5 pasticcerie a Bergamo per veri golosi

Cacao. Un mare di delizioso cioccolato in cui nuotare e immergermi. Questo è uno dei miei sogni proibiti ricorrenti, ma ammetto di essere ammaliata da qualsiasi pasticcino solitario che si erge dietro una vetrina, pronto ad essere gustato in un paio di bocconi. E poi mi fanno impazzire tutti quei deliziosi dolcetti in stile americano che vanno molto di moda in questi anni. Il design della pasticceria mi affascina, ma anche i sapori e ancor più scoprire che a Bergamo non si può vivere di solo pane, ma di soli dolci sì... e cambiando gusto ogni giorno!

Più che una pasticceria un mondo incantato.

sweet irene bergamo

Sweet Irene ha la dolcezza nel nome e, in effetti, la dolcezza è un sentimento che si respira in ogni aspetto di questo luogo incantato. Una piccola caffetteria che si affaccia con una vetrina in via Sant'Orsola, promettendo di portare – almeno per qualche ora – in un mondo fiabesco fatto di chicchere e muffins. Lo stile “british” aiuta molto a creare una situazione sognante, i colori e i profumi si mescolano a un'attenzione speciale per le tendenze bio, vegan e vegetariane. Val bene provarla perché in questa atmosfera il tè prende un sapore diverso e diventa un momento irrinunciabile.


Una pasticceria per riscoprire il bello della merenda.

la pasqualina bergamo

La Pasqualina a Bergamo è un'istituzione da quel lontano 1912 in cui zia Pasqualina, una bella ragazza bionda con gli occhi verdi, creava i suoi dolci nell'omonima locanda di Almenno San Bartolomeo. Oggi i locali sono 4, a Bergamo, Milano e Porto Cervo e la qualità, se possibile, è persino migliorata. Il grande successo di questo locale sta nell'appagare il gusto e la vista con un design e uno stile contemporaneo sia negli arredi che nei dolci, ovviamente squisiti. Un tè, un caffè, una cioccolata o un gelato sono ottime scuse per entrare alla Pasqualina, l'importante è dimenticarsi l'orologio a casa. 

La pasticceria del buon umore per tornare bambini.

 

Donoughts, cookies, macaron, cupcakes whit chocolate or vanilla. Ma anche a pois, gialli, rossi, azzurri, a righe o nelle forme più strane. I Pasticcioni sono un laboratorio dolciario di indubbia fantasia che regala gusto e buonumore. La tradizione inglese, americana e francese è servita e impacchettata in deliziose confezioni da regalarsi o regalare, meglio ancora da portare in occasione di un invito a cena, per poterle gustare in compagnia degli amici senza dimenticare di leccarsi le dita come fanno i veri bambini golosi.

Una pasticceria tutta vegana, ma non lo diresti mai. 

dolce vita pasticceria bergamo

Colazione, merenda o happy hour vegani? Perché no. Da adesso è possibile anche a Bergamo grazie a La Dolce Vita, la prima pasticceria in cui il 90 percento dei prodotti freschi è di cucina vegana, dunque realizzato senza l’utilizzo di uova, burro e latte, e dolcificato con la stevia. Biscotti e pasticcini sono fatti con semi di canapa, con semi di chia o con il tef, e riescono a far ingolosire a prima vista anche i più diffidenti. Il gusto non cambia, o meglio, non ha nulla da invidiare a quello dei dolci tradizionali, ma l'apparenza inganna perché la sostanza è sicuramente più salutare. 


La classica pasticceria in stile viennese

pasticceria cavour bergamo

Il giro del mondo della pasticceria non si ferma qui, perché basta salire in Piazza Vecchia per incontrare i sapori mitteleuropei della Pasticceria Cavour. Biscotti, torte, mignon, dessert al cucchiaio, gelateria artigianale sono i cavalli di battaglia di questo storico locale che dispensa dolcezze dal 1880 e ha fatto varcare la propria soglia a tutti, ma proprio tutti, i più famosi personaggi della storia bergamasca. 

Foto di copertina da Brunifia via Flickr

Per essere sempre aggiornato sui locali della tua città iscriviti alla Newsletter
 

ORA PUOI LEGGERE:

Voglia di crepes a Roma? 5 consigli per tutti i gusti

Quando ho voglia di qualcosa di buono, non c’è nulla che riesca a mettere d’accordo me e i miei amici meglio di una buona crepe con la nutella. Certo, si può mangiare un buon gelato o ci si pu...

di francesca demirgian