capodanno treviso · locali Treviso
Mogliano Veneto

Enoteca La Fenice Mogliano Veneto



ORARIO:   OGGI CHIUSO.   Aperto da lunedì a giovedì e sabato dalle 08:30 alle 23:30

TEL:  0415902174  

map

DA MANGIARE:

risottini ai funghi, tagliatelle, gnocchi casalinghi conditi in vari modi, soppressa nostrana, prosciutto crudo di Montagnana, costata ai ferri, costolette d'agnello, porchetta, petto d'oca e porcini, bresaola e grana, gamberoni e parmigiano, tocchetti di baccalà

DA BERE:

buona cantina di vini

recensione 2night: Enoteca La Fenice

Nasce a Mogliano Veneto nel 1973 per mano della famiglia Danesin, che da anni si tramanda il locale di padre in figlio. Massimo, la sorella Angela e la moglie Sandra accolgono personalmente i loro ospiti.
Dopo aver varcato il caratteristico portone di legno, si percorre una bianca galleria ornata da cimeli, fotografie d'epoca del paese e vetrinette in cui sono esposti distillati e vini scelti o imbottigliati... LEGGI TUTTO dall'oste. Le travi del soffitto sostengono pentole e rami in quantità. Il bancone, rustico e imponente, serve da mescita per i discreti vini sfusi e da mostra per varietà di cicchetti, stuzzichini, tramezzini e panini.
E' possibile pranzare e cenare con primi e secondi piatti legati alla stagione ed alla tradizione veneta. Le proposte si rinnovano giornalmente ma, stagione permettendo, non mancano le specialità della casa: risotto ai funghi, tagliatelle, gnocchi casalinghi conditi in vari modi, soppressa nostrana, prosciutto crudo di Montagnana, costata ai ferri, costolette d'agnello, porchetta, cotta in cucina dal gestore, carpaccio della casa.
Da maggio in poi, si può anche usufruire delle due terrazze estive dove poter consumare l'aperitivo o il pranzo in tutto relax. Inoltre l'Enoteca La Fenice ogni anno seleziona ed etichetta i migliori vini del Veneto orientale, dei colli trevigiani e del Trentino, affiancandoli alla vasta scelta di vini rappresentativa delle migliori cantine di ogni regione d'Italia.

Inverno 2016

2night 2016-01-26
 
comments powered by Disqus