10 giardini molto belli da visitare in questa primavera-estate 2018

Cura maniacale, specie rare, colorazioni stupefacenti in ogni periodo dell'anno.

Hai mai sentito parlare di horticultural tourism? No? Male, perché si tratta di un settore in fortissima espansione grazie al crescente interesse del pubblico italiano e internazionale verso il patrimonio pubblico e privato costituito da splendidi giardini e parchi, spazi verdi suddivisi in modo geometrico spesso arricchiti da veri e propri labirinti di siepi, filari alberati e sculture vegetali. 

Un trend ormai inarrestabile, che ha portato solo nel 2014 nel nostro Paese 8 milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo. Abbiamo arricchito la proposta perché, si sa, in primavera e soprattutto d'estate viaggi o brevi weekend si sprecano. Una selezione che vede l'Italia tra le protagoniste, tra i parchi anche il vincitore del secondo premio di Parco Più Bello d'Europa 2015 e di Parco Più Bello d'Italia 2013.

# Il Giardino di Ninfa - Latina, Italia

Si tratta di un tipico giardino all'inglese, iniziato da Gelasio Caetani nel 1921, nell'area della scomparsa cittadina medioevale di Ninfa, di cui oggi rimangono soltanto diversi ruderi, alcuni dei quali restaurati durante la creazione del giardino.
fvbxcv

# Jardin Majorelle - Marrakech, Marocco

I giardini Majorelle sono un complesso di giardini botanici e paesaggistici che si trovano a Marrakech, in Marocco. Il complesso di giardini fu progettato dall'artista francese Jacques Majorelle nel 1931, durante il periodo coloniale.
bvcg

# Parco Giardino Sigurtà - Valeggio sul Mincio, Italia

Il Parco giardino Sigurtà è un parco naturalistico di 60 ettari situato a Valeggio sul Mincio, in provincia di Verona, a 8 km da Peschiera del Garda. Vincitore del secondo premio di Parco Più Bello d'Europa 2015 e di Parco Più Bello d'Italia 2013.
gvdxfvb

# Mount Stewart - County Down, Irlanda

La bellezza dei Mount Stewart Gardens è dovuta alla passione e dedizione di una donna, Lady Edith Londonderry, di famiglia angloirlandese. Sono considerati fra i 10 giardini più belli del mondo.
gvfb

# Villa Lante – Bagnaia, Italia

Villa Lante a Bagnaia, frazione di Viterbo è, assieme a Bomarzo, uno dei più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. La Villa, di proprietà dello Stato italiano, dal dicembre del 2014 è gestita dal Polo Museale del Lazio.
vbfcg

# Lotusland - Montecito, Stati Uniti

A pochi chilometri da Santa Barbara si trova Lotusland, il giardino botanico più grande degli Stati Uniti d'America. Trentasette acri di oasi verde che raccontano piante e stili provenienti da ogni parte del mondo: da quello tropicale a quello giapponese, da quello giurassico a quello dei lotus e dei cactus.
vdxfv

# Alhambra - Granada, Spagna 

Il Comitato del patrimonio mondiale dell'UNESCO ha dichiarato l'Alhambra e il Palacio de Generalife di Granada Patrimonio Culturale dell'Umanità nella sua sessione del giorno 2 novembre 1984.
vbfg

# Innisfree - Millbrook, Stati Uniti

Il parco è stato istituito nel 1930-1960, è immerso in 200 acri a Millbrook, a circa 90 miglia da New York City, Innisfree era il giardino privato di Walter e sua moglie Marion Beck. Il giardino è una combinazione affascinante di influenze cinesi, giapponesi e americani.
cvzdxc

# Butchart Gardens - Brentwood Bay, Canada

Si chiamano “The Butchart Gardens” e sono considerati uno dei luoghi più belli del mondo. Stiamo parlando di un gruppo di giardini fioriti visitabili in Brentwood Bay, British Columbia, situati vicino a Victoria, sull’isola di Vancouver, in Canada.
bgfcb

# Hidcote Manor - Gloucestershire, Regno Unito

Situato sulle colline Cotswold, Hidcote Manor Gardens è uno splendido giardino dove potrete ammirare i fiori più belli di ogni stagione. Passeggiate tra le sue varie aree, osservate alberi e arbusti rari e scoprite uno dei giardini più importanti dell'Inghilterra e il suo estroso creatore.
vx
Vuoi conoscere tutti i migliori eventi nella tua città? Iscriviti alla newsletter!
Foto di copertina

ORA PUOI LEGGERE:

I colori più belli del Salento

Ogni luogo ha la sua fisionomia e si distingue per particolari colori che lo caratterizzano.

di grazia licheri