Street food fantastici e dove trovarli (a Roma)

Quando la fame chiama, lo street food risponde sempre con tante leccornie diverse, alcune davvero particolari e gustose: ecco i cibi di strada più originali e dove trovarli passeggiando per le vie della Capitale

Veloce, informale e buonissimo, lo street food o cibo di strada che dir si voglia è da sempre uno dei capisaldi della tradizione gastronomica italiana, amato e consumato in ogni regione della Penisola. Che sia per saziare la fame più implacabile o per soddisfare quel languorino che sopraggiunge all'improvviso, lo street food è la soluzione ideale, un mix perfetto di veracità e autenticità in versione "da passeggio". Accanto alle proposte intramontabili - come la pizza al taglio o i sempre goduriosi panini - ce ne sono altre più sfiziose e particolari, dalle felici rielaborazioni dei grandi classici alle curiose sperimentazioni di cucine e tradizioni. Se sei curioso di saperne di più, eccoti una lista degli street food più originali che potrai (e dovrai) assaggiare a Roma.

Made in Puglia

matò Cosa c'entra la Puglia in un articolo che parla di street food a Roma, starai pensando. Adesso te lo spiego: Matò è un - o meglio - è il tempio dello street food pugliese nella Capitale dove tutto viene preparato con ingredienti freschissimi, provenienti ogni giorno dalla regione della taranta. Qui è dove potrai abbuffarti di squisite pucce, focacce baresi, pasticciotti, pizze, rustici e tanto altro, oltre ai meravigliosi spritz e cocktail che rendono l'aperitivo il momento più bello della giornata. Dulcis in fundo lui, sua maestà il panzerotto fritto, in tante versioni salate e dolci. Attenzione: creano dipendenza (poi non dire che non ti avevo avvertito).
Matò - Via XX Settembre 41, Roma - Info: 0642010120 

Fritto, meravigliosamente fritto

i fritti de sora milvia Se ti ritieni un fan dello street food romano, non potrai resistere di certo ai meravigliosi cartocci oleosi (al punto giusto) de I Fritti de Sora Milvia, a due passi da Ponte Milvio. Accantona la dieta e lasciati tentare da sopraffini filetti di baccalà, polpettine di ogni tipo, crocchette e fiori di zucca. Mangia e assaggia più che puoi ma assicurati di avere sempre lo spazio per quelli che sono tra i supplì più incredibili che gusterai mai (davvero incredibile il cacio e pepe): anche il tuo fegato ringrazierà.
I Fritti de Sora Milvia - Via Cassia 4 (Roma) - info: 06 33220828

Un po' pizza, un po' tramezzino

trapizzino È la geniale invenzione di Stefano Callegari, diventata ormai un cult del cibo di strada con sedi a Roma, Firenze, Milano e New York. Di cosa parlo? Dell'unico, inimitabile Trapizzino, una tasca di pizza bianca a tringolo chiusa ai lati e farcita con i condimenti simbolo della gastronomia (sopratutto) romana e internazionale. Le opzioni sono tante, mai una scelta sarà stata tanto difficile: meglio il pollo alla cacciatora o la polpetta al sugo? Meglio doppia panna e alici o coda alla vaccinara? Fai così: nel dubbio, assaggiali tutti.
Trapizzino - Via Giovanni Branca 88 (Roma) - info: 06 43419624

Profumo di Hawaii

mama poké Hai mai sentito parlare del pokè? È la ricetta più famosa della cucina hawaiana, fresca, leggera, a base di pesce crudo marinato tagliato a cubetti, frutta e riso sushi. Da Mama Pokè, che di recente ha inaugutato il suo secondo punto vendita nel quartiere Eur, puoi scegliere gli ingredienti che vuoi da abbinare come vuoi, dal tonno al salmone, dal riso alla quinoa. Il risultato sarà una coloratissima bowl (ciotola) salutare ma estremamente gustosa. Provare per credere.
Mama Pokè, Via Sforza Pallavicini 16, (Roma) - info: 06 45666275

Foto credits: Facebook
Credits copertina: pagina Facebook Matò

Vuoi conoscere le novità sui locali di Roma? Iscriviti alla newsletter
 
 

ORA PUOI LEGGERE:

La fame fa le ore piccole? Ecco i migliori ristoranti di Roma aperti fino a tardi

Per chi non riesce a rinunciare allo spuntino di mezzanotte, per chi esce dal teatro o dal cinema. Mangiare fuori e bene anche a notte fonda a Roma oggi è meno complicato di quanto è stato in passato

di lorenzo coletta