Ti Presento i Miei edizione Veneto: 5 cose da evitare per non cannare la prima cena

A me è andata malino, ma a te può sempre andare peggio.

Ma saranno poi così necessarie queste due ore d'imbarazzo che trovano sollievo solamente con la gran botta alcolica del grappino di fine cena? Io, la mia cena del "ti presento i miei", l'ho affrontata solo dopo un paio d'anni di relazione, e mi pareva pure troppo presto. 
È filato tutto liscio fino a quando non si è iniziato a parlare di improbabili parentele paesane (può essere che quello che lavora con me sia il cugino del fratello di tua mamma) e il mio ragazzo dell'epoca mi ha fatto notare ad alta voce, con i suoi genitori seduti di fronte, che avevo attinto un po' troppo dalla bottiglia di vino. 
Dall'agitazione, alla rabbia, in un battibaleno.

Insomma, può sempre andare male, ma anche peggio. Ecco perchè sono almeno 5 le cose che devi sapere. 

#1 Mai portare in dono qualcosa di non commestibile

cena genitori veneto Spero di dire una verità universalmente accettata quando affermo che, a una pianta alta un metro di quelle che ingombrano tutto il terrazzo, è da preferire un qualcosa che si possa mangiare a cena. Nella fattispecie della famiglia veneta, i doni preferiti sono: salame nostrano; prosecco; un sacchettone maxi di "bagigi" e la Bassanina. Se li porti tutti rischi di sembrare un po' gradasso, io ne estrarrei due a sorte dalla lista, che tanto va sempre bene.

#2 Mai rifiutare un bicchiere di "vin de casada"

cena suoceri veneto Casa che vai, vino improbabile che trovi: questa è la grande verità di ogni famiglia veneta che si rispetti. In cantina c'è sempre uno strano vino che è stato imbottigliato in casa, proveniente da una damigiana di un anziano della zona. Nella maggior parte dei casi è un pugno sullo stomaco, ma tu lo devi bere lo stesso, sempre. Allenati in casa ingoiando soluzioni di acqua, succo di mela e aceto.

#3 Mai dire: lo fa così anche mia mamma

cena suoceri veneto Foto di Caro Wallis da Flickr, ccE per più di un motivo:
a- il piatto forte della suocera è e sarà sempre solo suo: inarrivabile, segreto, piace a tutti.
b- sembra la classica paraculata di chi non sa che rispondere alla domanda:"Ti piace?"
c- se sei un ometto, sappi che la tua fidanzata di crederà un mammone senza speranza e ti lascerà.

#4 Mai rifiutare di lasciarsi andare a qualche parola in dialetto

cena genitori veneto A tavola parlate tutti un perfetto italiano: benissimo! Ma non dimenticare che il veneto di solito non disdegna di infilare qualche intercalare dialettale in mezzo a qualsiasi discorso, anche se degno del plauso dell'Accademia della Crusca. Non ingessarti troppo e lasciati andare, altrimenti penseranno che sei uno di quelli che gira per il mondo con la proverbiale scopa lì dove non dovrebbe stare. 

#Mai credere che dopo il dolce sia finita

cena suoceri veneto Ti sei spazzolato la fettona di tiramisù (nel 99% dei casi il dolce è questo) e credi che dopo il caffè arriverà il momento del congedo, ma ti sbagli. C'è la grappa, ci sono gli avanzi da portare a casa, i saluti da porgere gentilmente ai consuceri e gli interrogatori velati padre-genero e madre-nuora. Se ti va male ti becchi la presa visione dei vecchi album fotografici e se ti va peggio, la promessa che ci si rivede a pranzo la domanica successiva. Beh, gli sei piaciuto. E adesso? 

Per restare sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter di 2night!




















 

ORA PUOI LEGGERE:

13 ristoranti vegani e crudisti in Veneto nonna approved

Perchè se anche la nonna dice sì, allora si mangia davvero bene

di martina tallon