​I 7 ristoranti migliori dove farsi una scorpacciata di Tartufo Bianco d'Alba

Con i suoi 250 € all’etto di quest'anno si conferma la prelibatezza più costosa in tavola, ma bando alla tirchieria per una volta.

Siamo in periodo, l'autunno è il momento perfetto per un week end nelle Langhe e Roero a degustare piatti al Tartufo Bianco d'Alba annaffiati da Barolo e Barbaresco. E pensare che in tempi non remoti ho anche sentito gente dire: "Ha un odore sgradevole, per carità, che schifo" ne è seguita rimozione perpetua alla mia vista, o giù di lì, perché parlare in questi termini del Tartufo Bianco d'Alba ha del sacrilego, non v'è dubbio. Ho organizzato tutto - compresa una visita alla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba, aperta fino al 25 novembre - e con l'aiuto della Guida Michelin selezionato i 7 ristoranti migliori dove farmi una scorpacciata che faccia storia.

7. Enoclub - Alba (CN)
vdv
Il tartufo bianco d’Alba è principe indiscusso della tavola e protagonista (in stagione) del menù di Enoclub, dove è possibile assaporarlo in abbinamento ai piatti che ne esaltano al massimo le caratteristiche uniche. L’ampia carta dei vini poi è il perfetto connubio per una pausa gourmet all’insegna dell’eccellenza.

6. Osteria dell’Arco - Alba (CN)
dvdfv
Il secondo locale gestito dalla coop. I Tarocchi che nasce nel 1986 e in continuità con la filosofia Slow Food propone territorio, attenzione alle radici e ricerca innovativa. La carta dei vini è, non solo contorno a una proposta gastronomica di grande interesse, ma è un viaggio tra le più interessanti etichette di Langa e Roero e con importanti presenze nazionali ed estere.

5. Marc Lanteri Ristorante al Castello - Grinzane Cavour (CN)
vdv
Nella dimora che fu del conte Camillo Benso, in un luogo nel quale si respira la storia e che rappresenta un elemento architettonico-culturale di assoluta eccellenza – tanto che l'Unesco lo ha incluso nella lista dei beni Patrimonio dell'Umanità – Lanteri propone il frutto di una professionalità vissuta, maturata nel tempo

4. All’Enoteca - Canale (CN)
hgfhn
La cucina racconta il territorio e la saggezza casalinga di tante anonime massaie contadine, ma senza indulgere sulla nostalgia e senza chiudersi sulla tradizione e sul dejà vu. Il menù, pertanto, segue le stagioni di Langa e Roero, ma si apre a contaminazioni di colori e di sapori, che sono frutto di viaggi, di ricerca, di creatività.

3. La Ciau del Tornavento - Treiso (CN)
vdfv
Il ristorante, ricavato nell’ex asilo, tipica costruzione di stile Littorio del 1931, sorge a Treiso, nel cuore delle Langhe, terra di grandi vini e di piatti suggestivi. Un piccolo ingresso conduce nella sala, caratterizzata da alti soffitti e pavimenti in legno, dove ci si può accomodare godendo di una vista mozzafiato sui vigneti. Uno dei più amati, la migliore cantina d'Italia dopo l'Enoteca Pinchiorri di Firenze, e sicuramente il più instagrammato. Vedi alla voce scatolina di legno...

2. Antica Corona Reale - Cervere (CN)
bfb
Santuario per gli amanti della cucina gourmet. È frutto di una continua evoluzione, risultato di un impegno familiare che perdura da oltre cinque generazioni, con un savoir-faire trasmesso di padre in figlio da duecento anni.

1. Piazza Duomo - Alba (CN)
vdfbvf
È da quasi 80 anni ormai, che la famiglia Ceretto va in cerca della perfezione. Prima è venuto il vino, poi con Enrico Crippa anche le Tre Stelle Michelin. Non serve aggiungere altro. 
Vuoi conoscere tutti i migliori eventi nella tua città? Iscriviti alla newsletter
Foto di copertina Antica Corona Reale da The Italian Eye Magazine

ORA PUOI LEGGERE:

I memorabili hamburger di Treviso e provincia: accetti la sfida di mangiarli tutti?

Secondo alcuni prestigiosi studi scientifici, l’Umanità è ufficialmente entrata nell’Era dell'Hamburger. Affrancatosi dall’etichetta "fasf food", il panino americano è diventato "gourmet", su...

di alvise salice