete, la meditazione, sicuramente il contatto km 0 con la natura più vera. Alte quote, piste da sci dietro l'angolo, malghe da cui comprare le migliori materie prime, la famosa "aria buona". Questo, associato al talento, hanno portato 5 ristoranti a fare incetta di riconoscimenti tra cui le tanto desiderate Stelle. Scopriamoli!

# St. Hubertus - San Cassiano (BZ)

Se parlo di alta cucina tra le nevi, il nome a primeggiare è solo uno: Norbert Niederkofler, deus ex machina del St. Hubertus, ristorante dell'hotel Rosa Alpina, e due Stelle Michelin. Instancabile, creativo, le pensa tutte pur di promuovere il suo amatissimo territorio altoatesino, come la Gourmet Skisafari.
hfgh

# Tivoli - Cortina D'Ampezzo (BL)

Anche Cortina ha la sua Stella, è il Tivoli, guidato dallo chef Graziano Prest. Una stella Michelin, per l'esattezza, lungo la strada che porta al Passo Falzarego. Protagonisti del menù i prodotti del territorio, come i fagioli di Lamon, i funghi del Cadore o l’agnello dell’Alpago.
hngn

# Petit Royal - Courmayeur (AO)

La chef Maura Gosio e il marito, in sala, sono approdati nell'angolo gourmet del Grand Hotel Royal e Golf. 5 stelle alle pendici del Monte Bianco, un sogno che ha 200 anni! In Valle d'Aosta hanno portato il proprio sapere culinario improntato su piatti classici eseguiti con precisione e maestria, il tutto arricchito anche da un bistrot ed una "ostricheria".
nhgn

# La Stua de Michil - Corvara (BZ)

Stella confermata anche con l'arrivo dello chef Nicola Laera, mamma ladina e papà pugliese, mix scoppiettante. La Stua de Michil è il ristorante dell'Hotel La Perla, luogo di grande atmosfera, oltre che di ottima cucina. che dire dei Ravioli di formaggio grigio, mela renetta, riduzione del suo aceto, crostini di pane e pepe lungo? Buonissimi!
nghn

# La Siriola - San Cassiano (BZ)

Stesso paese e stelle come piovesse. Sempre a San Cassiano c'è La Siriola, guidato dall'innato talento dello chef Matteo Metullio, il più giovane chef stellato d'Italia (25 anni), "che sta accompagnando il volo del magico usignolo - la siriola - verso orizzonti sempre più ampi", scrivono di lui. Cinque menù singolari uniti da un unico fil rouge, il bosco.
hfh
Vuoi conoscere tutti i migliori eventi nella tua città? Iscriviti alla newsletter!

 

ORA PUOI LEGGERE:

Ecco dove guardare le partite di calcio a Pescara e dintorni

Vedere la partita con gli amici è magico. Il calcio è tanto divertimento anche quando ci si sfoga in preda all'ira. Voglio dire: se ti guardi la partita a casa da solo e ti innervosisci stai nervoso...

di