7 pizze senza glutine a Verona e provincia, un’ottima medicina per la celiachia

Per chi è affetto da celiachia, mangiare fuori casa può essere un dramma o una drastica rinuncia, così ho cercato per te alcune pizzerie molto apprezzate dai celiaci per i loro menù dedicati (preparati secondo le norme del “Registro Nazionale degli alimenti specificamente formulati per celiaci”) e affiliate ad AIC (Associazione Italiana Celiachia) che è dal 1979 il punto di riferimento unico in Italia per la celiachia, e risponde alla necessità di chiarezza, onestà e competenza in materia.

Perché il “senza glutine” non è una moda, è la terapia per la celiachia (Malattia Celiaca) che è una infiammazione cronica dell’intestino tenue, scatenata dall’ingestione di glutine in soggetti geneticamente predisposti; il glutine è la frazione proteica di alcuni cereali (frumento, orzo e segale). Dal 13 al 21 maggio 2017 si terrà la “Settimana Nazionale della Celiachia” dedicata all’educazione alimentare: per vivere al meglio la dieta, migliorare la qualità di vita delle persone celiache e delle loro famiglie, e diffondere cultura alimentare dato che, secondo uno studio della Columbia University (pubblicato dal British Medical Journal), la dieta senza glutine non dà nessun beneficio a chi non soffre di questa patologia. 

A Settimo di Pescantina gluten free

Ristopizza Settimo Cielo si trova a Settimo di Pescantina ed è un ambiente caldo e amichevole, gestito con il sorriso, l’attenzione alla qualità e un occhio di riguardo al gluten-free. Qui i celiaci troveranno un menù dedicato, che affianca il tradizionale menù con pizza cotta nel forno a legna (sessanta gusti), birre alla spina e birre artigianali in bottiglia, ristorazione (pasta fresca fatta a mano, risotti, carne alla brace, pesce, hamburger gourmet e dolci fatti in casa) e una fornitissima enoteca. Gli impasti della pizza vanno dal classico a quello a base di Kamut senza glutine con lievitazione minima di 48 ore. E per i celiaci che non vogliono rinunciare a una buona pizza anche a casa, qui fanno servizio di precottura, abbattimento e confezionamento sotto vuoto per la conservazione: basterà finire la cottura della pizza nel forno di casa.

Ad Arbizzano di Negrar gluten free

Alla pizzeria La Sfera (con certificazione anche come ristorante per la celiachia) trovi la pizza classica e quella preparata con farina di soia, specialità veronesi e dolci golosi per i tuoi amici e familiari; e per te che sei celiaco, c’è una pizza gluten-free che non ti farà rimpiangere quella classica (con prenotazione entro le ore 19), perché qui si pone molta attenzione all’approvvigionamento e allo stoccaggio delle materie prime, per evitare contaminazioni. Tra le portate senza glutine trovi fritture di pesce, gnocco fritto con crudo e mostarda fatta in casa, gnocchi di patate con sughi fatti in casa, pasta all’uovo e paella alla Valenciana, oltre ai dessert (tiramisù, sacher e molti altri). Durante le festività, tutti i menù vengono ideati anche gluten-free.

A San Giovanni Lupatoto gluten free

Alla pizzeria Pace Paquara a San Giovanni Lupatoto, nel periodo estivo puoi godere del verde plateatico immerso nella natura del parco dell’Adige. Qui sono specializzati nella preparazione di pizze (anche d’asporto) e pietanze senza glutine, garantendo la non contaminazione durante la preparazione e l’uso di ingredienti certificati: ogni giorno la cucina propone un ricco assortimento di pizze con farina 100% Kamut, multicereali o senza glutine (15 pizze senza glutine in menù, ad esempio pizza Garibaldi con Pomodoro, olio extra vergine, origano; pizza Giovanna D’Arco con Pomodoro, mozzarella, melanzane, gorgonzola, crudo; pizza Marco Polo con Pomodoro, mozzarella, salamino, gorgonzola, crudo; pizza Luigi XIV con Pomodoro, mozzarella, verdure miste di stagione, grana). Qui trovi anche birre senza glutine: Estrel Daura (Spagna) Tennent’s (Scozia) Pedavena (Italia) Mission (USA)

A Verona (Quinto di Valpantena) gluten free

La pizzeria Quinto Miglio si trova a Quinto di Valpantena ed è anche pizzeria d’asporto e locale con cucina del territorio, che propone iniziative simpatiche come le promozioni legate al loro coupon per la raccolta punti. Il menù gluten-free comprende: pizze senza glutine con pasta Dr Schar (supplemento di 2 euro per pizza) e ingredienti classici che non contengono glutine (escluse le patatine fritte e il pesto al rosmarino), birra Daura lager 33 cl, pasta gluten-free, lasagne al forno e tutti prodotti della linea Dr Schar.

A Colognola ai Colli gluten free

Pizzeria Osteria La Fenice, a Colognola ai Colli, è un locale rustico e confortevole a gestione familiare, aperto anche a mezzogiorno, dove si utilizzano materie prime di qualità per servire piatti della cucina tradizionale, dolci casalinghi e pizze. Qui la pizza è preparata con tre diversi impasti di pizza (la ricetta è un segreto di famiglia): pizza di farina di grano, pizza di farina biologica di kamut e pizza senza glutine per celiaci riconosciuta dall’AIC.

A Soave gluten free

La Pizzeria Acquario a Soave è un ambiente assolutamente romantico con vista sul famoso Castello. Si trova in un edificio storico, valorizzato da importanti interventi di restauro conservativo per farti immergere in un’atmosfera da sogno, carica di storia. Qui la cucina è molto curata ed è disponibile un menù gluten-free a base di alimenti certificati AIC.

A Verona gluten free

Il Ristorante Pizzeria Ai Glicini è un ambiente semplice ma genuino in cui trovi molti piatti di pesce cucinati con speciale predilezione, accanto a preparazioni di cucina sfiziose che i clienti amano perché molto abbondanti. La pizza per celiaci è buona e il personale è molto attento e paziente nel seguire le esigenze specifiche dei clienti.

Foto di copertina dalla pagina Facebook di Pace Paquara
Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra Newsletter!

ORA PUOI LEGGERE:

La colazione giusta per ripartire dopo le ferie, a Verona e dintorni

Immagina se Audrey Hepburn avesse rimirato le vetrine di Tiffany mangiucchiando un tramezzino al posto del croissant, trasformando in moderno un classico e seguendo la moda del brunch, che non è più...

di camilla cortese