​Tempo di gite fuori porta: 5 idee per visitare la provincia di Padova (e per dove andare a mangiare e bere bene)

È arrivata la primavera! Arrivano le giornate dalle temperature perfette, quelle con il sole caldo al punto giusto, la natura, i fiorellini… insomma, è finita la stagione dei weekend rannicchiati sul divano, è arrivato il momento delle gite fuori porta! Sì ma dove andare? Non serve mica fare troppi chilometri, la provincia di Padova offre itinerari stupendi a due passi dalla città. Eccone 5... con altrettanti consigli sul dove andare a mangiare o a fare aperitivo durante la vostra gita fuori porta.

La città, anzi, Cittadella fra le mura

cittadellaAll’estremo nord di Padova si trova la stupenda Cittadella. Un’antica fortezza medievale ancora completamente murata che offre ai visitatori degli scorci niente male. E sono proprio le imponenti mura una delle attrazioni più importanti della città, tanto che ci si può passeggiare sopra costeggiando i quasi 1500 metri che i soldati medievali percorrevano per controllare e difendere la città. Salire sulle mura e godere del bellissimo panorama (nei giorni più belli si vedono bene anche le alpi) vi costerà 5€. È vero che le mura sono rimaste intatte dal medioevo ad oggi, ma la città dentro si è evoluta eccome.
Dove andare a mangiare: dopo la lunga passeggiata, niente di meglio di una pausa in uno dei migliori locali della zona, no? E allora vi consiglio di andare da Autostazione, locale giovane e trendy che ha rivoluzionato gli spazi della vecchia stazione degli autobus dove troverete una gran selezione di vini, cocktail e ottima cucina.

Villa Contarini Piazzola sul Brenta

villa contarini piazzolaSempre a nord di Padova, si trova una delle Ville Venete più imponenti della provincia. Parlo di Villa Contarini, la sua grandezza risalta nella monumentale piazza antistante il complesso della villa e al suo interno troverete, oltre ad affascinanti affreschi, anche la galleria delle conchiglie, con il soffitto e le pareti adornate di vere conchiglie, e l’auditorium: un teatro sonoro dalle caratteristiche acustiche uniche. Aperta alle visite tutti i giorni dalle 9 alle 19, il biglietto costa 7€.  Se vi piacciono i mercatini, ogni due settimane, nella teatrale piazza di fronte alla villa viene organizzato uno dei più importanti mercatini dell’antiquariato della zona.
E proprio davanti alla villa potrete fare anche una sosta. Che abbiate voglia di caffè, vino o cibo, troverete tutto quello che cercate da Polati che della massima qualità dei suoi prodotti fa un vanto. La location del locale poi… cosa c’è di meglio che sorseggiare un aperitivo (da Polati ne hanno uno speciale che vi consiglio proprio di provare) seduti sul porticato della loggia davanti a Villa Contarini?

Il Castello tra i Colli

catajo castelloImpossibile non notarlo. Se siete passati almeno una volta per strada battaglia, ce l’avrete presente di sicuro. Parlo di quell’enorme castello che costeggia il fiume, giusto prima di arrivare a Battaglia Terme. Costruito dalla famiglia Obizzi, conta ben 350 stanze, tutte affrescate e una più bella dell’altra. Oltre alle meravigliose stanze, il castello è visitabile anche nel grande parco storico con magnolie e sequoie secolari. Il bello di questa gita fuori porta è che volendo ci si può arrivare anche in bicicletta grazie alla comodissima ciclabile che dalla città costeggia l’argine fino al castello. Aperto 4 pomeriggi a settimana, prezzo di entrata 9€.
Dove andare a mangiare: Se dopo tanto pedalare (o anche senza pedalare) vi è venuto un languorino, consiglio Baccanale di Battaglia Terme: un posticino carino dove poter fare aperitivo ma anche mangiare un boccone o una pizza in tutta tranquillità.

La casa di Petrarca

petrarcaSi trova in uno dei Borghi più belli del Veneto, ma che dico? D’Italia! Lo sapevate che Arquà Petrarca è stato proclamato secondo nel ranking nazionale dei borghi che tolgono il fiato?. Se visitare questo piccolo gioiellino sui colli euganei vale davvero la pena, ancora meglio è visitare anche la casa di Petrarca: una bellissima villa del ‘300 ancora splendidamente conservata. Immedesimarsi nella vita trecentesca del poeta vi costerà solo 4€.
Dove andare a mangiare: A circa 4km da Arquà e raggiungendo Baone, consiglio di fermarsi per un aperitivo da Venier, un autentico bar-ristorante come una volta. Oltre ai buonissimi vinelli (anche quelli alla spina sono buoni) e ai gustosi spritz, da Venier ci si può anche fermare per mangiare ottimi piatti della tradizione veneta e dei colli: dai salumi ai risotti, tutto da leccarsi i baffi. Il posticino è piccolo, quindi meglio prenotare.
Venier, Piazza XXV Aprile, 26 – Baone.  Tel. 0429 4766

Una passeggiatina nella bella Este

esteA sud della città, subito dopo la zona dei colli euganei c’è Este. Altra piccola città medievale di cui è impossibile non innamorarsi. Anche ad Este c’è un bellissimo castello, ed è il castello Carrarese che oggi funge da maestosa cornice dei giardini pubblici, inaugurati nel 1915. La parte sud del castello invece, ospita il Museo Nazionale Atestino che raccoglie testimonianze della civiltà paleoveneta. Oltre alla monumentale cinta muraria, Este offre un sacco di scorci stupendi, dalla torre civica con l'orologio, le residenze signorili, fino alla piazza Maggiore.
Dove andare a mangiare: 
Proprio accanto a piazza Maggiore, c’è l’enoteca Extradry, una delle migliori enoteche della città, dove troverete una selezione di oltre 500 etichette di vini e ottimi taglieri e cicchetti da assaporare comodamente seduti ad uno dei tavolini esterni.  

foto di copertina: Castello del Catajo Fotologie da Flick/in cc.