5 posti a Treviso dove bere birre belghe o britanniche

Oramai è una passione dilagante: la birra artigianale piace nella Treviso da bere, piace sempre più di più. Andare a caccia della combinazione di luppolo e malto più capace di soddisfare il proprio palato è un divertissement che ha preso piede come le degustazioni di vino nei wine-bar. E dopo il recente successo dei microbirrifici italiani (in molti casi non più così “micro”), oggi è un momento di riscoperta delle birre belghe e di quelle del Regno Unito: inglesi, scozzesi, gallesi e irlandesi. Venghino siori, venghino.

L’imbarazzo della scelta in strada ovest

bAperto da un anno, il Mezza Pinta ha già stracciato i suoi bravi record: 30 birre alla spina (27 classiche, 1 carbo-azoto e 2 pompe) e 300 birre in bottiglia. Un vero paradiso di malto e luppolo dove a farla da padrone sono le belghe, che la radiosa Monica ti farà assaggiare con sapienti consigli. Quanto ai miei, di consigli, ti suggerisco l’abbinamento con le patatine fritte al formaggio di Chimay.

Belghe spillate come si deve, e i cibi giusti in abbinamento

belgheStorico punto di riferimento per gli amanti della birra e dei terzi tempi in generale, il Lune Blanche di Preganziol gonfia il petto d’orgoglio non solo per la selezione di birre proposte, ma anche per la qualità della spillatura. Dal Belgio, poi, hanno sempre almeno una pils, due ricercate birre d’abbazia, una blanche e infine la favorita di casa, la Wellington Scotch che lo chef utilizza anche per il suo formidabile stinco alla birra. Ma non manca il Regno Unito, con la possente Tennent's Super made in Scotland: occhio eh, definirla "corposa" sarebbe eufemistico.

La birreria coloniale che oggi raddoppia

colonialCome se non bastasse già la lussureggiante steak house di Silea, ora anche Treviso centro ha il suo Colonial Inn. Alla spina, fra etichette australiane, americane ed anche italiane, la fanno da padrone le birre irlandesi più amate nel mondo, come la Guinness e la Kilkenny. E poi in bottiglia un’altra cinquantina di referenze artigianali da tutto il Regno Unito ed anche, naturalmente, dall’immancabile Belgio.

Musica e birra nel Guinness Pub

guinnessL’Outsider di Quinto è un “Guinness Pub Certificato”, il che già dice tutto. La pregiata birra irlandese qui viene spillata con le attrezzature originali e l’autentica tecnica che insegnano nei pub di Dublino, così da permettere alla birra di conservare intatte le sue particolari caratteristiche. Tutt’intorno alla Guinness, gli hamburger scomposti, gli snack gourmet e i concerti musicali del venerdì sera. 

Il Beershop in cui ti fermi a bere e a mangiare

keltikaLa piccola grande novità di Silea è anche un sogno ad occhi aperti per ogni appassionato di birra. Al Keltika entri in un beershop dove tra le 250 referenze disponibili trovi sempre qualche nuova chicca che arriva di chissà quale microbirrificio; ma entri anche nell’unico locale del Veneto dove trova tutte – e dicasi tutte – le 11 birre Trappiste esistenti al mondo. Se non sai cosa significhi, vacci all’ora dell’aperitivo e ordina Westvleteren, da 7 anni in cima alla classifiche delle migliori birre al mondo.

Immagine di copertina: profilo facebook Outsider
Piaciuto l'articolo? Iscriviti alla newsletter

ORA PUOI LEGGERE:

25 ristoranti dove mangiare all'aperto a Treviso e provincia

Aria condizionata e finestre chiuse? Dalla tarda primavera fino a fine settembre, meteo permettendo, non se ne parla: dopo un inverno passato al chiuso, con l’allungarsi delle giornate e le temperat...

di lisa bartoletti