capodanno firenze · locali firenze

Murales Bistrò Firenze

TIPO:ristoranteCON CUCINA:creativa


ORARIO:  Aperto da lunedì a martedì dalle 18:00 alle 00:00, da mercoledì a domenica dalle 12:00 alle 00:00

TEL:  055211743  

map

DA MANGIARE:

selezione di tartare

DA BERE:

vini bianchi e bollicine

recensione promozionale

Murales Bistrò, Street Art&cucina Creativa Per Un Ristorante Dallo Stile Inconfondibile

Murales Bistrò è un ristorante dove la street art incontra l’eleganza: i murales di un writer arrivato direttamente da New York si sposano con la cucina a vista di questo locale nel centro di Firenze. La presentazione dei piatti è accurata, all’altezza di una cucina creativa dove gli ingredienti della tradizione sono proposti in chiave gourmet. L’ambiente è urban chic con i murales a caratterizzare... LEGGI TUTTO le sale e perfino il bagno. Carta dei vini selezionata, specialità tartare.

UN LOCALE ORIGINALE
- Murales Bistrò è un ristorante che non passa inosservato. Qui la creatività è di casa: dai murales alle pareti alla presentazione dei piatti sempre elegante e attenta ai dettagli. I tavoli sono apparecchiati con gusto e una note di colore che è l'autentico filo conduttore: dal logo, alle scritte alle pareti, dai bicchieri agli arredi.

UNA CUCINA CREATIVA
- I piatti dello chef Riccardo Leoncini sono all’insegna della creatività e della cucina fusion. Alcuni appartengono alla tradizione ma vengono proposti rivisitati, altri invece sono frutto della fantasia dello chef e giocano sul contrasto di sapori.
- La presentazione non è mai fine a se stessa ma è parte di un percorso degustativo che parte dagli occhi per conquistare il palato.
- Il fiore all’occhiello di Murales Bistrò è l’accurata selezione di tartare, per chi ama il crudo. Il pesce arriva fresco ogni giorno, la pasta è fatta in casa come gli gnocchi di zucca in fonduta di pecorino. Non manca il sushi, una volta a settimana, per chi apprezza la cucina giapponese mentre in carta ci sono il sashimi gourmet e la tempura di mare dello chef. Da provare i dolci: dal sigaro cubano al cioccolato al gelato al pop-corn con MOUrales che sta sempre più conquistando consensi tra i clienti.
- Carta dei vini selezionata, divisa tra proposte classiche e prodotti di nicchia. Grande spazio ai bianchi e alle bollicine.

UNO STAFF GIOVANE
- I proprietari e in generale lo staff sono tutti under 25. Matteo Ciuti e Tommaso Tazzioli sono i due giovani imprenditori che, forti di esperienze precedenti nel settore della ristorazione e della gestione eventi, hanno deciso di aprire Murales Bistrò.
- In cucina spicca la presenza di Riccardo Leoncini, già chef de La Ménagére, che propone una cucina creativa ma dal sapore autentico e genuino. 

L’ATTENZIONE AI DETTAGLI
- Murales Bistrò è fedele allo stile del bistrot: c’è la massima attenzione ai dettagli. Basti pensare alla selezione musicale, d’atmosfera e con influenze talvolta jazz, perfetta per accompagnare il pasto.
- Il locale offre il servizio di ricarica dello smartphone direttamente al tavolo, grazie a caricabatterie che possono essere messi a disposizione del cliente. 

LA STREET ART E’ PROTAGONISTA
- Sono i murales a caratterizzare questo ambiente dallo stile urban chic: dal bambino della prima sala alla grande parete dei messaggi per chi vuole lasciare il suo murales, dal cervo della seconda sala fino all’elefante che a sorpresa accoglie con un mazzo di fiori i clienti in bagno. Da Murales Bistrò ogni parete è una sorpresa.
recensione 2night: Murales Bistrò

Murales Bistrò è un locale urban chic, a pochi passi dal teatro Verdi e da piazza San Firenze. Propone una cucina toscana rivisitata in chiave gourmet dove spicca la selezione di tartare. Qualità delle materie prime, originalità dell'ambiente e  ricercatezza della carta dei vini sono i punti di forza di questo locale perfetto a pranzo, a cena o anche per uno spuntino. All'interno del locale i murales di un writer arrivato da New York, a caratterizzare tutte le sale e pure il bagno.

Estate 2017

CERCALO IN: asporto cena pranzo

2night 2017-06-29
 
comments powered by Disqus