fuorisalone milano · capodanno milano · locali Milano
Milano

Ristorante Santamarta Milano

TIPO:ristorante


ORARIO:  Aperto tutti i giorni dalle 19:30 alle 00:30, esclusa la domenica.

TEL:  028052090, 0286452570  

Sito del locale    
map

DA MANGIARE:

Catalana con astice, gamberoni, cicale, scampi, aragostelle - il tutto con verdure di stagione in pinzimonio

DA BERE:

selezione di "riserve" e vini speciali

recensione 2night: ristorante santamarta

Nel cuore di Milano, un ristorante tradizionale: tovaglie e copri-macchia bianco latte, candele rosse, decorazioni floreali e fotografie di un tempo che fu alle pareti. La cucina guarda a piatti della tradizione italiana, ma non disegna anche ricette internazionali: tra gli antipasti plateau di crudo - tonno, branzino, scamponi, gamberi, ostriche francesi, aromatizzato con citronette di agrumi della... LEGGI TUTTO costiera Amalfitana, ancora seppioline alla ligure "pesto e porcini, oppure moscardini affogati con polenta. Di primo: tagliolette rosse con polpa di granchio e cipolotti, tagliatelle all'ortica con aragostelle, risotto alla vecchia Milano e tortelli tartufati con porcini e fonduta. Ideali per l'inverno poi sono le zuppe: di cipolle (gratinata alla francese), di ceci, di farro e legumi o di fagioli con crostini. Tra i secondi di pesce: filetto di orata in crosta di patate con verdure, rombo filettato con porcini o asparagi, cernia in padella alla Mediterranea ed il fritto del Victor (piatto famoso ed amatissimo fra gli habituè del locale). Tra le carni: Chateau briand con verdure e salsine, petto di pollo tartufato con porcini, orecchio di elefante con pomodoro e rucola, scottadito d'agnello con patate saltate. Dulcis in fundo: le golosità del Santamarta - budino di ricotta al croccante, torta di mele con crema inglese, tarte tatin con salsa al caramello, biscottini caldi con crema inglese e montebianco di castagne con panna montata. Esaustiva la carta dei vini, con selezione di "riserve" ed etichette speciali.

Ottobre 2007

2night 2007-10-22
 
comments powered by Disqus