A tutta zuppa! 5 modi di mangiare la zuppa a Milano

Se non è zuppa è pan bagnato. Ma anche minestrone, vellutata, brodetto, ribollita… Alzi la mano chi, durante la stagione fredda, non si affida a una gustosa zuppa fumante per ritemprarsi come si deve, lasciandosi sedurre dal vapore caldo, dagli aromi e dagli ingredienti perfettamente amalgamati. A base di ortaggi di stagione, di legumi e cereali, con la pasta o senza pasta, a base di carne o di pesce... non è mica “sempre la solita minestra”! Naturalmente, in città ho i miei “fornitori” di zuppa preferiti. Ecco quali ti consiglio.

Un classico della cucina toscana

ribollitaCavolo nero, fagioli e pane raffermo. Con questi ingredienti e pochi altri si prepara un piatto che è un vero e proprio toccasana: la ribollita. Viene definito piatto “povero”, ma il suo inconfondibile gusto lo rende uno dei più ricchi della cucina regionale. Una ribollita preparata con tutti i crismi è quella della Tavernetta da Elio, trattoria genuina e affidabile che vanta più di mezzo secolo di attività. Ma la ribollita non è la sola zuppa in menu. A farle compagnia ci sono il Minestrone di farro della Garfagnana, la Garmugia Lucchese di primizie, la Vellutata di calamari e fagioli di Sorana e l’immancabile Pappa col pomodoro.

Dalla tradizione parmense

anoliniConosci i cappelletti? Ebbene, gli “anolini” sono la loro versione parmense. Li ho gustati per la prima volta al ristorante Piano e da allora mi sono rimasti nel cuore. Il ghiotto ripieno è ciò che li differenzia dalle altre paste ripiene: un impasto di formaggio Parmigiano Reggiano stravecchio grattugiato, pane raffermo grattato, tuorlo d’uovo, noce moscata e stracotto di manzo. Piano propone diverse versioni di anolini (lisci, al ragù, con la panna…), ma quelli in brodo di carne di manzo per me restano insuperabili, perché il brodo sostanzioso esalta tutta la freschezza e il gusto deciso di questa pasta artigianale preparata ancora dalle “rezdore” (massaie) di Parma. Da accompagnare con un buon bicchiere di Lambrusco.

In salsa nipponica

zazà ramen
Non di solo sushi vivono i giapponesi. Uno dei piatti che mi fanno impazzire della cucina nipponica è il ramen, a base di tagliatelle di pasta fresca servite in brodo di carne, pesce o verdure dentro grandi ciotole. Da Zazà Ramen, che ha fatto di questa pietanza la sua specialità, la pasta è fatta in casa con farina di grano tenero tipo “00”, oppure con farina di grano tenero macinata a pietra, mentre il brodo può essere scelto tra tre tipologie (Shoyu, Shio, Miso) diverse per gusto e consistenza. Il Ramen con sette ortaggi giapponesi e polpette di carne è il mio preferito, un superbo mix di aromi orientali e occidentali da far risvegliare tutti i sensi.

Sapore di mare

a'riccioneSulla zuppa di pesce si dice di tutto e di più. Ogni regione ha la sua variante e tutti sentenziano su quale sia la migliore. Io più che parlarne preferisco gustarla. E di una cosa sono certa: amo la Gran zuppa di pesce alla romagnola del Ristorante A’ Riccione. Quel suo gusto così equilibrato, delicato e deciso al contempo, che ti catapulta direttamente sulla riviera adriatica... Da innaffiare con un ottimo calice di bianco. E l’inverno, improvvisamente, diventa più mite.

In tutte le salse e per tutti i gusti

tagliabrodoC’è chi ama così tanto le zuppe da avere deciso di aprire una “zupperia”. Già, a Milano da qualche mese c’è Tagliabrodo, un accogliente e intimo ristorantino specializzato in zuppe, minestre e simili. Stagionalità delle materie prime, fantasia e leggerezza sono le parole d’ordine in cucina. Le proposte sono varie e tutte appetitose: dalla piccante Zuppa di Chorizo, patate e ceci con albicocche essiccate agli orientali Noodles di grano saraceno con salmone marinato, funghi shitake, alghe wakame e sesamo nero, dall’intramontabile Zuppa di cipolla (squisita!) fino al corposo Brodo di carni miste con mini choux ripieni di cacio e pepe

Foto cover dalla pagina FB di Zazà Ramen.
Vuoi conoscere tutti i migliori locali di Milano? Iscriviti alla nostra newsletter

ORA PUOI LEGGERE:

Week end al lago: 5 più belli da visitare in Lombardia

Adesso è la stagione perfetta. Fare un giro al lago in autunno regala delle prospettive uniche perché d’estate fa troppo caldo e d’inverno la maggior parte degli alberi ha perso già tutte le fo...

di fabrizio arnhold