fuorisalone milano · capodanno milano · locali Milano
Milano

I Chiostri Di San Barnaba Milano



ORARIO:  Aperto tutti i giorni dalle 12:00 alle 00:00.

TEL:  025466494  

map

DA MANGIARE:

Carne e pesce

DA BERE:

cocktail di frutta festa e Smoothies

MUSICA:

jazz

recensione 2night: i chiostri di san barnaba

“I Chiostri di San Barnaba” è un ristorante caffè che sorge in una location piena di mistero ed atmosfera: quella di un convento del XV secolo nascosto nel pieno centro di Milano.

Il menu dei Chiostri di San Barnaba propone piatti della tradizione, soprattutto milanese, e cambia ogni mese per garantire la genuinità e la freschezza delle materie prime di stagione. Il pesce è direttamente fornito... LEGGI TUTTO da una delle storiche pescherie del capoluogo lombardo, mentre un piccolo caseificio mantovano garantisce l’approvvigionamento di formaggi tipici. Di produzione propria sono invece i dolci.
Interprete di questa filosofia gastronomica è il giovane chef Simone Iozzo capace di spaziare dai piatti della cucina meneghina a quelli di più schietta ispirazione mediterranea. Alla grande attenzione per gli ingredienti corrisponde una presentazione del piatto sempre curata in ogni minimo dettaglio: ai Chiostri il cibo non è solo una questione legata al gusto ma anche all’estetica.

Un fattore, quello della bellezza, che si riverbera nella location storica circostante. Per non alterarla, il ristorante è stato arredato volutamente in uno stile sobrio ed essenziale all’insegna del minimalismo. La firma è quella dell’interiordesigner Enzo Bua: suoi sono gli enormi lampadari, pezzi unici, e l’idea del pavimento in ferro battuto. Alte finestre che si affacciano sul giardino del chiostro attiguo filtrano la luce naturale.
Non stupisce che uno scenario simile sia stato scelto da artisti contemporanei per mostre a cadenza bimestrale. In quella specialissima galleria temporanea che sono I Chiostri sono stati esposti, fra gli altri, le pitture su legno, seta e tela di Benedetto Provenzano, le acqueforti di Alessandra Micheletti, i quadri astratti di Marco Pedroni, i dipinti e le incisioni di Alessandra Angelini.

La giusta intimità è garantita ai commensali da una organizzazione degli spazi studiata, con i tavoli in vetro e le sedie in corteccia ben distribuiti nelle due sale interne ed all’esterno, per un totale di 90 coperti (60 interni e 30 esterni).
Questa riservatezza rende i Chiostri di San Barnaba un posto ideale per situazioni diverse: dal rapido business lunch di mezzogiorno, con menu alla carta e una spesa media che va da 16 euro del pranzo a 35 euro della cena, vini esclusi.
Di mattina e di pomeriggio i Chiostri è un bar, premiato nel 2009 dal Gambero Rosso, che offre rifugio a chi è alla ricerca di una pausa rilassante, facendo colazione o sorseggiando un caffè, in un ambiente lontano dal traffico e dai rumori della città.
Alle 18.30 (19.00 in estate) inizia L’Happy Hour: per ben tre ore viene offerto un ricco buffet con portate calde, affettati, focacce, alette di pollo, verdure in pastella, arancini di riso o di carne, insalate, bruschette, crocchette di patate e tanti altri stuzzichini al costo di 8 euro per consumazione.
Ogni mese si svolge una cena a tema legata ad una particolare ricorrenza, alla stagione o alla tradizione culinaria di una nazione: S.Valentino, Carnevale, Pasqua, Halloween, Thanksgivingdinner, la cena medievale, la cena scozzese, la cena portoghese e tante altre.

Si organizzano, inoltre, servizi di catering per eventi, feste, ricevimenti privati e cene aziendali, sia all’interno del ristorante che nei quattro chiostri che lo circondano e nello splendido “Salone degli Affreschi”, antico refettorio del convento, di circa 300mq, caratterizzato da splendidi affreschi sul soffitto e sulle pareti eseguiti tra la fine del 1400 e i primi decenni del 1500 e riportati al loro antico splendore grazie ad un’opera di restauro di una decina di anni fa.

La carta dei vini ricopre tutto lo scenario enologico nazionale con una cantina di 120 etichette, fra bollicine, vini bianchi, rossi e dolci e qualche importante champagne d’oltralpe. Oltre a questa carta, mensilmente ne viene proposta una ridotta, di circa 30 vini, che si possono degustare anche al calice.

Gennaio 2012

2night 2013-05-09
 
comments powered by Disqus