capodanno venezia · locali Venezia
Venezia

Al Teatro Dolo

CERCA IN PROVINCIAristorantepizza
TIPO:ristoranteCON CUCINA:pizza


ORARIO:  Aperto tutti i giorni dalle 19:00 alle 23:30, escluso il mercoledì.

TEL:  041412172   FAX:  041415296

map

DA MANGIARE:

Gamberetti in salsa Rosa, Spaghetti al Pescatore, Grigliata mista di Pesce, Tagliata alla rucola, grana e noci, Pizza Due Tempi, aragoste, capesante, ”gransoporo”, uova di seppia

recensione 2night: al teatro

“Ogni ristorante è un teatro, dove tutti abbiamo l’opportunità di trasformarci in qualcun altro, dove ci si libera dalla realtà quotidiana, dove si è liberi di essere chiunque si scelga...” . Queste le parole che creano la filosofia del locale.

Il Ristorante è situato in posizione centrale nella piazza di Dolo, a pochi passi dal Duomo e lungo la Riviera del Brenta. L’edificio costruito intorno al 1700... LEGGI TUTTO era sede di una “barchessa” adiacente alla Villa Veneta “Palazzetto Duodo”. Le sale ristorante, tutte climatizzate, si trovano al primo piano e presentano la particolarità di essere separate tra di loro. Si addicono perfettamente a cena a lume di candela, in gruppo e anche a feste private o cena aziendali.

La gestione familiare, dal 1993, dei fratelli Gasparello Sauro e Marco, assicura nel menù una vasta scelta di primi e secondi piatti a base di carne e pesce, accuratamente preparati nel rispetto della migliore tradizione del territorio veneto. Sono proposte anche diverse pizze, cotte nel forno a legna. Possibilità di consegna a domicilio.
Gli ingredienti utilizzati, tutti di prima qualità, vengono accuratamente selezionati per poter creare dei piatti dai sapori delicati o piccanti a seconda delle esigenze della sua clientela. Il pesce, acquistato bi-settimanalmente, mantiene così intatta la sua freschezza.
E' possibile richiedere, previa prenotazione, un menù particolare con aragoste, capesante, ”gransoporo”, uova di seppia. Questo per permettere la massima frescehzza dei prodotti.

(NOVEMBRE 2010)

2night 2010-11-15
 
comments powered by Disqus