La mia cena alla Lisca: cicheti e un'ombra de vin come a Venezia, anche se siamo a Mestre

Dove insegno alla mia amica romana come mangiano i veri veneziani (tiramisù compreso)

Dove mangiare a Mestre qualcosa di tipicamente veneziano? La risposta a questo amletico dubbio nel mio caso è sempre stata autoinvitarsi a casa di mamma e papà, e chiedere ad Armando un piatto di bigoli in salsa. Quando però una tua amica viene a trovarti direttamente da Roma, ad una buona cena vuoi probabilmente aggiungere anche un po’ di chiacchiere e così ecco sfumare l’ipotesi autoinvito alla casa madre.
lisca
Fino ad un anno fa in una situazione simile avrei trascinato Luisa a Venezia, sfidando la stanchezza del suo viaggio in treno, per darle quello che si aspettava: cicchetti e un’ombra de vin. Grazie alla recente scoperta de l’Osteria Lisca, a due passi da Piazza Ferretto, ho invece rispettato il mio ruolo di perfetto ospite ed evitato di vederla trafelare all’ennesimo ponte.
lisca
A Luisa, appena arrivata in città con il treno serale, ho potuto così con orgoglio fare assaggiare subito i nostri cicchetti più tipici: dal baccalà mantecato alle sarde in saor, dalle capesante fino al batacin (baccalà fritto). Il tutto accompagnato da un calice di bianco della Marca Trevigiana e ovviamente dalla mia imprescindibile parlantina.

Sarebbe però stato un peccato, e non avrei incarnato fino in fondo il mio ruolo di ospite, fermarsi solo all’ottimo antipasto (abbondante e degno di papà Armando). Menu alla mano e ascoltando i suggerimenti dei padroni di casa, ci siamo concesse di sperimentare anche il lato più moderno della Lisca.
lisca
Così a sorpresa entrambe siamo state attirate dal risotto di scampi e mela verde, che avrei potuto ordinare anche se Luisa non lo avesse preferito, perché a l’Osteria Lisca non c’è quel comprensibile ma spiacevole obbligo che impone sempre un risotto per almeno due persone. Dettaglio per me non da poco perché spesso, non trovando complici, devo rinunciare a ordinarlo quando vado al ristorante.
lisca
Un posticino per il dolce, si sa, si trova sempre e quindi ecco che il Veneto è tornato in tavola con tiramisu, crema e baicoli. Un tiramisu davvero speciale che ha spinto Luisa ad esclamare: "A Roma non lo fanno così, questo è buonissimo!".

Cara Luisa, ci avete regalato l’amatriciana e la carbonara ma sappi che il Tiramisu lo abbiamo inventato noi a Treviso. 

Per rimanere sempre aggiornato iscriviti alla newsletter di 2night

Osteria Lisca

Viale Giuseppe Garibaldi 6, Venezia (VE)

L'Osteria Lisca è una trattoria con cucina tipica veneta e in particolare veneziana. La gestione è in mano a due fratelli con vent'anni di esperienza nel campo alberghiero:...leggi...

ORA PUOI LEGGERE:

13 ristoranti per la mangiata di pesce a Mestre e dintorni

[aggiornato a settembre 2017] Mangiare specialità di pesce a Venezia e provincia è una tradizione secolare, la zona è piena di ristoranti e trattorie di tutti i tipi: stellati, leggendari, informal...

di margherita maggio