Romane vs Milanesi: come si vestono per fare colpo

Dopo avervi portato nelle spiagge italiane a conoscere, o meglio, a riconoscere le ragazze romane da quelle milanesi al mare, eccoci con il secondo appuntamento del nostro viaggio alla scoperta delle abitudini e dei trend che caratterizzano (e distinguono) le capitoline e le meneghine.
 
La curiosità alla quale rispondiamo oggi è: "Come si vestono romane e milanesi per fare colpo?". Sebbene la moda ormai accomuni le donne di tutta Italia, infatti, ci sono dei particolari che ancora possono farvi facilmente riconoscere una ragazza milanese da una romana. Noi ve li sveliamo subito attraverso questi accessori/indumenti immancabili nell'armadio di entrambe:

5. Come la porti la borsa?

romane vs milanesi come portano la borsaNon importa se nella borsa ci siano solo cellulare e portafoglio o se ci siano computer, tablet e tanto altro, una vera milanese la borsa, a prescindere dal peso, la porta sempre sull'avambraccio. Anche per questo nella capitale italiana della moda sono le borse con il doppio manico corto quelle ad essere più vendute. Diversa la questione se ci spostiamo a Roma, dove è la tracolla la borsa preferita dalle romane che, a quanto pare, non sono disposte a rinunciare alla comodità.

4. Mezzo tacco vs plateau

romane vs milanesi come portano i tacchiUn tempo il primo era sinonimo di eleganza, raffinatezza e bon ton, il secondo di volgarità, rozzezza e poca classe. Oggi questi cliché sono stati superati e così una décolleté o una chanel con mezzo tacco è diventata la scarpa perfetta anche sotto ad un jeans, mentre quella con il plateau è diventata ideale anche per una cerimonia. Chi preferisce quale? Le milanesi hanno le scarpiere piene di mezzi tacchi, le romane, invece, non farebbero mai a meno di quel comodo e slanciante plateau.

3. Il jeans strappato che mette d'accordo tutte

romane vs milanesi come portano i jeans strappatiAbbiamo trovato un capo al quale sia le romane che le milanesi non rinuncerebbero mai: il jeans strappato, anzi, strappatissimo, di quei modelli che sono più buchi che stoffa, che sembrano capi vecchi, usurati, ma che invece sono i jeans più cool del momento. Anche qui, però, una differenza tra capitoline e meneghine c'è: le prime li indossano con sneakers o stivaletti, le seconde osano con la scarpa con il tacco (anche a stiletto) meglio se di un colore pastello. Che ne pensate?

2. Trench vs chiodo

romane vs milanesi trench o chiodo di pelleEntrambi sono capi senza tempo, di quelli che tutte le stagioni troviamo nelle collezioni delle grandi maison e in quelle dei grandi colossi del low cost. Ma, anche di fronte a questi 2 evergreen, romane e milanesi hanno la loro preferenze: per le ragazze di Roma è il chiodo l'amico fedele che tiene loro compagnia e completa i look con stile durante le mezze stagioni, per le milanesi, invece, è il trench l'antipioggia più cool e utile in assoluto.

1. E il cappello?

romane vs milanesi come portano il cappelloTornato in vetta alla classifica degli accessori più cool della moda femminile, il cappello è un altro accessorio immancabile nel guardaroba di romane e milanesi, perfetto per farsi notare quando si esce di giorno e anche di sera. E se si parla di cappelli, la scelta è davvero vasta. Le milanesi da anni non escono senza un borsalino o un basco femminile, le romane ci sono arrivate a piccoli passi, rimanendo per anni affezionate solo al tradizionale zuccotto di lana, ma, da qualche stagione, anche loro hanno preso confidenza con il fedora e la bombetta alla Sherlock Holmes.

Credit photo: bellezzasalute.it, meteoweb.eu, pensorosa.it, staibenissimo.com, consiglixprincipianti.it

Foto di copertina: Da pagina facebook di Bianca Balti - Da pagina instagram di Ilary Blasi

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di 2night

 

ORA PUOI LEGGERE:

5 aperitivi a Roma che forse non hai ancora fatto

Stanco del solito aperitivo? Tu e i tuoi amici non volete rinunciare al rituale happy hour delle 18, ma avete voglia di sperimentare qualcosa di nuovo, di originale, di sorprendente? A tutto c'è rime...

di francesca demirgian