capodanno roma · locali Roma
Roma

Fiaschetteria Beltramme Roma

TIPO:ristoranteCON CUCINA:romana


ORARIO:  Aperto tutti i giorni dalle 19:00 alle 23:00.
map

DA MANGIARE:

burratine di Andria, fettuccine al sugo d'arrosto, rigatoni al Cesaretto, amatriciana e abbacchio alla romana, carciofo, bollito misto, millefoglie dalla ricetta antica

recensione 2night: fiaschetteria beltramme

Con il termine "Fiaschetteria" ci si riferisce ai fiaschi che una volta contenevano il vino, accompagnato da un semplice piatto di pasta o arrosto. Dal 1886, alla Fiaschetteria Beltramme poco è cambiato. Il menu è un tantino più corposo e offre alcune specialità romane in più. Il luogo è stato dichiarato monumento nazionale.
Cesare, detto "Cesaretto" e il suo staff, cercando di mantenere sempre... LEGGI TUTTO allegro questo "buco-in-the-wall", offrendo piatti di qualità.
La sala è addobbata con stampe incorniciate e articoli di giornali vecchi appese ad angoli dispari contro le pareti ingiallite. C'è un tavolo comune sul retro dove i commensali da soli o in coppia volendo possono condividere un pasto con gli estranei. Il locale ha infatti mantenuto appieno la sua tradizione nello stile e nell'ambiente.

In 120 anni di attività sono passati personaggi della cultura e dell'arte e oggi si incontrano spesso diversi vip.
A pranzo il locale è frequentato da imprenditori, politici e lavoratori. Anche a cena è altrettanto affollato, solitamente con famiglie e turisti.
L'ambiente è allegro e informale, il menù varia ogni giorno, ma non mancano mai le burratine di Andria, le fettuccine al sugo d'arrosto e l’immancabile amatriciana. L'antipasto misto è buono, così come i rigatoni al Cesaretto (pasta al dente condita con rucola, pomodorini, mozzarella, olio d'oliva ed erbe aromatiche). I secondi sono tradizionalmente di base, come il bollito misto (mix dei bolliti) e l’abbacchio. Tra i dolci va citato il millefoglie dalla ricetta antica.

Beltramme non ha un telefono e non prende prenotazioni.

(OTTOBRE 2010)

2night 2010-10-22
 
comments powered by Disqus