capodanno treviso · locali Treviso
Treviso

Vineria Treviso

TIPO:ristoranteCON CUCINA:venetocreativa


ORARIO:  Aperto da lunedì a sabato dalle 10:00 alle 14:30 e dalle 18:00 alle 00:00

TEL:  0422210460   FAX:  0422292474

map

DA MANGIARE:

piatti preparati con i migliori prodotti veneti e non

DA BERE:

vini (scelta fra 1700 etichette!)

recensione 2night: vineria

La Vineria è stata segnalata all’interno della Guida alle Osterie d’Italia 2006 della Guida di Slowfood come “Locale del buon formaggio e del buon vino” e anche fra le “EnoTavole” della Guida 2006 de L’Espresso.
Ricercato luogo di incontro delle nuove generazioni, fra le quali sta emergendo la moda del vino, la Vineria propone ben 1700 etichette, accompagnate da una proposta gastronomica di alto livello.
Prodotti... LEGGI TUTTO del territorio veneto e non, molti dei quali in vendita nell’attigua bottega, si trasformano in pietanze ben curate, presentate in modo informale ma con consapevolezza di quello che c’è nel piatto. Professionalità e ricerca guidano Andrea e Omar, i due soci-imprenditori.

Non è certo un dettaglio del menù l’importante selezione di insaccati d’Italia: dal Langhirano al coltello, alla bresaola della Val Chiavenna, al lardo di Colonnata, alla sopressa veneta servita con il mais biancoperla. Da non dimenticare la carne cruda di razza piemontese (Presidio SlowFood) battuta a coltello.

Le buone paste secche si sposano alle verdure del territorio (il radicchio rosso di Treviso, gli asparagi di Badoere e Cimadolmo, i fagioli di Lamon, la zucca), mentre i ravioli sono serviti con fonduta di morlacco, formaggio con prodotto con latte di vacca burlina sugli alpeggi del Monte Grappa; inoltre, la tipica sopa coada. Di secondo, trippe, musetto con puré di patate e ottime carni alla griglia: bistecca, filetto, agnello. Ampia e meditata la selezione di formaggi, dal morlacco all’alpago; particolare una ricotta fresca dell’Alpago leggermente affumicata. Curati i dessert e gli assaggi di cioccolato. Alla fine, il caffé guatemalteco del Presidio SlowFood.

(Settembre 2012)

2night 2016-02-26
 
comments powered by Disqus