Voglia di Mare – Una serata ad Anzio

Terza puntata della nuova mini rubrica di 2night Roma dedicata questa volta ad Anzio e ai suoi migliori ristorantini di pesce sul mare

C’è chi le ferie le vede ancora col binocolo, e chi purtroppo le ha lasciate alle spalle, tutti qui in città a rosolarci per bene sotto le ventate infuocate di Caronte. Il bisogno di aria fresca e di allontanarci anche per qualche ora soltanto da strade roventi, gas di scarico e mezzi pubblici stracolmi diventa ogni giorno sempre più necessario, anzi direi fisiologico, in questa che è stata definita l’estate più torrida degli ultimi 136 anni. Per fortuna Roma dista dal mare soltanto qualche decina di chilometri e abbiamo l’imbarazzo della scelta su dove andare a godercelo un po’. In questa terza puntata della nostra mini rubrica dedicata alla scoperta dei migliori ristorantini di pesce sul mare del litorale laziale faremo visita ad Anzio, dove si trovano alcune tra le migliori cucine di pesce della regione, ovviamente vista mare.

Pesce povero ma grande qualità

fraschetta del marePer chi sostiene che una cena di pesce fresco non può costare meno di 50 euro a persona, La Fraschetta del Mare è la prova definitiva che ha torto. In questa trattoria a due passi dal porticciolo si servono infatti tutti piatti fatti con la “mazzama”, ossia il pesce povero, ma freschissimo che i pescherecci locali scaricano dalle barche a prima serata. Tra gli antipasti le strepitose sarde fritte, mentre tra i primi da segnalare forse il miglior risotto alla pescatora di tutto il litorale laziale, anche l’insalata di polpo con le puntarelle merita la citazione.

Un’istituzione

romolo al portoEbbene sì, possiamo visitare nuovi locali, degustare piatti di ultima generazione, dare risalto alle ultime tendenze in fatto di cucina, ma quando ci si trova davanti a certi monumenti della gastronomia bisogna soltanto mostrare un ossequioso rispetto, e rispetto Romolo al Porto ne merita tanto. Una cucina tra le più tradizionali possibili, ma sempre di grande qualità e cuore. Un esempio “pratico”? I suoi spaghettoni bottarga, gamberetti e calamaretti che decisamente valgono i 60 km di viaggio da Roma, e gli altri 60 di ritorno.

Solo per l’antipasto

capo d'anzioPersonalmente io non sono un grande amante di quei ristoranti che servono antipasti luculliani da 40 assaggi, dove basta ordinare quelli per rimpinzarsi di cibo tanto da non voler neanche guardare nel menu l’elenco dei primi e dei secondi. Ma devo ammettere che l’antipasto misto di pesce servito da Capo d’Anzio fa eccezione. 14 assaggi, tra crudi, semicrudi e cotti, tutti rigorosamente a base di pesce freschissimo e diversi a seconda del pescato del giorno. Per chi riesce a superare la prova e vuole tentare di ordinare qualcos’altro il mio consiglio è di buttarsi sui saporitissimi ravioli ripieni di astice e gambero rosso.

Dal porto alla padella

4 ventiUna cucina tradizionale locale rigorosamente a base di pesce freschissimo che proviene dai pescherecci ormeggiati a meno di 100 metri di distanza dal locale. I Quattro Venti non è esattamente un ristorantino sul mare – ci troviamo un paio di isolati nell’entroterra – ma merita di essere inserito in questo elenco per la sua cucina: genuina, abbondante e fresca. Gli gnocchetti calamari e vongole sono buoni e saporiti, la frittura di paranza è leggera e morbida. Poche pretese, ma tanta qualità.
 
Iscriviti alla Newsletter di 2night
 

ORA PUOI LEGGERE:

Voglia di mare: una serata a Santa Marinella

Inizia un’altra rubrica tutta estiva sui migliori ristoranti sul mare del litorale laziale. Nella prima puntata visiteremo Santa Marinella

di lorenzo coletta