fuorisalone milano · capodanno milano · locali Milano
Milano

Acquabella Milano

TIPO:osteriaCON CUCINA:venetolombardo


ORARIO:  Aperto da lunedì a venerdì dalle 11:00 alle 00:00, sabato dalle 19:00 alle 00:00

TEL:  0258309653  
map

DA MANGIARE:

raspadura, cotoletta, salumi al coltello, brasato con polenta, insalata russa

DA BERE:

vini a scelta tra più di 200 etichette nazionali

recensione 2night: acquabella

Segnalata da Slowfood tra le novità delle Osterie d’Italia 2006, la vecchia osteria dell’Acquabella, attiva da più di un secolo, è stata gestita per quasi trent’anni dalla famiglia Artuso.
Nel 2003 fu venduta e, ora, i due figli del capostipite Mario, Liliana e Massimo, hanno deciso di riaprirla, seppure in un’altra zona e di riproporne lo spirito, l’atmosfera e soprattutto i piatti.

L’ambiente... LEGGI TUTTO è piacevole, l’aspetto quello delle trattorie di una volta, in particolare la seconda sala, con il pavimento dai listoni di legno scuro e le tinte calde alle pareti. Più di duecento etichette nazionali in carta, con qualche puntata in Francia e in Spagna; possibilità di bere al calice e di acquistare.

I piatti sono cucinati secondo tradizione e in modo leggero, per permettere di assaporare pietanze tipiche della stagione fredda anche in estate.

Non mancano mai pasta e fagioli (calda o fredda), e risotti: ottimo il riso giallo al salto e il riso al vino rosso.

Tra le specialità della casa, la casoeula, per la quale si cuociono separatamente gli ingredienti, unendoli in fase di servizio, per trasferire meno grassi nel piatto.

Tra i secondi, un succulento ossobuco di vitello, in gremolada di verdure, servito anche con riso giallo come piatto unico, mundeghili, cotoletta alla milanese (con l’osso).
Una preparazione tipica, anche se non di territorio, è il baccalà alla vicentina con polenta.

Nella stagione calda, carpacci di carne e di pesce, vitello tonnato e roast beef. I formaggi sono reperiti presso caseifici locali: bagòss e Asiago stagionati e mozzarella di bufala, importata due volte alla settimana dal Salento.

La Campania si ritrova nella pastiera, che si affianca al tiramisù e all’eccellente “brutta ma buona”.

Periodicamente si organizzano serate a tema per far conoscere particolari zone vinicole, proponendone i vini con pietanze appropriate.

Il locale rimane chiuso in agosto per tre settimane e dispone di 80 coperti.

Si mangia con 20-30 euro, vini esclusi.

(Settembre 2010)

2night 2010-09-07
 
comments powered by Disqus