Pastrami: dall'est Europa a Milano, passando da New York. I locali dove provarlo in città

E’ forse quello che ci ha messo di più ad arrivare in Italia. Negli Stati Uniti il pastrami è già in crisi, adesso che arriva finalmente oltreoceano, da noi invece va fortissimo. Per spiegare di cosa stiamo parlando, farò riferimento alla scena che cita chiunque voglia scrivere un pezzo sul pastrami. In Harry ti presento Sally, la ormai famosissima scena dell’orgasmo simulato è stata girata da Kat’s Deli a New York e Mag Ryan aveva nel piatto un panino di pastrami. A proposito di panini, ecco una lista di idee da assaggiare a Milano, il pastrami in realtà non nasce in America ma è di origine romena. Certo, dire che è un piatto che arriva direttamente da New York fa, inevitabilmente, più figo.

Di cosa è ripieno? Tendenzialmente di carne. Più precisamente si tratta di carne di manzo, ma anche di maiale o di montone, che segue un particolare procedimento di preparazione: la carne, cruda, viene messa prima in salamoia per almeno 24 ore e speziata, successivamente viene affumicata, e per finire cotta al vapore. Scopriamo dove si può assaggiare il pastrami più buono a Milano.

Il primo locale “all” pastrami

dad’s deli - pastrami and more milanoAll'inizio di via Sottocorno è ormai aperto da un po' di tempo il Dad's Deli - Pastrami and More, primo locale milanese a offrire pastrami in tutte le sue varianti. La parola d'ordine è qualità, che sia tacchino, manzo o salmone. L'ambiente è moderno e curato. Oltre al pastrami l'offerta prevede piatti unici, hamburger, insalate e favolose torte american style.

Il pastrami nel localino kasher

denzel milano hamburger pastrami Sta tutto in due salette il Denzel, siamo in zona Solari. Seguendo l’ortodossia ebraica non si mischia la carne con il formaggio. Il panino con il pastrami è accompagnato dalle patatine, perfetto insieme alla birra israeliana. Prezzi umani e porzioni più che soddisfacenti.

Il pastrami street-food

mangiari di strada milanoDa Mangiari di strada il cibo è quello tipico da chiostro del sud Italia che si mescola a una selezione della migliore gastronomia italiana. Il menù è appeso alle pareti, si sceglie cosa mangiare, e poi si paga alla cassa. Lo spazio intorno ai tavoli non è sacrificato, quindi si riesce a mangiare senza creare l’effetto sardina. Cibo fresco, biologico e cotto al momento. La carne dello chef Giuseppe Zen sta attenta alla qualità. Tra i panini non manca il pastrami, insieme a quello con il lampredotto e pane e panelle.

Il pastrami in centro


eatme & go milano pastramiSe fossi assalito dalla voglia irrefrenabile di pastrami dopo una passeggiata in centro, ti puoi fermare in via Torino, da Eatme & Go e ordinare un pastrami nella New York version: oltre alla carne c’è pure il bacon, formaggio fuso, cetriolini in agrodolce e salsa barbecue. Sappi che ci sono anche la London e la Bucarest version, giusto per sottolineare che il pastrami arriva sì da New York, ma la sua origine è romena.

Il bagel pastrami

bagel pastramiIn Piazza XXIV Maggio si trova il Bagels Italy, che propone questa famosa preparazione con certificazione Kosher e Halal. Tra le varie farciture spicca quella con il pastrami di tacchino abbinato ad ingredienti freschi come insalata e pomodori o insalata di cavolo. Una valida novità per chi lo ha già provato in tutte le salse. 

Ci ha messo un po’ per spuntare anche a Milano, ma adesso il pastrami è una certezza anche sotto la Madonnina. Dalla versione più attenta all’aspetto bio, fino a quella completamente street food. Il pastrami va benissimo per la pausa pranzo, d’accordo, se vuoi anche per una cenetta easy, e che non lo vogliamo considerare per l’aperitivo?

Foto di copertina di jeffreyw da Flickr

Ti piacciono questi articoli? Iscriviti gratis alla newsletter di 2night

ORA PUOI LEGGERE:

Le birrerie di Milano dove andare a berti un'ottima birretta

Rossa, Bionda, Nera o Ambrata: proprio non riusciamo a metterci d'accordo. C'è chi preferisce la bionda dal fascino tradizionale, chi la rossa dal carattere frizzante e chi la bruna dalle rotondit...

di maggie ferrari