Natale: i piatti della cucina romana da portare in tavola

Che cuciniamo quest'anno alla Vigilia? E il 25? Dai, lo so che anche nella tua famiglia qualcuno te lo ha già chiesto. La tradizione romana di piatti buoni ne ha da vendere, dall'antipasto al dessert. Io ho fatto una cosa quest'anno: sono prima andata ad assaggiare i migliori piatti del Natale romano in giro per la città. Ecco dove ho mangiato i più buoni, dai quali potresti prendere spunto anche tu per il menù natalizio. Che ne dici?

Per la Vigilia di Natale ...

Brodo di arzilla

piatti tipici romani natale felice a testaccioIl brodo di arzilla non manca quasi mai sulle tavole romane la notte della Vigilia di Natale, con i broccoli e con la pasta, questa calda zuppa farà felice tutta la famiglia, anche i bambini. Ho assaggiato quella di Felice a Testaccio, che dire ... una delizia!

Spaghetti con le vongole

piatti tipici romani natale la vongola vorace
Dopo aver aperto lo stomaco con il brodo di arzilla, ci vuole proprio uno scrocchiante spaghetto con le vongole veraci. Ho assaggiato quello de La Vongola Vorace all'Eur: sai che lo puoi ordinare anche take away per la Vigilia di Natale?

Frittura mista

piatti tipici romani natale frittura o cartoccioLa frittura è un diktat del 24 dicembre a casa mia. Anche da te? Rotelline di calamari, moscardini, broccoli, carciofi e chi più ne ha più ne metta. Se vuoi farti un'idea di come dovrebbe essere la frittura alla Vigilia, fai un salto da O' cartoccio: coni di 20 cm pieni fino all'orlo di fritto misto a volontà.

Per il giorno di Natale ...

Stracciatella

piatti tipici romani natale armando al pantheonNo, non il gusto gelato. A Roma la stracciatella è un'altra cosa: i romani lo sanno bene di cosa sto parlando. Si tratta di una minestra in brodo di carne, nel quale vengono cotte delle uova sbattute condite con sale, pepe, parmigiano, noce moscata e, a piacimento, scorza di limone grattugiata. L'ho assaggiata da Armando al Pantheon e mi ha ricordato quella buonissima fatta dalla mia nonna.

Fettuccine al pomodoro

piatti tipici romani natale il vero alfredoQuelle spesse, porose, che scrocchiano in bocca. Quanto amo le fettuccine al pomodoro fatte in casa. Non potevo che assaggiare quelle dell'Imperature delle fettuccine, Il vero Alfredo a piazza Augusto Imperatore: che leccornia irresistibile!

Costolette d'abbacchio fritte

piatti tipici romani natale ba ghettoLe costolette d'abbacchio fritte a Natale so la morte sua. Vietato (e anche impossibile) mangiarle con coltello e forchetta, le costolette vanno rosicchiate obbligatoriamente con le mani, fa anche questo parte della tradizione romana. Di recente ho provato quelle di Ba Ghetto, ti dico solo una cosa: ci tornerò presto.

Carciofo alla romana

piatti tipici romani natale carciofo camponeschiL'abbacchio e i carciofi si sposano alla perfezione, basta aggiungere una fresca insalata e il pranzo di Natale è fatto. Se hai voglia di mangiare un buonissimo carciofo alla romana presentato in chiave e forma moderna, vai da Camponeschi a piazza Farnese, non te ne pentirai.

Puntarelle

piatti tipici romani natale da enzo al 29 E le puntarelle non le fai? Condiscile con sale, aglio, pepe bianco, aceto di vino bianco e acciughe. Oppure valle a mangiare Da Enzo al 29 e immergiti in tutti i sapori e gli odori della cucina romanesca.

E i dolci?

piatti tipici romani natale pappagallo barPangiallo, panpepato, mostaccioli alla romana, nocchiate, nocciate, croccante alle mandorle o i classici pandori e panettoni artigianali: fai una bellissima figura con i tuoi parenti acquistando uno dei tipici dolci del Natale romano dal Pappagallo bar e buon appetito!

Foto di copertina La tavola al completo di Luca Mauri da Flickr. Creative Commons

Clicca qui per iscriverti alla newsletter
 

  • Ora / Giorni:
  • Questo evento è passato
ORA PUOI LEGGERE:

Cena di Natale con colleghi: 5 proposte per sorprendere anche il capo

Si avvicina il Natale e anche la rituale cena con i colleghi: un momento che alcuni trovano interessante per conoscersi meglio al di fuori delle mura dell'ufficio e che altri sentono come un obbligo,...

di francesca demirgian