Gourmet contemporaneo per tutte le tasche. I locali di Milano che vale la pena provare

Il menù non è di un’osteria ma neanche quello di un ristorante stellato. Possiamo definirlo gourmet contemporaneo, capace di proporre piatti tradizionali ma reinterpretati con un tocco di creatività e con un’attenzione particolare per l’impiattamento. Facciamo un giro in quei ristoranti che sanno osare, senza diventare pretenziosi, con una carta che punta su materie prime di qualità, con proposte contemporanee ma anche gourmet. E senza spendere una fortuna, sennò il gioco mica vale la candela.

La cucina pugliese reinterpretata

olioPrendi la tipica cucina pugliese che rende omaggio a sua maestà l’olio extravergine di oliva, aggiungici tecniche di cottura nuove e all’avanguardia e siediti. Sì perché sei pronto per assaggiare un piatto da Olio - Cucina fresca. L’olio è quello dell’Antico Frantoio Muraglia, simbolo di alta eccellenza. Il menù è pensato da Angelo, il titolare, che insieme allo chef, Michele Cobuzzi, esalta le materie prime del territorio creando un sentiero di gusto molto personale. La cucina ha una una linea unica che si muove tra tradizione e contemporaneità, con un tocco gourmet.

Al centro il sapore

saporimaestriPolpo croccante con purè di patate o burrata e ricci di mare: da Saporimaestri ogni piatto è un tripudio di gusto. Al centro della proposta c’è la valorizzazione del Made in Italy, con una selezione di prodotti d’eccellenza italiana, con salumi e formaggi di denominazione controllata. La specialità della casa sono i piatti di pesce, come i paccheri con salsa di datterino, gambero rosso di Mazara del Vallo e granella di pistacchi di Bronte o tagliatelle al gamberone e Carpaccio di tartufo nero.

Ambiente contemporaneo e cucina creativa

tiraboschi 6 tartare pesceIl Tiraboschi 6 è sempre una buona scelta. L’ambiente è elegante ma mantiene un piglio informale e le proposte della carta sono in grado di stupire il palato. In cucina c’è Gianluca Panigada, chef talentuoso che si è già messo in luce in tv, con Carlo Cracco, a Hell’s Kitchen. La base è mediterranea, condita con la giusta dose di creatività. Il risultato è un menù che cambia seguendo le stagioni. Tra i primi, il risotto con patata dolce, nocciole tostate, lardo, rosmarino e stracchino; deliziose le tartare di pesce. Il motto del ristorante è “Chiacchiere e vino con cucina”, per me si può riassumere tranquillamente con gourmet contemporaneo.

Per assaggiare la pizza gourmet

osteria del tac pizzaL’ispirazione è quella della cucina pugliese, sapori genuini che vengono reinterpretati con una cura particolare alla resa estetica. L’Osteria del Tac, siamo tra Gioia e Repubblica, ripensa i sapori della cucina tradizionale, impreziosendoli con un tocco contemporaneo. Location curata ma non troppo elegante, una sala anche al piano inferiore, perfetta per una cena aziendale o per una tavolata numerosa. L’ultima volta ho assaggiato una pizza che qui chiamano scrocchiarella gastronomica, l’Armonia: mozzarella, gamberi, asparagi e pomodori confit. È cotta nel forno a legna ed è preparata con tre farine diverse a lunga lievitazione. Gourmet ma anche tradizionale.

Alla ricerca dell’eccellenza

trattoria bertamèLa Trattoria Bertamè è una meta che scelgo sempre volentieri quando voglio mangiare qualcosa di buono, in un ambiente originale. La differenza qui la fa Lorenzo e il suo giovane chef che propongono una carta che non dimentica mai la qualità e senza correre il rischio di risultare banale. La tradizione è quella dell’ossobuco con riso alla zafferano; il contemporaneo sta negli impiattamenti equilibrati e nelle cotture disgiunte; il gourmet, infine, lo cogli in ogni boccone.

Foto di copertina di Olio - Cucina Fresca

Ti piacciono questi articoli? Iscriviti gratis alla newsletter di 2night

ORA PUOI LEGGERE:

I ristoranti di Milano dove organizzare una perfetta cena aziendale di Natale a prova di capo

A me comincia a salire un’ansia pazzesca. Il Natale è così, o si odia o si ama. Ma a parte la gioia di scartare i regali sotto l’albero, che ho smarrito da quando, ahimè, non sono più un pargo...

di fabrizio arnhold