I 10 migliori panettoni artigianali del Veneto

Se devi regalare un panettone, fai che sia fra questi

Il mondo, a Dicembre, si divide in due. I fan del panettone e i fanatici del pandoro non possono condividere lo stesso tavolo, a patto di non arrocarsi in curve opposte, come allo stadio. 
Certo, poi ci sono gli ignavi che "la pasta del pandoro ma con l'uvetta" oppure "panettone sì ma senza canditi e senza uvetta", ma loro stanno seduti nel mezzo.
Io faccio parte della schiera che non è Natale senza il panettone, ma sono anche convinta che non siano tutti uguali e tutti buoni. Suola di scarpe è suola di scarpe, anche impacchettata con nastro dorato e lucine a led.
Ecco i 10 panettoni artigianali migliori del Veneto, quelli che una volta assaggiati non si torna più indietro.

Il panettone tutto l'anno

panettoni migliori del veneto Uno dei panettoni artigianali più gettonati di Venezia nasce in pizzeria, da Grigoris. È proprio l'utilizzo del lievito madre nell'impasto della pizza ad aver spinto Grigoris a sfornare panettoni tutto l'anno. Oltre al classico natalizio, puoi provare la versione con fico bianco, ciliegie marasche, albicoccche candite, cioccolato olive candite.

Il panettone ricoperto

pasticcerie migliori del venetoSolo uova, farine scelte, latte e burro freschi di latteria per i panettoni tradizionali della Pasticceria Rosa Salva di San Marco a Venezia. Ma c'è di più: puoi scegliere anche tra diverse coperture e farciture come quelle allo zabaione, al cioccolato o alla mostarda veneta. 

Il panettone dal 1886

pasticcerie migliori del veneto Il panettone artigianale della Pasticceria Tonolo Tullio di Mirano non ha saltato un Natale dal 1886. La sua forza sta nella ricetta tradizionalissima eseguita senza sgarri dai mastri pasticceri anno dopo anno.

Il panettone lento

pasticcerie migliori del veneto La lievitazione del panettone artigianale dell'Antica Pasticceria Nascimben di Treviso è lunga ben 24 ore. Aggiungici l'utilizzo del lievito madre e otterrai un dolce soffice e decisamente "nataloso" (non chiamate l'Accademia della Crusca).

Il panettone sperimentale

panettone artigianale veneto Il Panettone della Pasticceria Tiffany di Treviso è famoso per la fantasia delle sue farciture: cioccolato, crema al torroncino, zabaione e addirittura gelato. Per una venatata di originalità, tenendo ferma la qualità dell'impasto di base.

Il panettone con la condizionale

panettoni migliori del veneto Rinomato e conosciutissimo nell'hinterland padovano, il panettone della Pasticceria Giotto del Carcere di Padova è tra i più apprezzati della città. Le 72 ore di lavorazione e il progetto sociale che stanno a monte fanno la differenza.

Il panettone trasformista

panettoni migliori del veneto Il panettone artigianale della celeberrima Pasticceria Biasetto di Padova ama travestirsi. Oltre oltre alla versione tradizionale, si propone nelle allettanti vesti al cioccolato e perlato alla vaniglia e miele d'acacia.

Il panettone che dà i numeri 

panettoni artigianali veneto La Pasticceria Loison di Vicenza è famosa soprattutto per il suo panettone: 3 impasti, 72 ore di lievitazione, rinfreschi ogni 6-12 ore. Il processo non forzato di produzione e l'attenzione al particolare lo rendono un panettone decisamente di pregio. 

Il panettone da re

panettoni migliori del veneto Difficile dire se sia più conosciuto l'artefice - Renato Bosco - o il prodotto finale: il panettone artigianale. Senza grassi idrogenati, il soffice dolce ha un solo mese di vita e si può assaggiare o acquistare da Saporè Pizza e cucina a San Martino di Buonalbergo.

Il panettone d'autore

panettoni migliori del venetoLa vera novità del Natale 2016 in casa Perbellini è il Panettone d'Autore: antica ricetta; arancia e cioccolato; cedro, zenzero e cioccolato sono le tre varianti prescelte, avvolte da un packaging raffinato e accattivante. 

Per restare sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter gratuita di 2night.
Immagine di copertina dalla Pagina Facebook di Grigoris





 

ORA PUOI LEGGERE:

I 3 tavoli più esclusivi da prenotare a Venezia

Cena a Venezia, si, ma nel tavolo più bello del ristorante.

di rossella neri