I ristoranti etnici da provare in Sempione a Milano

I ristoranti etnici da provare in Sempione a Milano

D’accordo la moda, ma se non si mangia come si deve, anche no. Se si decide di provare una cucina diversa dalla nostra, per non incappare in qualche dramma gastro-gourmet, è bene scegliere con cura i ristoranti. Si fa presto a dire ristorante etnico, ma non vorrai mica finire come Ben Stiller in quella scena del film “Alla fine arriva Polly”, alle prese con cibo troppo speziato? Partiamo dal presupposto che qui nessuno ha voglia di spendere una fortuna per pagare la cena. Ovviamente senza rinunciare a del buon cibo.

All’inizio sono sempre scettico, ma ci sono ristoranti etnici a Milano che vale assolutamente la pena provare. Basta stare attenti a non esagerare con le spezie, soprattutto nella cucina indiana, e non perdere la curiosità. Se hai voglia di provare un nuovo ristorante etnico in zona Sempione, preparati, che si facciamo un bel giro! Ricordati di stare abbondante con il vino perché potresti incappare in piatti particolarmente piccanti!

A cena tra India, Tibet e Birmania

dawat milanoIl Dawat propone i migliori piatti della cucina tradizionale indiana, con contaminazioni di quella tibetana e birmana. Siamo in corso Sempione, la carta offre una pietanze preparate con un rigoroso rispetto dei tempi di preparazione, di lievitazione e di cottura. Puoi iniziare con Chicken Tikka Masala, al riso Pulao, fino alle proposte cotte nel tradizionale forno Tandoori.

L’autentica cena indiana

tara milanoAppena entri al Tara sei avvolto da una sensazione tipicamente indiana. Ancora prima di magiare. Sarà per i colori, caldi, delle pareti e per l’attenzione ai dipinti e agli arredi etnici, con le lampade fatte a mano simili a fiori che emanano una luce morbida e avvolgente. A pranzo poi provare il menù fisso a 13 euro, con un antipasto, piatto principale, riso basmati e pane tipico. A cena la scelta è alla carta, con un menù degustazione, anche vegetariano, o di pesce. Proprio dietro l’Arco.

Per assaggiare le specialità tandoori

shiva ristorante indiano milanoCi spostiamo in Ticinese, allargando un po’ il raggio d’azione. Ma ne vale la pena. Shiva è il regno delle specialità tandoori, cotte nel forno di terracotta. E’ nato come piccolo take-away, oggi accoglie fino a 140 coperti. Da provare i bocconcini di pesce e di carne, marinati e poi cotti nel forno. L’alternativa sono quelli a base di formaggio magro e verdure. La cena sarà particolarmente speziata, quindi è bene essere preparati. Nel caso ordina una bottiglia di vino in più!

Lo street food nipponico

maido milano E chi lo ha detto che etnico sia solo indiano? In zona Sempione c’è anche il secondo Maido! a Milano, oltre a quello di via Savona che propone l’okonomiyaki, ossia la specialità street food popolarissima a Osaka. Tra le proposte non mancano anche i noodles, burger oriental-style. Location perfetta per gli appassionati di “anime” giapponesi perché l’okonomiyaki è la deliziosa frittella che preparava Marrabbio di Kiss me Licia.
MAIDO - via Cagnola 4, Milano - tel. 02.33603930

L’alternativa fusion di design

kanji light milanoConcludiamo il giro al Kanji Light, spostandoci non di molto, fino a Brera, in via San Marco. Terzo nato nella famiglia Kanji, dopo il Fusion e l’Evo, qui la prima cosa che colpisce è il design. A catturare l’attenzione è la luce che gioca con l’ambiente, creando un’atmosfera raffinata ed esclusiva. La cucina è fusion, con la formula all you can eat per la cena giappo. Ogni mese entrano nel menù proposte nuove per stupire in continuazione il palato.

Alla fine del giro tra i ristoranti etnici in zona Sempione, sicuramente non avrai più fame. E’ probabile che tu abbia ancora una discreta sete. Per risolvere la situazione, fai una sosta in uno di questi cocktail bar e finisci la serata alla grande!

Foto di copertina di Tara Milano

Ti piacciono questi articoli? Iscriviti gratis alla newsletter di 2night

ORA PUOI LEGGERE:

I locali con i cocktail più strani di Milano

“O famo strano?”. Vabbè per quello fai pure come ti pare, ma Carlo Verdone a parte, io intendevo il cocktail. Eh sì perché mi sono stancato di bere il solito Manhattan – non è affatto vero ...

di fabrizio arnhold