capodanno venezia · locali Venezia
Venezia

Do Ciacole Olmo Di Mira



ORARIO:  Aperto domenica dalle 12:00 alle 15:00, da martedì a sabato dalle 12:00 alle 22:00

TEL:  0415600748, 3389052033  
map

DA MANGIARE:

piatti della tradizione veneziana

recensione 2night: do ciacole

Rocco fa parte della tradizione dei ristoranti a Mestre. Ora si è ritirato qui, in una casa colonica del 500 che ha restaurato e trasformato in un ristorante a metà tra il lusso raffinato d'altri tempi e l'atmosfera conviviale e country. La cucina è quella che lo ha reso famoso in zona: i piatti tipici della tradizione veneta. Ma non solo, Rocco, che ha studiato in Svizzera e che è da 40 anni nel mondo... LEGGI TUTTO della ristorazione, si vanta di essere stato il primo, in tempi non sospetti, a proporre il pesce crudo marinato. La sua ricetta, semplice ma segreta, attira ancora un bel po' di pubblico. Ma in campagna l'offerta si è arricchita anche con la carne di chianina preparata al sale, alla brace o al tartufo. Da provare anche i primi piatti, sempre adeguati alla stagione. Da provare in questo periodo le pappardelle al tartufo o i ravioloni al Puzzone di Moena e spinaci, o gli gnocchi di zucca. Se si ama il pesce, la scelta propenderà per i cavatelli con l'astice e la ricotta affumicata o per il risotto con gli scampi e il tartufo. I dessert sono tutti preparati in casa (Rocco collabora da 15 anni col suo chef). Tra le prelibatezze il soufflé al cioccolato, la mousse al limone, il cestino di mascarpone con frutti di bosco, il semifreddo al croccantino o alla grappa... La cantina offre circa 50 etichette italiane tra cui scegliere.
L'ambiente, caloroso d'inverno, diventa un tripudio d'estate quando l'enorme porticato resta sempre aperto sul bel giardino e sui campi circostanti. Il tutto arredato con cura estrema: in certi angoli sembra di essere nelle pagine di un mensile d'arredamento. Al termine del tour una bella sorpresa: il conto per un pranzo medio si attesta sui 30-40 euro.

(febbraio 2009)

2night 2009-02-03
 
comments powered by Disqus