La cucina di Mediterraneo sbarca all'Adigeo di Verona

Apre venerdì 30 marzo nel nuovo centro commerciale Adigeo di Verona il nuovo locale dove rifocillarsi nelle intense giornate di shopping e non solo. Un posto dove sentirsi a casa, dove coccolarsi e rilassarsi.

Il Mediterraneo, è un locale che nasce da una famiglia di ristoratori che già negli anni '60 hanno invaso la città di Mestre/Venezia con la loro cucina tradizionale. Alla fine degli anni '70 il figlio Carlo ebbe l'intuizione di portare la cucina tradizionale del territorio in tutto il territorio italiano. Iniziano a nascere nuovi locali che conquistano la provincia veneziana con tramezzini e stuzzicherie golose per pranzi veloci e non solo. 
mediterraneo adigeo vr
Ed oggi, nella bellissima città di Verona, il nuovo locale il Mediterraneo conquisterà tutti con prodotti di qualità dalla colazione ai pranzi;
come gli oltre 25 gusti di tramezzini preparati tutti i giorni a vista e panini freschi farciti con ingredienti freschi, genuini e di qualità per un pranzo veloce.

Ma non solo qui la focaccia romana regna sovrana, nata da studi sulle farine e sugli impasti, con le sue 30 ore di lievitazione e le sue diverse farciture conquistano il palato di grandi e piccini.
Qui il mega bancone è sempre rifornito con piatti diversi e prodotti con materie prime fresche e di qualità, il tutto respirando un'atmosfera casalinga.

Mediterraneo pone la sua attenzione anche al benessere delle persone mettendo a disposizione della clientela un'intera area verde con insalatone miste, centrifughe, piatti con orzo, farro, riso venere e quinoa preparati con vari combinazioni di verdure o pesce.
mediterraneo adigeo vr
E per finire un buon caffè con miscela arabica al 100%.

  • Ora / Giorni:
  • Questo evento è passato
ORA PUOI LEGGERE:

La colazione giusta per ripartire dopo le ferie, a Verona e dintorni

Immagina se Audrey Hepburn avesse rimirato le vetrine di Tiffany mangiucchiando un tramezzino al posto del croissant, trasformando in moderno un classico e seguendo la moda del brunch, che non è più...

di camilla cortese