fuorisalone milano · capodanno milano · locali Milano
Milano

Frantoi Celletti Milano

TIPO:ristorante


ORARIO:  Aperto tutti i giorni dalle 18:30 alle 01:00, esclusa la domenica.

TEL:  026698371  

map

DA MANGIARE:

Degustazioni di olii extravergini di oliva.

recensione 2night: frantoi celletti

Non lontano dalla stazione Centrale, dove un tempo c'era una fabbrica di bulloni, si possono ora degustare i migliori oli extravergine scovabili oggi sul mercato. Gino Celletti, assaggiatore nazionale professionista d'olio (per citare una delle sue cariche), nonché anima del progetto Frantoi Celletti ci racconta di cosa si tratta. “Parlo chiaro e mi batto perchè si faccia chiarezza sull'olio extravergine.... LEGGI TUTTO Oggi il mercato offre oli mischiati, addolciti e rettificati: purtroppo per certe persone il denaro giustifica tutto”. “Frantoi Celletti & Cultivar, la mia azienda, ha scoperto, anzi riscoperto le monocultivar”. ”Tutti gli olivi appartengono alla specie Olea Europea Sativa. Le varie cultivar, singole qualità di ulivo, hanno una grande fedeltà per la loro terra tanto che ne rappresentano, regione per regione, le caratteristiche geomorfologiche e climatiche. Ogni regione, zona, sottozona ha selezionato nel corso dei secoli singole cultivar che sono diventate emblema di tipicità, riconosciuta dalle leggi CEE e dalla DOP, denominazione
d'origine protetta”. “I nostri oli sono tutti monocultivar perchè vengono prodotti da un'unica varietà di olivo” L'Oil Bar Restaurant Frantoi Celletti è lo spazio ideale per degustare gli oli selezionati da Gino Celletti e per scoprire i migliori abbinamenti fra cibo e olio. Il locale è inserito in un loft soppalcato e contiene sino a 200 persone; all'ingresso accanto al banco bar spicca un frantoio ligure
dell'ottocento, mentre al piano superiore vi è la sala ristorante, dove degustare piatti regionali italiani abbinati col miglior monocultivar. La serata di sabato è accompagnata da musica jazz, suonata dal vivo.

Gennaio 2007

CERCALO IN: cena

2night 2007-01-05
 
comments powered by Disqus