5 locali a Milano da provare in Porta Romana

Non distante dai Navigli, si fa presto anche ad arrivare in centro. Porta Romana è una zona strategica per la movida milanese: ristoranti, locali da prendere d’assalto all’ora dell’aperitivo e posticini perfetti per un drink dopocena all’insegna del “bere bene”: attorno a piazza Medaglie d’Oro c’è tutto quello che serve per trascorrere una serata divertente. Ma non solo, non serve spostarsi da qui anche se hai in programma una cenetta intima, magari proprio quella che stai cercando di organizzare da qualche mese. Facciamoci un giro tra i posti dove vale assolutamente la pena fermarsi in Porta Romana a Milano.

Per una cena romantica gourmet

ciribiciaccola ristorante milano pasta fatta in casaSegnati l’indirizzo. La Ciribiciaccola è la scelta giusta se stai cercando un ristorante dove prenotare un tavolo per una cenetta d’atmosfera rilassata e intima. Tutto è fatto in casa: la pasta, il pane e i dolci. Ogni alimento è freschissimo e selezionato con la dovuta cura. Lo chef, Roberto Maurizio, è un maestro, nel vero senso della parola: insegna alla scuola di cucina “Con Gusto”. Non troppo grande, garantisce la privacy giusta per una cena in cui lasciare spazio alle chiacchiere. Da provare il carpaccio di gamberi rossi di Sicilia aromatizzato agli agrumi.

Per assaggiare la storica “Pizza senza lievito”

brera milano vitello tonnato Brera Milano raccoglie il testimone del Brickoven, riproponendo la pizza senza lievito ma aumentando la qualità del menù con proposte pensate dal nuovo chef Giovanni Caracciolo. Piovra e gamberi arrosto per una cenetta a base di pesce, oppure vitello tonnato per gli amanti della carne. L’ambiente è rilassante, locali arredati con classe, all’insegna dell’informalità. Nel fine settimana, i bambini accompagnati dai genitori e dai nonni mangiano gratis.

Per cena ma anche per drink dopo

lacerba milano cocktails whiskyA Lacerba ci passo sempre volentieri per concedermi in drink dopo mangiato. E’ anche un ristorante - con proposte interessanti di pesce come tagliolini agli scampi e tartufo nero, tanto per dire – ma il meglio lo tira fuori, anzi lo si beve, dopo cena. L’arredamento è una commistione di generi: vintage, futurista e un po’ art decò. Nel week end è molto frequentato, io comunque ordino senza indugio un Manhattan!

Per un brunch sotto le mura spagnole

spoon restaurant milano giardino Lo spazio non manca di certo allo Spoon Restaurant and Lounge: oltre 600 metri quadrati e 300 coperti. Siamo quasi in primavera, quindi vale assolutamente la pena prenotare all’esterno, nel bel dehor sotto le mura spagnole aperto, a dire il vero, anche d’inverno. La pasta è fatta in casa e la carne arriva da allevamenti italiani. La domenica c’è il brunch: pancake e torte homemade, in puro stile americano. Meta da tenere da conto anche per un cocktail serale, anche in questo caso, date retta a me, meglio se in giardino.

Fish&chips, birra artigianale e vai sul sicuro

mind the gap milano pub birra Facciamo un gioco: vediamo chi indovina tutte le maglie delle squadre di calcio appese alle pareti. Per alcune, lo ammetto, ho avuto serie difficoltà. Il Mind The Gap è un piccolo angolo british a Milano – infatti le divise sono soprattutto di squadre della Premier League -, dove bere dell’ottima birra artigianale, si può scegliere tra sette birre alla spina e circa una ventina di artigianali in bottiglia, e mangiare sfiziosità di ogni genere. Se ti è balenato alla mente il binomio pub-cibo scadente, resettati. Qui si può gustare tartare di manzo al coltello con crostoni fino alla cotoletta di maiale impanata. Poi, ovvio, fish&chips come se non ci fosse un domani!

Foto di copertina Spoon Restaurant and Lounge da pagina Facebook.
Ti piacciono questi articoli? Iscriviti gratis alla newsletter di 2night

 

  • Ora / Giorni:
  • Questo evento è passato
ORA PUOI LEGGERE:

10 birrerie a Milano da non perdere

Rossa, Bionda, Nera o Ambrata: proprio non riusciamo a metterci d'accordo. C'è chi preferisce la bionda dal fascino tradizionale, chi la rossa dal carattere frizzante e chi la bruna dalle rotondit...

di maggie ferrari