capodanno venezia · locali Venezia
Venezia

Enoteca Osteria Castellantico21 Mirano



ORARIO:  Aperto tutti i giorni dalle 11:00 alle 01:00, escluso il lunedì.

TEL:  0415701232  

Sito del locale    
map

DA MANGIARE:

cucina veneta e creativa

DA BERE:

vini italiani - 300 etichette

recensione 2night: enoteca osteria castellantico21

Mirano è una continua scoperta per il suo patrimonio di giardini e ville venete. Villa Tessier è proprio nel centro della città e fino a poco tempo fa giaceva abbandonata. Ora il restauro è affascinante e nella barchessa (immersa nel verde di un giardino all'italiana con uno stupendo porticato)trova posto il ristorante osteria Castellantico21.
Il ristorante nasce con una vocazione da osteria, tanto... LEGGI TUTTO che sotto al porticato i tavolini e un lungo tavolone di legno sono l'ideale per un buon bicchiere di vino e qualche cicchetto: salumi e formaggi della zona, polpette fatte al momento, mozzarelle in carrozza ma anche tartare di carne e di pesce per degustare le bollicine più preziose. Eppure la cucina di Nicola (chef pasticcere di formazione e cuoco a 360 gradi per esperienza) piace talmente tanto che l'osteria si è trasformata presto in un ristorante per assecondare la richiesta dei clienti. Il menu, a pranzo e a cena, varia praticamente ogni giorno in base alla stagionalità dei prodotti e all'estro dello chef. Dal Martedì al Giovedì si punta sulla carne, mentre nel week end preparano il pesce. I dessert sono il punto di forza, tutti monoporzione, con frutta e creme. Tutto è preparato in casa, anche i biscotti che potete gustare con qualche vino dolce. La cantina è l'altro fiore all'occhiello di questo locale, la cura Libero, e conta ben 300 etichette. Per lo più i vini sono italiani, con qualche incursione in Francia. Le etichette sono selezionate annata per annata e tutto il resto ce lo mette il gusto di Libero. Ottimo anche per un languorino dopo cena: l'idea è venire qui per un dessert e un bicchiere di vino dolce.

(luglio 2009)

2night 2009-07-23
 
comments powered by Disqus