Come l'acqua la domenica mattina. 5 locali di Milano necessari alla sopravvivenza dello studente medio

Va bene, l’università l’ho finita da una decina di anni. Ma io sono un inguaribile nostalgico, mica ho detto romantico eh, e quindi mi piace ricordare appena posso i gloriosi tempi dei corsi in facoltà. In quel periodo l’unica cosa che si tiene mente, a parte gli appelli d’esame, è come impegnare le serate perché tanto anche se si torna tardi, si può sempre arrivare in università con calma.

Ci sono molti locali a Milano perfetti per lo studente medio. La prerogativa, pare evidente, è che non siano troppo costosi. Posti giusti per magiare all’aperitivo, bere una buona birra e chiacchierare con i compagni di corso. Sei già in giro? Ecco, allora prendi nota.

Un classico di fronte al Politecnico

harp pub milanoLo trovi lì dal 1976. L’Harp Pub Guinness da quarant’anni è un punto di riferimento per gli studenti del Politecnico, in piazza Leonardo da Vinci. C’è tanto spazio, fino a 130 coperti, su due piani. Quello sotterraneo è perfetto per incontrarsi con i compagni di corso, bere qualcosa, rivedere i progetti e prepararsi per l’esame, con una connessione wi-fi sempre attiva. Ottima birra, certo, lo dice il nome. Ma eccellente anche la selezione di whisky. Passare di qui è sempre una buona idea.

Per cenare bene senza spendere una fortuna

100 montaditos milano foto di petitaury da instagram aperitivo milanoUna prerogativa dello studente medio è quella di mangiare bene senza spendere troppo. Da 100 Montaditos l’impresa riesce alla perfezione. Siamo in viale Pasubio, il locale propone i tipici paninetti spagnoli, preparati con ingredienti di qualità. È un fast food dove poter assaggiare anche “raciones” e “tapas”, scambiando quattro chiacchiere sul prossimo esame, in un locale easy-friendly, giovane e internazionale.

L’aperitivo universitario

union club aperitivo città studi milanoAltra pietra miliare del panorama studentesco: una sosta all’Union Club è d’obbligo. L’aperitivo costa 5 euro e comprende una qualsiasi consumazione. Il buffet è realizzato da un servizio di catering e propone pasta, riso, focacce e pizzette, senza tralasciare salumi e formaggi. È sempre possibile organizzare la tua festa di laurea, invitando fino a 70 persone. Ci sono 60 tipi di gin diversi, ottime birre artigianali, con una ipa fissa e l’altra stagionale.

Per una pausa dalla biblioteca

joy milanoIl Joy è di fianco alla biblioteca Valvassori-Peroni, a Lambrate. È perfetto per fare una pausa dallo studio, oppure per concludere la giornata con una birra all’ora dell’aperitivo. L’happy hour è personalizzabile con drink e tagliere di salumi, anche in versione veg. Gli arredi del locale sono stati pensati degli studenti di architettura del Politecnico, giusto per restare in tema. Qui succedono sempre un sacco di cose: djset, concerti rock, jazz, funky e di giorno si può lavorare o studiare anche sui tavoli del locale, con la connessione wifi sempre disponibile. Da non perdere la serata di stand up comedy, presentata da Dado Tedeschi.

Per bere la vera birra artigianale

birrificio lambrateAdesso si fa presto a dire birra artigianale. A Milano, il primo a produrla è stato il Birrificio di Lambrate, in via Adelchi, ma dal 2011 c’è anche la versione large in via Golgi. Montestella, Porpora, Sant’Ambroeus, Ghisa, Brighella e Domm. D’estate prendo sempre una Drago Verde. Tappa perfetta per un’uscita con i compagni di università, scambiarsi gli appunti è solo una scusa per bere un paio di pinte. La serata inizia con l’aperitivo, a cena si può mangiare il cosciotto di maiale cotto nel mosto di birra, lo stinco o la bistecca di Angus irlandese. Se sei fortunato anche l’hamburger.

Foto di copertina di Brooke Cagle su Unsplash

Ti piacciono questi articoli? Iscriviti gratis alla newsletter di 2night

  • Ora / Giorni:
  • Questo evento è passato
ORA PUOI LEGGERE:

Dal pub sotto casa al club alternativo, ecco 15 locali con musica dal vivo a Milano

Milano non è solo la capitale della moda. Milano è anche musica, tanta musica… soprattutto quella dal vivo. Poco importa che tu sia amante dell’elettronica o del metal, dal jazz al rock suonato ...

di fabrizio arnhold