Panna cotta col topping industriale addio. 5 + 1 ristoranti fiorentini dove il dessert è un’altra storia

Pubblicato il: 15 aprile 2019

Panna cotta col topping industriale addio. 5 + 1 ristoranti fiorentini dove il dessert è un’altra storia

Il dessert è il piatto più importante della serata perché l’ultimo ad essere servito dunque quello che rimane di più in mente. Deve appagare tutti i sensi: dolce, profumato, ben impiattato, morbido o croccante. ​Panna cotta col topping industriale addio! Ecco 6 ristoranti fiorentini in cui vale la pena lasciare un posticino per il dolce.

Tra Sud e Toscana, la giusta conclusione di una cena


E’ tornato Antonello Schiena, da Taranto a Firenze con una nuova proposta: Oggi Pizza & Restaurant. Un locale bellissimo e accogliente, una proposta che vede la mano sapiente di suo fratello Tommaso, uno chef che ama unire la tradizione pugliese (anzi tarantina come me) con la sua spiccata creatività. Col dessert non si scherza: dal tiramisù alla panna cotta con fragole fresche, dallo zuccotto al babà al rum per arrivare alla classica zeppola con crema e amarena. Tutto il Sud con la sua ricchezza di sapori pieni.

Dessert tradizionali rielaborati con garbo e sapienza


La piazza di Firenze è in continuo fermento: un altro locale aperto da poco, il Ribeo, offre un ambiente piccolo e curato in ogni dettaglio, con cantina a vista e personale preparato e accogliente. La cena privilegia prodotti locali di stagione e, dal tagliere al primo, dalla tartare alla trippa l’offerta presenta un rapporto qualità / prezzo favorevole. E i dessert non fanno eccezione: dal semifreddo millefoglie scomposto con cioccolata e crema al semifreddo al cioccolato con scaglie di pistacchio alla pera al cognac è tutto delizioso.

Tutto all'olio d'oliva toscano, anche i dessert


Un concept originale basato su un’eccellenza italiana, l’olio extravergine d’oliva del Frantoio di Santa Tea, per il bistrot con bottega Olivia che si affaccia su piazza Pitti, nel pieno centro di Firenze. Dopo aver assaggiato antipasti, pasta fresca e frittini, un’occhiata ai dessert vede in posizione d’onore il Semifreddo al Lime & Olio e.v.o. con caviale d'olio, menta e mela verde oppure il Gelatolio artigianale, ancora il salame di cioccolato oppure l’uovo tiramisù con amaretti o ripieno di macedonia di frutta fresca. Tutto semplice e originale insieme.

Lasciar posto a bruschetta alla nutella e cheesecake all'arancia


Altro luogo in cui lasciare un posticino per il dessert è d’obbligo è Johnny Bruschetta, vicino al mercato di Sant’Ambrogio, in cui ogni dettaglio è curato, dal tagliere di diversa lunghezza quanti sono i gusti che può ospitare al pane, fatto realizzare apposta da Daniele perché mantenga morbidezza senza perdere consistenza. E la bruschetta diventa dessert coperta di nutella, riscaldata e coperta di scaglie di cocco affiancata a un grande classico del locale: la cheesecake artigianale con marmellata d’arance.

Se il dolci siciliani arrivano ogni giorno da Palermo


Poco distante anche il Gilda bistrot si caratterizza per una ricca carta di dolci di qualità indiscussa. Dalla cassata, la torta setteveli e i cannoli siciliani che arrivano tre giorni alla settimana in aereo dalla pasticceria Cappello di Palermo, al creme caramel e le crostate fatte in casa, dalla delicata torta yogurt e pesche o ricotta e pere, ai classici cantuccini col vin santo. Scegliere è ogni volta difficile (ma alla cassata di giornata io non resisto …)

Dalla pastiera alla setteveli sotto il segno dell'eccellenza


Sempre in zona la pizzeria Santarpia è il posto giusto non solo per gustare la classica pizza napoletana realizzata dal maestro panificatore Michele Leo, ma anche i dolci di una delle migliori pasticcerie toscane, Mannori di Prato, famosa per la pluripremiata Setteveli, con base di pralinato ai cereali che contrasta la morbidezza del pan di spagna al cacao. Michele Leo, quando è in vena, si diletta con la preparazione di dolci tradizionali napoletani come la pastiera, un grande classico di Pasqua. E poi la mitica torta Pistocchi al cioccolato fondente disponibile anche in versione gluten-free. Da non perdere!

Foto di copertina presa dalla pagina Facebook della pizzeria Santarpia

Vuoi scoprire altre prelibatezze in città? Iscriviti alla newsletter 2night.

  • SWEET HOUR

scritto da:

Laura De Benedetto

La sua comfort zone è il moto perpetuo. Lavora in luoghi dinamici a progetti innovativi con gente sorprendente. Il suo core business? Creare relazioni e sinergie tra le persone. Amava Milano e, adesso, ama Firenze, città natale di suo figlio. Negata in cucina, apprezza chef e locali emergenti.

IN QUESTO ARTICOLO
  • Olivia

    Piazza De' Pitti 14/R, Firenze (FI)

  • Oggi pizza & restaurant

    Via Del Parione 32r, Firenze (FI)

  • Ribeo

    Via Bonifacio Lupi 5a, Firenze (FI)

  • Gilda Bistrot

    Piazza Ghiberti 40/41r, Firenze (FI)

  • Johnny Bruschetta

    Via Dei Macci 77 R, Firenze (FI)

  • Santarpia

    Largo Pietro Annigoni 9/C, Firenze (FI)

POTREBBE INTERESSARTI:

​Cantine aperte in vendemmia 2019. Perché quando cominci a vendemmiare tutti vengono a salutare

Il 22 e 29 settembre, e fino ad ottobre, gli appuntamenti in tutta Italia di Movimento Turismo del Vino.

LEGGI.
×