I giardini segreti di Firenze: quali visitare e dove andare a mangiare

Visto che passeremo buona parte della primavera e dell’estate in città (e il mare non è poi così vicino), ho deciso che dedicherò qualche weekend alla scoperta di nuovi parchi nascosti. Mi sono accorta che è possibile vivere la stagione della rinascita, dei profumi e dei colori anche in pieno centro, basta saper osservare! Sono sicura che con un telo, un gelato e un buon libro, rimanere in città non sarà poi così faticoso, in particolare pensando ai ristoranti con giardino per godersi al meglio la primavera. 

Oggi vi racconto dei miei angoli verdi preferiti, tra palazzi, musei e parchi. Palazzi, musei, parchi e ovviamente… ristoranti con terrazze e giardini nascosti, perché ogni singola siepe racconta un pezzo di storia della città, e Firenze ne è piena.
stibbertCominciamo dal nord della città con il parco del Museo Stibbert che, su progetto dell'architetto Poggi, da semplice giardino fu trasformato in un romantico parco all'inglese. Ancora oggi si possono ammirare tempietti, grotte e giochi d'acqua, è aperto tutti i giorni fino alle 19:00.
orticulturaTra i giardini segreti di Firenze consiglio anche il Giardino dell’Orticultura in via Vittorio Emanuele II, delizioso il prato con la loggetta rinascimentale e l’entrata panoramica. Veniva utilizzato come giardino sperimentale per praticare l’arte del giardinaggio nella metà dell’Ottocento, attualmente la serra è utilizzata anche per eventi, aperitivi, party ed attività culturali. 

Avvicinandoci verso la stazione, appena a lato dei bastioni della Fortezza da Basso troviamo i Giardini della Fortezza, un tripudio di verde e di fontane, perfetto per passeggiate e per fare un po’ di sport all’aria aperta nel weekend.
la gratellaProcedendo il nostro percorso tra giardini segreti di Firenze ci sono anche quelli dove mangiare piatti tipici toscani. Non potete perdervi di certo la trattoria La Gratella in via Guelfa, in zona Santa Maria Novella, a due passi dalla stazione e dalla Fortezza da Basso. L’accoglienza di questo locale nel loro caratteristico giardino interno conquista tutti, ritrovi dai sapori della cucina di una volta, i primi piatti di pasta fresca, tra cui il Cacciucco di lampredotto al cavolo nero e tanto buon vino della regione.
corsiniTra i giardini segreti di Firenze, non si può non citare il Giardino Corsini che si trova all’interno del Palazzo Corsini al Prato in Viale Fratelli Rosselli. Ospita opere di grandi artisti del Cinquecento come il Giambologna e il Buontalenti, più di cento piante di agrumi e nella seconda metà di maggio è luogo della suggestiva manifestazione Artigianato&Palazzo.
benedictaUn’altra degna sosta gastronomica la facciamo al ristorante Benedicta, in via Benedetta, un piacere per gli occhi e, soprattutto, per il palato grazie alle 3 forchette per la guida Michelin che può vantare. Ha una cucina ricercata, con piatti stagionali rivisitati con creatività: non avevo mai provato i ravioli con la pappa al pomodoro per esempio! É un’oasi nascosta vicino alla stazione, un meraviglioso giardino addobbato con tendaggi e ombrelloni dove mangiare in tranquillità.
sempliciTra i luoghi nascosti da visitare c’è il Giardino dei Semplici in via Micheli. Anticamente orto botanico creato dai Medici come giardino delle piante medicinali, vanta migliaia di esemplari di piante, tra conifere, piante esotiche, agrumi e orchidee. Il disegno delle aiuole ricorda sia il modello medievale dedicato alla coltivazione delle erbe medicinali e aromatiche sia lo schema del giardino segreto della villa rinascimentale.
borgoIn pieno centro storico c’è un giardino segreto di Firenze, un angolo verde nascosto anche all’occhio più attento, è il Giardino del Borgo in borgo Pinti. Piante rare, agrumi e arbusti nobili, un gioiello per gli osservatori più curiosi. Oggi conserva l’aspetto di un giardino romantico, con vialetti ombrosi e un campo sportivo.
irisAttraversiamo il fiume dal Ponte delle Grazie e dirigiamoci sulla sponda sinistra, verso Oltrarno. Una passeggiata panoramica che toglie il fiato ci porta tra la semplicità, pulizia e sculture in bronzo e gesso di Folon del Giardino delle Rose, sottostante il Piazzale Michelangelo. Sempre nella stessa zona, tra scalette e vialetti di pietra, approfittate della fioritura degli iris per scoprire un altro gioiello nascosto con vista sulla città. Si chiama Giardino dell'Iris dedicato al fiore da cui deriva lo stemma di Firenze: il giglio fiorentino. Un vero giardino segreto, aperto al pubblico solo un paio di mesi all’anno.
leggenda dei fratiMerita una menzione il celeberrimo Giardino Bardini, che si estende sulla zona collinare dalle pendici di Piazzale Michelangelo fino all'Arno, con una scenografica scalinata barocca. Oggi è visitabile con lo stesso biglietto del Giardino di Boboli e racchiude tra il suo verde anche l’omonima Villa. Il tesoro nascosto al suo interno è La Leggenda Dei Frati, tra i migliori ristoranti di Firenze con una veranda nella villa signorile seicentesca. Qualche esempio di piatti storici della casa? La terrina di fegatini, il piccione e i pici tirati a mano.
beppa fioraiaUn’altra sosta da fare, almeno per prendere un Tagliere Mega Beppa è dalla Beppa Fioraia in via Erta Canina, dove un tripudio di salumi, formaggi, noci e marmellate vengono serviti in un ampio giardino: i grandi tronchi degli alberi si insinuano all’interno dei corridoi del locale, in piena comunione con la natura.

In zona rimane da visitare ancora un altro giardino segreto a Firenze, quello di Villa Peyron, formato da una serie di terrazze in pendenza, il bosco, le scalinate, un prototipo di giardino all’italiana con siepi, statue e fontane.
peyronTra le mete insolite nell'Oltrarno fiorentino merita una visita anche il Giardino di Palazzo Frescobaldi in via Santo Spirito, con un unico spazio verde circondato dal vialetto e una statua del Dio Pan; poco distante da qui, nel rione di San Frediano, c’è Giardino dei Nidiaci, tanti alberi, un campetto di calcio, una bella vista sulla Basilica di Santa Maria del Carmine e un'ex-serra detta la “Limonaia".
torrigianiUna perla nascosta sul nostro sentiero è il Giardino Torrigiani tra i più grandi giardini privati d’Europa all’interno di un centro cittadino, con i suoi cedri, querce, cipressi e platani ricopre quasi sette ettari. Il giardino può essere anche affittato per eventi esclusivi.
boboliLa Trattoria Boboli, lungo via Romana è il posto perfetto per rilassarsi, lontano dal caos cittadino a due passi da Palazzo Pitti, tra le botteghe artigiane. È un ristorante con tre terrazze meravigliose con cucina tipica a pranzo e a cena, ma la location vale la pena anche per cominciare la giornata con un’abbondante colazione o semplicemente per una pausa caffè.

Meta imprescindibile tra gli angoli verdi della città è sicuramente il vicino Giardino di Boboli, ma già abbastanza conosciuto. Per scovare un altro giardino segreto di Firenze, dobbiamo proseguire verso Porta Romana, dove si snoda in pendenza, tra scalinate e pendii erbosi, il Bobolino: un Boboli in miniatura insomma.
chalet fontanaConcludiamo in bellezza il nostro percorso in armonia con la natura citandovi un caffè letterario immerso nel verde: Chalet Fontana, con eventi culturali e presentazioni di libri ogni settimana. La caffetteria ha prodotti biologici e la cucina propone sapori mediterranei. Inoltre, ogni sabato è possibile acquistare i loro prodotti dell’orto.

Se questo articolo vi è piaciuto allora state lontani dai centri commerciali e preparatevi ad una gita enogastronomica alla scoperta dei ristoranti di Fiesole con panorama mozzafiato sulla città: una vista unica su Firenze, cucina toscana e buon vino.

Per rimanere sempre aggiornato iscriviti alla newsletter di 2night
Foto di copertina di Artigianato e Palazzo Corsini

ORA PUOI LEGGERE:

15 trattorie di Firenze dove assaporare l'autentica cucina toscana

Non sono mai scontate le cene in trattoria. Mi ritengo una tipa più da bosco che da riviera, per cui mi piace sempre la cucina semplice, genuina, espressa e fatta con amore delle trattorie fiorentine...

di maddalena de donato