I whisky bar di Milano dove trovare i migliori distillati

Un viaggio che mi ha cambiato la vita. Da quando sono tornato dalla Scozia, lo scorso maggio, il mio amore per il whisky - attenzione perché se dici whiskey intendi il prelibato distillato irlandese - che già aveva delle basi solidissime, adesso si è cementificato. Amore purissimo, come la distillazione negli alambicchi di rame. Ho girato per distillerie e castelli, partendo da Edimburgo fino a Oban, la cittadina più grande delle West Highlands, ma anche il posto dove fanno uno degli scotch whisky single malt più buoni al mondo. Un whiskytour mozzafiato e adesso che so quasi tutto sul processo di “mashing”, ossia di distillazione del whisky, ho voglia di berlo. La particolarità di quello scozzese è la torbatura. Ma gusti a parte, vorrei assaggiare più single malt possibili, dopo passerò ai blended, ossia a più malti mischiati in una stessa bottiglia. Tra i migliori cocktail bar di Milano dove bere bene, non mancano whisky bar dove scoprire nuovi sapori dal gusto affumicato. Io sento già il profumo, che bellezza. Quindi, dove sono i migliori whisky bar a Milano?

Altra informazione fondamentale: il Whisky Festival a Milano è alle porte. L’11 e il 12 novembre all’Hotel Marriott di Milano in mille e 200 metri quadrati si può assaggiare il meglio della produzione mondiale del distillato scozzese, ma non solo, più amato in giro per il mondo. Oltre 2mila etichette presenti, si potrà degustare il proprio scotch preferito nei vari stand, oppure scoprirne di nuovi e rari, invecchiati fino a 40 anni. 

Per la rara selezione Samaroli

kilburn milanoOgni volta che passo dal Kilburn chiedo sempre a Ennio di farmi scoprire un nuovo whisky, un sapore diverso. Questo inverno mi proporrà una collezione di alta gamma di whisky selezionati e ricercati, di grandi annate e distillerie che provengono dalle zone più famose della Scozia, come Auchentoshan, Glenrothes, Clynelish. Il fiore all’occhiello sarà la Luxury Collection, la selezione completa di Samaroli con grandi whisky edizione limitata, con annate importanti ventennali, che sono vere e proprie emozioni di gusto per intenditori. Un’acquadivita sempre più rara, da assaporare in ogni piccola goccia, perché non concede bis, non fa repliche. Insomma, è unica.

Una degustazione al mese

casa mia bancone federico pouchain Altro porto sicuro per i whisky addicted è il Casa Mia. Tra i migliori 10 cocktail bar secondo il Gambero Rosso, per me è un posto dove si beve bene. Puoi scegliere tra una selezione di 600 etichette di distillati. Ogni ultimo lunedì del mese è in programma una degustazione, in collaborazione con Milano Whisky Festival. E se volessi un drink a base whisky, chiedi al bartender Federico Pouchain: ti stupirà!

Il tripudio della torba

malt whisky milanoDomenica scorsa sono passato dal Malt con due amici con l’intento di bere dell’ottimo single malt scotch whisky. Sono andato sul sicuro perché quando ho conosciuto Simone, il proprietario, mi ha fatto provare una selezione incredibile di single malt: Taiwan, Svezia, Giappone e, ovviamente, Scozia. Questa volta ho voluto esagerare con lo “smoky”, ecco perché il grado pieno dell’Elements of Islay Peat, è stata una scoperta che non dimenticherò facilmente. Un whisky bar a Milano assolutamante da segnarsi! Ci tornerò. 

Per la “100 Whisky night”

harp bancone milanoQuando Riccardo mi mostrava una bottiglia di Talisker vecchia di non so quanti anni, pensavo che l’Harp Pub sarebbe diventata una meta prediletta per scoprire nuove sfaccettature di gusto torbato, con oltre 250 etichette di distillati da imparare a conoscere. C’è una serata in programma ogni mese: la “100 Whisky night” che è un mini festival in cui gli appassionati possono assaggiare referenze ricercate e ampliare la propria conoscenza, sorso dopo sorso. Quando è fissata la prossima serata? Sento già il sapore.

Per scegliere tra 300 etichette di whisky

bar metrò milano whisky Se parliamo di whisky bar, allora qui entri e ti perdi tra le bottiglie. Al Bar Metrò ce ne saranno almeno 10mila esposte, come cimeli da custodire gelosamente. Giorgio D’Ambrosio non si stanca e continua a far crescere la sua collezione, giorno dopo giorno. Soprattutto whisky scozzesi, ma anche irlandesi, svedesi, bretoni, a stelle e strisce, canadesi e giapponesi. Se sei un amante del whisky, davvero, non puoi non passare ad assaggiarne uno qui.

Per un drink a base di whisky

rita milano gin addictedRita & Cocktails a Milano è sinonimo di “bere bene”. I whisky sono circa una settantina suddivisi tra scotch, irish e bourbon. Ce n’è per tutti i gusti: Lagavulin, Laphroaig riserva o l’americano Pappy Van Winkle. Il costo, ovviamente, varia a seconda dell’importanza della bottiglia: si parte da 6 fino a 40 euro. Tra i cocktail a base whisky il consiglio si chiama Manhattan (però con vermouth). E se ti piace la menta? Mint julep.

Per un whisky dal sapore vintage

lacerba milano cocktails whiskyLacerba è prima di tutto un bel posto. Atmosfera dal sapore vintage, inizio Novecento secondo il mio poco esperto punto di vista. L’arredamento gioca con gli stili, il risultato è un posto di tendenza. L’ultima volta mi sono affidato alla maestria del barman e ho chiesto semplicemente: “Posso avere un drink con del whisky?”. Non ricordo cosa mi abbia servito, o meglio, ho chiesto il nome tre volte senza capirlo. Ah, il locale oltre che un whisky bar a Milano è anche un ristorante di pesce dove assaggiare cruditè.

Per un whisky dopo la pizza

dry pizza cocktail milano Dry cocktails & pizza non è certo la solita pizzeria milanese. In via Solferino, di fronte a Pisacco, la formula è semplice: drink e pizza. Per cambiare un po’ e scardinare l’accoppiata tradizionale margherita e birra. Il barman Guglielmo Miriello prende le cose molto seriamente e ogni cocktail è servito come uno chef – a proposito il locale è patrocinato da Andrea Berton – guarnirebbe il suo piatto. Chiedi un cocktail con whisky all’aperitivo, rigorosamente finger food. D’altronde, siamo in Brera!

Per bere praticamente quello che ti pare

blenderino locali piccoli dove si beve bene milanoIl Blenderino è considerato da tutti il fratello minore del Blender di piazzale Susa. E in effetti il locale in piazza XXV Aprile è piuttosto ristretto, in termini di metri quadrati. Perché se il confronto si sposta sui cocktail, non ha nulla da temere. E’ un'ancora di salvezza per non farsi spennare in corso Como con drink strapagati e di pessima qualità. La specialità a base whisky da assaggiare è il Godfather: scoth e Amaretto di Saronno. Il bourbon è assolutamente bandito!

Io sto già programmando il mio prossimo viaggio in Scozia. I whisky che invecchiano sulle isole al largo di Islay hanno quel sapore unico di torba ma anche di sale, quello del mare. D'altra parta i nostri palati, in fatto di beverage, si stanno sempre di più affinando e, oltre ai whisky bar, a Milano non mancano i cocktail bar amanti dei gin, altro storico distillato tutto da scoprire. Cheers!

Foto di copertina Harp Pub Milano

Ti piacciono questi articoli? Iscriviti gratis alla newsletter di 2night

ORA PUOI LEGGERE:

I piccoli locali a Milano dove si beve alla grande

Un locale dove si beve bene deve essere anche grande. E chi l’ha detto? Niente di più falso. Anzi. Spesso e volentieri locali che non offrono poi così tanto spazio fisico sono in realtà delle aut...

di fabrizio arnhold