Chianina, Angus, Fassona, Wagyu: I templi della carne a Milano

La carne non è mica tutta uguale. Difficile, anzi, quasi impossibile resistere al suo richiamo. Certo, se sei vegetariano troverai questo pezzo inutile. Ma tutti i carnivori davanti alla schermo, hanno gusti ben definiti. La Chianina è una razza bovina che deve il suo nome alla Val di Chianina, una razza dell’Italia centrale: la classica fiorentina, per capirci. Per la Fassona bisogna spostarci in Piemonte, ultimamente di gran moda, a tavola. L’Angus ci catapulta in Scozia e il Wagyu è una razza pregiatissima giapponese, celebre per la sua carne marmorizzata, ossia ricca di grassi insaturi. Adesso, ti è venuta voglia di una bistecca per cena ma non sai dove andare a mangiare? Ecco, questi ristoranti di Milano sono la meta perfetta per ogni carnivoro che si rispetti.

La casa della Fassona

macellaio rc sala
I tendaggi sono come quelli di un teatro. E quando si apre il sipario va in scena la protagonista della cucina: la Fassona piemontese. Da Macellaio RC viene cucinata esclusivamente fassona piemontese macellata sopra i 4 anni e frollata dalle 7 alle 9 settimane. E proprio nella frollatura sta la differenza che rende questa carne, selezionata dal macellaio Daniele Oberto di Alba, tenera e gustosissima. Il menù celebra la carne con piatti in cui vengono utilizzati al massimo tre ingredienti: semplicità vuol dire ricerca di qualità assoluta. Cosa mangiare? Costata di fassona alla griglia oppure battuta a coltello di carne cruda, con un filo di olio extra vergine d’oliva e sale.

Per l’hamburger con carne di Wagyu

stk milano carneIl mood è a stelle e strisce, lo stesso in tutte le STK. A Milano si trova in piazza della Repubblica, ambiente elegantino, dj set e atmosfera chic. La location è curata nel design ma anche nella selezione della carne che arriva direttamente dagli States. La USDA Prime Beef è di una fattoria del Tennessee che la produce allevando la razza Black Angus. E poi c’è anche l’hamburger con carne di Wagyu, allevato in Spagna, cetriolini sottaceto, pomodoro, cipolla caramellata e maionese con ketchup e tabasco, in mezzo a pane con semi di sesamo, tostato sulla pietra con un tocco di burro.

La carne Argentina

el porteno ristorante argentino carne milanoEl Porteno è tra i più rinomati ristoranti argentini in città. Servizio curato, perfetto per una cena di coppia, ma ti avviso: non devi poi badare troppo al conto! In base al taglio di carne c’è sempre l’abbinamento perfetto con il vino. A Milano ci sono due ristoranti, uno in viale Gian Galeazzo e l’altro in viale Elvezia. Se la cena è di coppia puoi ordinare la Parrillada El Porteno, una grigliata mista per due persone. In carta c’è anche il costosissimo Kobe, un wagyu di manto nero, dalla carne tenerissima.

La carne di tendenza

la griglia di varrone milanoLa Griglia di Varrone, a due passi da Corso Como, seleziona la carne da tre continenti: dall’America arriva il Black Angus, dall’Asia le ricercate carni gipponesi, la Rubia Gallega della Galizia e la nostrana fassona piemontese. La vera protagonista è la griglia, con i tagli di carne in bella vista prima della cottura. Di livello anche la cantina dei vini che propone anche una selezione interessante tra biologici e biodinamici.

Per la classica fiorentina

trattoria toscanaChiudiamo il giro con la classica fiorentina. Alla Trattoria Toscana la ordino, di solito, con cottura media. Siamo in corso di Porta Ticinese, la serata inizia con l’aperitivo, da prendere nel giardinetto con fontana. La carta propone, oltre alla chianina, anche “sua maestà il Re nipponico “Wagyu di Kobe”, cotto su pietra ollare con sale grosso nero e pepe. Il prezzo? Meglio non scriverlo che sennò ti passa l’appetito!

Foto di copertina di Salvatore Pollare per Macellaio RC

Ti piacciono questi articoli? Iscriviti gratis alla newsletter di 2night

ORA PUOI LEGGERE:

I ristoranti di Milano dove organizzare una perfetta cena aziendale di Natale a prova di capo

A me comincia a salire un’ansia pazzesca. Il Natale è così, o si odia o si ama. Ma a parte la gioia di scartare i regali sotto l’albero, che ho smarrito da quando, ahimè, non sono più un pargo...

di fabrizio arnhold