I ristoranti della Verona segreta, dove rimanere in incognito

Ti capita mai di sentirti stanco e scorbutico o, al contrario, di essere euforico perché hai qualcosa, o qualcuno, da nascondere? Eppure, anche in quelle situazioni in cui è preferibile rimanere in incognito, perché ti senti nervoso o perché non vuoi farti notare, si deve pur mangiare! Questo è un tema un po’ strano per dei ristoranti, ma ti assicuro che è tutta una questione di particolari e in questi locali i convenevoli non sono un obbligo, angoli e senso di privacy non mancano e la cucina è sempre di livello, per mangiare bene e coccolarsi quando gira male, o per godersi una serata che in realtà è un’uscita clandestina...

Tutto in famiglia locali incognito

Rinomata per la cucina saporita e abbondante, la Trattoria Da Ropeton alla Fontana del Ferro è una garanzia di gusto e riservatezza. Qui nessuno vi stordirà di convenevoli e leziosità, l’ambiente è spartano (ma con stupenda terrazzina estiva), il servizio è tutto in famiglia e la cucina è rustica, ben condita, con grandi classici sempre in voga, come le Penne del Ropeton (ricetta a base di peperoni freschi, salsiccia, panna e curry), e con i dolci della nonna: riservatevi in tempo una porzione di zuppa inglese prima che ve la soffino via da sotto al naso come è successo a me, una sera che ero stanca e indecisa.

Tranquillità a Porta Vescovo locali incognito

All’osteria Ai Osei a Porta Vescovo sarete, a dir poco, ben nascosti. Si mangia su tavoli posti a un livello inferiore rispetto al bar d’ingresso, nessuno fa domande, molte persone cenano da sole in santa pace in questo locale storico e ben rinnovato, a gestione familiare e dog friendly, dove si possono gustare buone tagliatelle coi fegatini e dove piatti rivisitati accompagnano quelli tradizionali.
    

Confondersi tra la gente locali incognito

La frequentatissima Ostaria Vecchia Fontanina, nel cuore del centro storico di Verona, è la classica trattoria sempre piena, dove le cameriere sono ben indaffarate e il vociare è a volume medio alto. Io ci vado per il risotto all’amarone, la tagliata di cavallo, la crème brûlée alla menta e pepe e le caratteristiche decorazioni dell’ambiente, così démodé. Ma ti assicuro che è anche il classico posto dove puoi farti gli affari tuoi senza dare nell’occhio.

Scappatelle in riva all’Adige locali incognito

Qui, una volta, mi portò a pranzo un uomo che non sapevo essere sposato, perciò se non vuoi farti notare stai sereno, il Ristorante Locanda Bordin è un luogo ben frequentato, scelto dai recidivi per mescolarsi alle famiglie che mangiano specialità tradizionali e casalinghe in un ambiente intimo e curatissimo: affaccio diretto sul poetico scorcio d’Adige di Settimo di Pescantina per passeggiate senza dare nell’occhio, e sopraffino carrello dei bolliti per gli amanti clandestini più buongustai.
    

L’essenziale è fuori mano locali incognito

Per tutti gli amanti delle scappatelle e dell’etnico, aggiungo alla lista anche Kirin, ristorante giapponese dall’atmosfera raffinata e dall’ambiente moderno ed essenziale. Si trova a Sona, lungo la Statale 11, ma nelle sue sale ben arredate vi sentirete come in una bolla magica, dove il menù sushi e le specialità giapponesi preparate sul grande bancone a vista daranno un tocco esotico alle vostre trasgressioni.

Easy e accogliente locali incognito

A Castelnuovo del Garda puoi rimanere in incognito da Club House, un ambiente tranquillo e caldo dove mangiare un’ottima pizza con farciture classiche e in fantasia, oltre a menù di carne e pesce di mare su prenotazione. Non sei convinto di passare inosservato? Qui spesso troverai serate latine e feste a tema, e nella calca sì, che ti confonderai.

Foto crediti di Lorena Torres Angelini su Flickr CC

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostre Newsletter!

ORA PUOI LEGGERE:

Mangiare sushi a Verona, il pesce crudo di origine giapponese nella città di Romeo e Giulietta

Il sushi è entrato prepotentemente tra le abitudini degli italiani. Sempre più persone lo mangiano ed apprezzano. Ma a Verona non tutti i ristoranti sono buoni. Ecco quindi come evitare gli specchie...

di francesco bommartini