Cena Aziendale: istruzioni per trasformare un possibile disastro in una serata memorabile

Sta iniziando il periodo natalizio e, mentre tutti pensano alle vacanze, ai regali e ai pranzi natalizi in famiglia, c’è chi ha già gli incubi per colpa delle temute cene aziendali, che spesso e volentieri si trasformano in disastri. Eppure basta così poco per trasformare anche la cena aziendale in un momento memorabile, la prima regola è semplice: basta mangiare bene! La seconda è quella di trovare un ristorante con degli spazi adatti al tuo gruppo, in modo da poter creare un'atmosfera davvero conviviale.

La gran cena di pesce 

re di quadri
Un’atmosfera accogliente e unica, con un pizzico di moderno per mettere tutti d’accordo, il Re Di Quadri ha una sala principale abbastanza grande da accogliere le lunghe tavolate di colleghi entusiasti.
Il locale propone il menu degustazione riviera, per assaggiare le classiche specialità di mare: gli antipasti sono polenta con le Schie, sarde in saor, soutè di cozze alla tarantina, baccalà mantecato, moscardini e sedano.
Come primo i tagliolini con gamberi e verdure di stagione, mentre per secondo la frittura di calamari con verdurine, e per finire il dessert, un dolce crema e biscotti, e il caffè, che insieme all’acqua e ad un calice di vino, è incluso nel menu a 35€.
Comunque se un calice di vino non vi basta per superare la serata, c’è a disposizione una selezione di vini che può dare una svolta più allegra alla serata.
Per info e prenotazioni: 0414266235 

L'aperitivo riforzato

blind spotUna vista spettacolare e tanti, tanti cocktail, essenziali per superare la serata indenni, e un aperitivo rinforzato per pranzo o cena da gustare insieme ai colleghi, in un ambiente informale e tranquillo.
L’offerta del Blind Spot è disponibile tutti i giorni a pranzo per un minimo di 40 persone, e a cena tutti i giorni tranne il sabato, senza limite minimo di partecipanti. 
Prenotando entro le ultime due settimane di novembre e le prime due di dicembre avrete uno sconto di 5€ su tutte le proposte e un ulteriore sconto del 3% per i pagamenti fatti attraverso bonifico almeno 4 giorni prima, così farete contenti anche i colleghi più tirchi.
Ci sono 3 menu diversi, suddivisi per fasce di prezzo, che varia a seconda del numero di portate scelte (5,6 o 7).
Menu A - 35€
snack per aperitivo: chips di platano, mais cancha speziato, pop corn al chorizo, edamame sale e limone. A scelta un canapè freddo di pesce o di carne, tra tartare o ceviche di capasanta, e un canapè caldo, tra tempura, ravioli giapponesi e involtini primavera.
Poi un mini temaki e uno spiedo anche questi a scelta.
Menu B - 40€
Uguale al Menu A, con in più una porzione di Uramaki a scelta.
Menu C - 45€
Come il Menu B, ma ha in più un Bowl a scelta, ovvero una ciotola di riso condito con ingredienti particolari. 

La cena con vista

akiSituato al 17 piano della Torre HTM di Mestre, l’Aki Restaurant ha una vista mozzafiato, esaltata dall’arredamento colorato e originale, dov’è più facile creare un momento di unità e condivisione, e passare il tempo con colleghi e collaboratori senza annoiarsi troppo.
Propone 3 tipi di menu diversi: uno a base di pesce, uno di carne  e uno di sushi, e quello scelto verrà servito a tutti gli ospiti del tavolo, quindi attenzione a i colleghi più schizzinosi… saranno difficili da accontentare! 
La cena è disponibile per tutte le sere tranne il sabato, mentre il pranzo tutti i giorni da domenica a giovedì, e il venerdì e il sabato per un minimo di 20 persone. 
Se si prenota entro le ultime due settimane di novembre e le prime due di dicembre viene fatto uno  sconto di 5€ sulle varie opzioni, e un ulteriore 3% di sconto se si paga almeno 4 giorni prima attraverso bonifico.
Per il menu di carne (45€) e quello di pesce (55€) un antipasto, un primo e un secondo a scelta tra le proposte, mentre per il menu di sushi (60€) ci saranno diversi assaggi della cucina tipica giapponese.
I vini, l’acqua e il caffè sono inclusi.

La cena gourmet

dimeUn design eccentrico, con vetri di murano e tavoli su misura, al DiMe Bistrot la specialità è il pesce, rielaborato in primi e secondi, sia crudo, che cotto o fritto,  più qualche proposta vegetariana.
I dolci fatti in casa, spesso al cucchiaio, renderanno felici i più golosi, mentre le 60 etichette di vini veneti e la piccola selezione di vini italiani e del mondo, saranno apprezzati da chi ama il buon vino. Per chi non ama solo il vino, ci sono anche birre e distillati, come ad esempio dei Gin artigianali.

La cena bio

al bivio degli artistiArredato con materiali naturali e colori tenui, librerie alle pareti, grandi tavolate e angolini tranquilli, Al Bivio Degli Artisti potete trovare pizze con farine biologiche, lievito madre vivo, e anche pizze senza glutine oppure vegane con verdure di stagione, magari per accontentare quella collega un po’ fissata con la dieta e i prodotti bio. È anche ristorante, con piatti di pesce fresco sempre diversi, specialità di carne come la tagliata o le costicine, primi piatti vegani, e infine dolci fatti in casa.


La cena di pesce firmata dallo chef

sugheroIl ristorante Sughero propone soprattutto piatti di pesce, mentre la carne è su ordinazione, e per chi ama i primi sono da assaggiare i risotti di pesce, gli gnocchi di patate o primi di pasta. Altrimenti trovate anche dei secondi, come i piatti di crudo con gamberi, scampi e tartare, e una proposta vegetariana e vegana, tra primi, due secondi e dolci.
Oltre al cibo, il ristorante ha una decina di etichette di vini rossi e un’altra decina tra prosecco e Franciacorta, e anche 5 birre in bottiglia e altre artigianali.

La cena regale in villa

malipieroSe cercate una location più elegante, il ristorante Malipiero, situato all’interno di una villa veneta del 500 restaurata, con affreschi, stucchi e marmi, è quello che fa per voi.
La specialità della cucina è il pesce, dal risotto alla busara mantecato con scampi crudi, al pesce fritto o crudo, ma ci sono anche offerte vegane e vegetariane, con verdure di stagione.
Per gustarvi al meglio i piatti potete scegliere tra una selezione di 120 etichette di vini, soprattutto veneti e friulani, e alcuni toscani.
A pranzo si può scegliere tra tre formule da 20-23-35€ in base alle portate (una/due/tre), mentre nel fine settimana si possono mangiare 4 portate a 43€

La cena e il pranzo sartoriali

plip natale l’Osteria Plip è sempre aperta a pranzo e a cena fino alle 23:30 e, come ormai in città sanno tutti, propone un' ottima cucina per tutti i gusti: piatti  vegani e carnivori, tradizionali e non. Oltre a antipasti, primi e secondi, puoi scegliere anche panini e burgers (il nuovo cheeseburger definitivo è di sicuro da provare). Per fare colpo sul capo o sui dipendenti (dipende da che punto di vista la si guarda) quest'anno ci sono anche bellissime decorazioni di Natale: un albero gigante, cristalli che scendono dal soffitto come neve e le luci sugli alberi veri che tutto l'anno addobbano la sala dell'osteria per un perfetto stile eco-chic.
È un locale grande e spazioso, che può facilmente ospitare le lunghe tavolate, ma soprattutto ha una selezione di 250 etichette di vino e 60 di birra artigianale e italiana, per alleggerire la serata.
Per info e prenotazioni e decidere il menu: info@osteriaplip.com 3479944257  loro offrono l'aperitivo mentre si decide!

Foto di copertina da pagina facebook di Aki Restaurant Venice

Iscriviti gratis alla nostra newsletter! 

ORA PUOI LEGGERE:

I migliori tramezzini di Mestre e dintorni

Per cominciare ti do una chicca. Lo sapevi che la paternità del tramezzino spetta al Caffè Mulassano in Piazza Castello a Torino? Pensa che è dal 1925 che offre ai suoi clienti più di quaranta com...

di lorenzo conato