Tendenza bistrot in Salento: dove sono e come sono i ristorantini che ti portano a Parigi

La prima volta che i miei amici mi hanno proposto di andare a mangiare in un bistrot a Lecce mi sono emozionata. In un attimo il mio pensiero si è teletrasportato a Parigi, in uno di questi localetti con i tavoli piccoli e vicini tra loro dove puoi gustare delle ottime portate o semplicemente fermarti a bere un caffè o un calice di vino. Semplici ma ben curati, affascinanti e raffinati. Ma qui siamo in Salento, ho pensato! Chissà se un bistrot salentino può evocare le stesse emozioni e sensazioni di quelli d’oltralpe.
Non mi rimaneva altro da fare che testarli. Ed è da qui che è iniziato il mio itinerario gastronomico tra i migliori bistrot del Salento. Scoprendo che sì, ci sono tanti posti che possono vantare il nome di Bistrot, accoglienti e riservati, in cui preparatissimi chef reinterpretano i menù tipici utilizzando ingredienti eccellenti, ricercati. In cui si mangia e si beve come nei ristoranti tipici, ma spendendo meno e gustando piatti presentati come opere d’arte. Fino a redarre, come sono solita fare, la mia personale classifica.

Il bistrot di Lecce

salade grecque bistrot flambeaux
Il mio tour gastronomico è partito da Lecce. Dove ho conosciuto il Bistrot Flambeaux. L’atmosfera di questo posto è meravigliosa, arredato con tavoli in legno e panche a ridosso di grandi vetrate, luci soffuse, giochi di colore. È davvero un incanto. Ottimo per una cena romantica ma anche per una birra tra amici. Il menù è ricco di fantasiose insalate, baguettes farcite, fragranti piadine, bruschette, crostini dolci e salati, sandwich e tramezzini, ma anche piatti di salumi, formaggi e verdure grigliate, cous cous, oltre a torte e dessert. Da provare la salade Grecque con lattuga, pomodori, cetrioli, peperoni, feta, olive nere e cipolla. Perfetta se accompagnata da un calice di vino rosso o un boccale di birra. Piacevolissimo anche all'ora del the.


Il bistrot nel cuore del centro storico

tonno pinna gialla biancodibianco
Per un aperitivo, per la colazione o per un brunch il Biancodibianco nel cuore del centro storico di Lecce ti stupirà. Un bistrot raffinato e bianco nell’arredamento proprio come dice il nome, in cui puoi gustare prodotti ricercati e di eccellente qualità, aperitivi originali, insalate gustose, panini gourmet. Il miglior piatto in assoluto sono le acciughe del Mar Cantabrico servite con burro del piemonte in ghiaccio, pomodori semisecchi di Pantelleria e accompagnate da stracciatella fresca con crostini di pane caldi. Cosa ve lo dico a fare? Squisito. Il tutto accompagnato da un'accurata selezione dei vini e drinks. I titolari e il personale sono tanto cordiali e accoglienti da farti sentire sempre a casa.
Biancodibianco in Corte dei Genovesi 1 a Lecce.

A pochi passi dall'Anfiteatro Romano

redattori licheri kiodofisso sala
Se invece ho voglia di un ottimo hamburger artigianale gourmet mi rivolgo alla mia hamburgeria di fiducia, il Kiodofisso, a pochi passi da Piazza Sant'Oronzo e da Porta San Biagio. Di tanto in tanto Piergiorgio si diletta, insieme ai suoi chef, a proporre novità in menù, anche burger di pesce o veg. Due varianti di hamburger davvero speciali, ideate da pochissimo, sono  Mediterraneo e Bismark. Carne al 70% di vitello e al 30% di maiale, con un cuore di mozzarella fusa in forno, pomodorini e rucola (nel caso del Mediterraneo) o con l'uovo fritto (per il Bismark). Il tutto avvolto da croccante bacon. 
Originali e gustosi anche gli aperitivi finger food, con abbinamenti gastronomici particolari e serviti in calici di vino. Da provare assolutamente.

Il bistrot di Cursi

piatto bistrot prosit
Il mio itinerario gastronomico continua verso sud dove mi fermo a Cursi. Qui c’è il Prosit, un locale che si dispiega in varie sfaccettature, cercando ed offrendo eccellenza in ognuna di queste. E la cucina non fa eccezione. Un nuovo e speciale menù che punta sulla qualità e sulla bellezza estetica dei piatti proposti me lo fa catalogare tra i migliori bistrot del Salento. Intimo e dal taglio friendly allo stesso tempo, questa volta mi ha stupito con nuove portate al gusto di mare e di terra che sono delle coccole per il palato, ma per me, pugliese doc, niente supera il guazzetto di cozze nere e scampi, di quelli che se non fai la scarpetta con il pane non sei soddisfatto. Buonissimi anche gli straccetti agrodolci di pollo in salsa di habanero. Senza paragoni il Carpaccio di fesa salada. Una delizia.

Il bistrot di Maglie

tagliolini al primitivo su vellutata di pecorino e straccetti di angus joey bistrot cafè
Continuando a scendere, a pochi chilometri si arriva a Maglie, dove nel cuore del centro storico c’è un angolo di paradiso dal nome Joey Bistrot Cafè. Varcando la soglia ci si accorge subito che non è un posto come gli altri, tutto è curato in ogni dettaglio. Dall’angolo bar, dove si possono gustare ottimi drink e cocktail squisiti, alle salette intime e affascinanti dove ci si lascia coccolare dalle specialità dello chef. Un’esperienza sensoriale che inizia dagli occhi, con una presentazione dei piatti curata nei particolari, prosegue con i profumi che rimandano ai prodotti speciali di questa terra e alla passione con cui vengono cucinati, per poi esplodere nel sapore. Il piatto che amo sono i tagliolini al primitivo su vellutata di pecorino e straccetti di angus. Una prelibatezza insuperabile.

 

Il bistrot di Parabita

spaghetti il contenitore
In un’antica piazzetta ai piedi dell’affascinante castello angioino di Parabita si trova Il Contenitore Wine Bistrot, come dice lo stesso nome è un “contenitore” di sapori eccezionali. Pietanze ottime e particolari, tutto esclusivamente preparato homemade e un menù che cambia stagionalmente per avere sempre prodotti freschi e di prima scelta. Tra le varie specialità quella che più mi è piaciuta sono gli spaghetti aglio olio e peperoncino con scampi crudi, pesto di pistacchi e tocchetti di pesce spada. Assaggiate ed emozionatevi. I cocktail preparati in modo impeccabile si possono gustare all’angolo bar.

Il bistrot di Taviano

crema di burrata bistrot chef gianluca
Avvicinandoci al mare c’è un posticino incantevole che propone un menù fisso prevalentemente di pesce, abbondante e ad un prezzo proporzionato a qualità e quantità.  E’ il Bistrot Chef Gianluca, che stupisce con una cucina semplicemente raffinata: si viene accolti con un’ampia varietà di antipasti gustosissimi tra cui crudi di pesce e carpacci, fritti, insalatine e verdure, poi si prosegue con un primo a scelta tra due, un secondo e il dolce. Si mangia fino a sazietà ed è quasi impossibile riuscire a finire completamente tutti i piatti. Ineguagliabile la crema di burrata con carpaccio di gamberoni e menta.
Nella preparazione si sente la mano di uno chef d'esperienza.
Da assaggiare i biscotti di mandorle fatti sempre dallo chef, morbidissimi e profumatissimi o la crostata di pere. E non dimenticate il liquore di primitivo e amarena fatto in casa.
Bistrot Chef Gianluca in Via Nizza 5 a Taviano. 


Ecco, adesso non rimane altro che scegliere da quale tra questi di questi bistrot del salento iniziare. Se alla fine del tuo tour vuoi continuare a gustare bontà, ci sono tantissimi ristoranti tipici tra cui scegliere. Buon appetito!
 
 
 
 

ORA PUOI LEGGERE:

4 locali sulla spiaggia in Salento da consigliare ai tuoi amici... anche a settembre!

Si sente spesso, tra le chiacchere delle persone sedute al bar, l’espressione “tipi da spiaggia”. Il problema è che ci sembra talmente difficile stilare l'identikit di una categoria così varie...

di grazia licheri