Viaggio tra le migliori cover band pugliesi - parte I

I tributi agli artisti italiani

Ai pugliesi piace senza dubbio il sole e il mare, la pizza, e quello che oggi chiamano street food, ma che da noi fino a ieri si chiamava panzerotti fritti, sgagliozze, e pane e merda (se questo termine ti sconvolge hai bisogno di leggere quest'altro articolo). A questa piccola lista sugli amori dei pugliesi trovo ormai doveroso aggiungere la passione per le cover band.

Se la pizza dev'essere onnipresente in ogni locale, la stessa cosa dicasi per i locali che fanno musica dal vivo, dove è sicuramente più vendibile una tribute band che emula un grande artista piuttosto che uno sconosciuto cantautore che propone pezzi propri. Quindi stavolta ho deciso di fare un viaggio alla scoperta dei più famosi tributi in Puglia, ma in corso d'opera mi sono reso conto che c'era molto da scrivere, così ho deciso di dividere l'articolo in più pezzi.

La Combriccola di Vasco

band
Parto con loro non tanto per chissà quale passione per Vasco Rossi, ma per un mix di sentimenti e di dare a Cesare quel che è di Cesare. Ahimè, temo che per questo paragrafo perderò la brevitas.
La Combriccola di Vasco è una delle tante cover band del Komandante? Per me assolutamente no. Prima di tutto, hanno iniziato a suonare quando non esisteva Facebook e Youtube, ovvero quando per ottenere una serata dovevi andare direttamente dal locale a portargli demo o video da visionare, perché all'epoca nessunissimo gestore smanettava al punto da poter scaricare una email col tuo materiale. Lo facevo anch'io con la mia band, quindi conosco la vera passione che ci voleva allora. In secondo luogo è stata la prima cover a suonare con musicisti mainstream; ora è tutto più semplice grazie al web, ma 15 anni fa vederli suonare con gente come Maurizio Solieri, Cucchia, Clara Moroni e il Lupo, era sconvolgente. Least but not last: era la cover band del grande Mimmo Bucci, amico, ottimo artista (non ho più spazio, ma vi invito fortemente a scoprire le sue canzoni), infaticabile manager di se stesso, e ragazzone d'oro. Non è un caso se lo stesso Vasco Rossi, sul palco del San Nicola nel 2007, decise di salutarlo assieme al suo Massimo Riva. Così come non è un caso se La Combriccola nel 2012 fu chiamata ad aprire il "Vasco Rossi Deejay Project".
Line up: Gnomo, cantante; Max Bollettieri, chitarrista; Gianluca Nanoia, tastierista; Maurilio Mimmi, bassista; Mike Sangiorgio, batteria.

Condotto7

condotto 7
Dopo Vasco non possiamo non tirare in ballo il Liga. Condotto 7 è il marchio di fabbrica di un'altra storica cover band, che al pari de La Combriccola, ha avuto l'onore di collaborare con i musicisti del suo nume tutelare. Assieme a questa band barese si sono esibiti il Capitano Poggipollini, Mel Previte, Robby Pellati, Antonio “Rigo” Righetti. Il frontman è Antonio Cassano, che, oltre alla voce, gode di una buona dose di somiglianza con Luciano Ligabue (come da sempre gli diceva l'amico Beppe Arnese, chitarrista e cofondatore dei C7), cosa che chiaramente è un plus in questo ambito.
Line up: Antonio Cassano , cantante; Saverio De Giglio, chitarrista; Nicola Pedone, tastierista; Nicky Belviso, bassista; Aldo La Stella, batterista.

Sopravvissuti e Sopravviventi

sopravvissuti e sopravviventi
Due cover band del Liga nello stesso articolo: e qui scatta il chi è meglio di. Fermo lì, sarebbe un errore! Questa band bitontina è un altro pezzo di storia visto che esiste da ben 13 anni.
Ottimo tributo al rocker di Correggio al punto da essere una delle poche cover a fare veri e propri tour che non valicano semplicemente i confini della Puglia, ma addirittura dell'Italia, visto che hanno suonato persino in Svezia.
Line up: Francesco Pasculli, cantante; Francesco Ruggiero, chitarrista; Marco Cotugno, chitarrista; Francesco Fusano, tastierista; Arduino Panaro, bassista; Gianluca Fallacara, batterista.

Poohlovers

pooh lovers
In così tanto rock fa strano leggere di una tribute band dei Pooh, ma qui stiamo parlando di musica, non di un genere di musica, e questi ragazzi sanno il fatto loro. Nel 2006 suonarono sullo stesso palco di Facchinetti e soci, infatti i Poohlover sono stati premiati in un contest proprio dai loro beniamini con la seguente motivazione: "per la perfezione assoluta dell’impasto vocale". 
Line up: Gianni Mennuni, cantante e tastierista; Nico Schirone, chitarrista; Angelo Lupo, bassista; Eugenio Perulli, batterista.

Vuoi rimanere aggiornato sui migliori eventi della Puglia? Iscriviti alla newsletter. 
In copertina La Combriccola di Vasco nella prima formazione con Mimmo Bucci

ORA PUOI LEGGERE:

Viaggio tra le migliori cover band pugliesi - parte II

I tributi agli artisti internazionali

di mirko galletta