4 tour enogastronomici da fare in Lombardia

Come unire un’ottima cena con tanto di vino e un giretto alla scoperta di qualche bellezza architettonica lombarda? Semplice, con un tour enogastronomico. Va molto di moda, ormai tutti sono blogger di qualcosa – food, arte, wine e via dicendo -, quindi fa anche molto figo dire: “Questo fine settimana faccio il tour enogastronomico alla scoperta del risotto mantovano”. Ogni scusa è buona per mangiare, per me, a dire il vero, più per bere un bicchiere di vino. Purché sia buono. E in Lombardia, per fortuna, i vitigni eccellenti di certo non mancano.

Formaggella del Luinese alla Rocca di Angera

valli varesine tour gastronomico Il tour enogastronomico delle Valli Varesine interessa la porzione montana della provincia di Varese, fino alle Valli del Luinese. Paesaggio pieno di verde e ottime delizie da mettere sotto i denti. Formaggella del Luinese DOP, salamini di capra e ricotta, insieme al brasato di cinghiale, tanto per stimolare un po’ l’appetito. Da bere, Ronchi Varesini IGT. Io ho una predilezione per i castelli: da visitare c’è la Rocca di Angera e la Torre imperiale di Maccagno.

Casoncei e Valcalepio DOC

valcalepio tour enogastronomiciLa zona di Bergamo offre interessanti spunti sia culinari che artistico-paesaggistici. Dalla fascia collinare ad est di Bergamo, fino al lago d’Iseo, passando per i terreni argillosi della fascia a nord ovest di Bergamo che ospita 300 ettari di vigneti. La strada del Vino e dei Sapori della Valcalepio si gusta a tavola con casoncei alla bergamasca, polenta con brasato e coniglio. Il vino d’accompagnamento è un Valcalepio DOC, rosso o bianco. Io mi farei anche un giro sul lago d’Iseo, magari prima che finisca The Floating Piers, l’installazione di Christo che fa camminare sulle acque.

Risot menà e Lambrusco

risotto mantova tour enogastronomicoQuasi al confine con il Veneto, la zona di Mantova regala delle chicche a chi ama il risotto. La coltivazione del riso qui è una faccenda antica ed esalta la varietà autoctona, il Vialone nano. Adesso, senza perderci in troppe chiacchiere, sediamoci a tavola per ordinare il risotto alla pilota – cucinato per assorbimento dell’acqua e aggiunta di pesto di maiale -, oppure il Risot menà, mantecato con salamella fresca e brodo di carne. C’è anche quello con la zucca, che apprezzo sempre, ma bisogna aspettare la stagione. Il tutto annaffiato da litri di Lambrusco.

Spiedo alla bresciana e Capriano rosso

colli longobardi tour gastronomici lombardiaLa storia di questo itinerario gastronomico si snoda attorno a Brescia. Antico centro gallico, divenne poi un importante ducato longobardo. Lo spiedo alla bresciana la fa da padrone, ma anche la trippa da questi parti è un piatto di casa. Il Capriano del Colle, bianco e rosso, è uno dei vini della zona, insieme al Montenetto di Brescia e il Ronchi. La tentazione, se finissi da queste parti, è quella di allungare il passo fino alla Franciacorta. Stai attento, però, a non perderti tra le bollicine!

Foto di copertina dal profilo FB delle Valli Varesine
Ti piacciono questi articoli? Iscriviti gratis alla newsletter di 2night


 
 

  • Ora / Giorni:
  • Questo evento è passato
ORA PUOI LEGGERE:

Week end al lago: 5 più belli da visitare in Lombardia

Adesso è la stagione perfetta. Fare un giro al lago in autunno regala delle prospettive uniche perché d’estate fa troppo caldo e d’inverno la maggior parte degli alberi ha perso già tutte le fo...

di fabrizio arnhold