Mercato Centrale, quando la sala d’attesa diventa gourmet

La Cappa Mazzoniana, ala della Stazione Termini fino a pochi mesi fa mangiata dal degrado rinasce in uno degli esperimenti più interessanti e di sicuro successo del panorama gastronomico romano: street food, alta cucina e prodotti d’eccellenza

Il primo tentativo a Firenze già si è rivelato un successo senza precedenti, e allora perché non provare a ripeterlo a Roma? Detto, fatto. Ad appena un mese dall’inaugurazione, Mercato Centrale, il nuovo “bazar del gourmet” voluto ed ideato da Umberto Montano con la collaborazione di ECVacanze, è già diventato un sancta sanctorum per i romani appassionati di gastronomia. Per ospitare le 15 botteghe del gusto non poteva esserci location migliore della Cappa Mazzoniana, ala della Stazione Termini fino a poco tempo fa divorata dall’incuria e dall’abbandono, ed oggi rinata in tutto il suo splendore architettonico dal fascino vintage anni ’30. E poi, diciamo la verità, l’Esquilino aveva davvero bisogno di una realtà come questa dopo decenni di degrado continuo. Credo, poi, che il successo di Mercato Centrale sia da cercare soprattutto nel rapporto diretto tra cliente e piccolo produttore e artigiano, nella scoperta dei prodotti, di storie e aneddoti, di profumi e sapori, ossia la vera anima del mercato cittadino, qui però trasformato in un tempio del gourmet e dell’eccellenza gastronomica. Dopo averlo girato in lungo e in largo, ecco i banchi che mi sono piaciuti di più.

La ricerca dell’eccellenza

mercato centrale gabriele bonci panificio pane pizza termini gourmet street food Il protagonista assoluto di Mercato Centrale è senza dubbio il cibo di strada, con quanto di meglio oggi si possa trovare a Roma, a cominciare dalle meravigliose pizze e focacce e dai dolci di Gabriele Bonci, considerato ormai l’ambasciatore dei prodotti da forno romani. 150 metri quadri il suo spazio espositivo con vetrine che ospitano continuamente chili di pizza fumante di ogni tipo e condimento, pani speciali, rustici, cornetti e torte di rara bellezza e bontà.

Pizza & Trapizzino

trapizzino stefano callegari mercato centrale termini roma pizza gourmet street food cibo di strada Ma per quel che riguarda la pizza il panorama che offre Mercato Centrale si è arricchito anche della presenza di Romualdo Rizzuti e della sua meravigliosa pizza spicchiata. Inutile, infine, tesserele lodi del Trapizzino di Stefano Callegari, che oltre che al Mercato Centrale è sbarcato trionfalmente in questi giorni anche a New York.

Fritto forever

pastella fritto street food romano mercato centrale banco stazione termini martino bellicampi supplì baccalà verdura pastellata Altro protagonista assoluto dello street food romano è il fritto, qui affidato alle mani sicure di Martino Bellicampi di Pastella che propone succulenti supplì, filetti di baccalà, verdure e anche qualche piatto particolare a base di pastasciutta.

Ospiti speciali

mercato centrale roma stazione termini gelato luca veralli stefano pannocchietti pasticceria siciliana cassate cannoli espressi dolci Mercato Centrale, tuttavia, non si limita alla sola tradizione gastronomica romana. Ospiti di riguardo, infatti, anche il meglio della pasticceria siciliana con i dolci di Carmelo Pannocchietti, dove spiccano oltre ai mitici cannoli farciti al momento anche le sue scorze d’arancia candite ricoperte di cioccolato; la cucina vegana espressa di Marcella Bianchi con le centrifughe, zuppe ed insalate imperdibili, ed il gelato di Luca Veralli, con i suoi 18 gusti da degustare con cura gratuitamente per aiutare la scelta dell’abbinamento.

I tesori del territorio

mercato centrale prodotti del territorio lazio stazione termini roma carciofi funghi alessandro conti gabriele la rocca carne macelleria roberto liberati pescheria pesce fresco edoardo galluzzi pasta all'uovo egidio michelis Un discorso a parte meritano i banchi destinati ai venditori di prodotti di eccellenza, con il meglio del meglio della produzione alimentare della regione Lazio. La carne è quella di Roberto Liberati, il pesce è servito freschissimo ogni giorno da Edoardo Galluzzi, fornitore dei migliori chef della Capitale. In un mercato come si deve non può mancare il banco della pasta fresca, qui affidato al bravo Egidio Michelis, specialista in paste ripiene (ravioli e agnolotti uber alles). Carciofi e funghi è la curiosa insegna del banco coogestito da Alessandro Conti e Gabriele La Rocca e che propone assaggi di prodotti stagionali laziali (porcini, ovoli, carciofi, puntarelle e molto altro) da consumare anche sul posto.

Tartufi e caffè

mercato centrale roma stazione termini tartufi luciano savini caffè espresso mondi miscela banco Non esiste paradiso dei gourmet senza il tartufo. Al Mercato Centrale la preziosa missione è affidata a Luciano Savini, “tartufaro” di Roma per eccellenza, già noto al grande pubblico per la sua meravigliosa bottega di San Lorenzo. Al suo banco si possono trovare le eccellenze del tartufo laziale di stagione, come l’uncinato ed il nero pregiato. Ed infine il caffè, espresso speciale creato con una miscela fatta appositamente da Franco Mondi per Mercato Centrale.

Foto di copertina tratta da pagina Facebook di Mercato Centrale Roma

Iscriviti alla Newsletter di 2night

ORA PUOI LEGGERE:

Nuove aperture a Roma tra biologico e gourmet - ottobre 2016

Hamburgers vegani, friselle, forni ecosostenibili e il grande evento di ottobre: l’inaugurazione di Mercato Centrale a Termini

di lorenzo coletta