La Firenze delle meraviglie: corti e giardini nascosti da scoprire

Pubblicato il: 30 agosto 2019

La Firenze delle meraviglie: corti e giardini nascosti da scoprire

La bella stagione invita a vivere all’aperto. Per chi non può andare in vacanza o per chi preferisce godersi le vacanze a Firenze, ti consiglio una selezione di corti e giardini più o meno nascosti della città, in cui potersi fermare per una sosta golosa sempre all’aria aperta e, spesso, immersi nel verde cittadino.

LE CORTI NASCOSTE DI FIRENZE

Quella vicina al Duomo

Nell’affollato centro storico di Firenze è possibile sostare in un delizioso locale con una tranquilla corte interna, il Ribeo: un ristorantino moderno con pietanze locali rivisitate e una bella atmosfera creata dalla gestione giovane e appassionata. Puoi ordinare i piatti della tradizione toscana, come i taglieri di salumi e formaggi locali, la pasta fatta in casa (imperdibili i pici col ragù bianco) e, passando ai secondi, scegliere tra trippa, polpette o tartare per arrivare ai dolci della casa (consigliatissimi). E il rapporto qualità-prezzo è decisamente ragionevole. Il locale riapre post ferie estive il 2 settembre. 
Ribeo, Via Bonifacio Lupi, 5 A R, Firenze. Tel: 391 7200493

Quella di Piazza Pitti

Dal centro alla movida fiorentina il passo è breve: da Italian Tapas in Santo Spirito ti attende un aperitivo di qualità a base di cocktail originali e appetitosi finger food che favoriscono la convivialità e l'allegria. D'estate è perfetta la corte interna per un aperitivo a base di vino o birra, con stuzzichini e piatti (in formato tapas, appunto) rivisitati alla maniera italiana, anzi toscana, con l’uso di ingredienti di stagione. Salumi e formaggi, sfiziosi mini-manicaretti e tanto altro, con alternative per vegani o celiaci, per rilassarsi dopo una lunga giornata trascorsa al lavoro oppure… alla scoperta di Firenze.
Italian Tapas, Via Sant'Agostino, 11 R Firenze. Tel: 0550982738

Quella alla Fortezza

Per una sosta ricca di colore ed energia, passa nella corte interna di The Student Hotel dove quest'estate è stato allestito Fooo l’Orto, con stand di street-food internazionale. Si passa da Deli Dispensa del Podere con salumi e formaggi locali ai bun (paninetti al vapore) di Koto Ramen, dalle insalatone, poke bowl e crepe dolci o salate di Floret, alle ricette tradizionali delle città di mare di Mezzo Marinaio sino al gelato contadino di Sbrino. Puoi passare anche per un drink (cocktail, birra, soft drink) accompagnato dalla musica del DJ set.
FOOO l'Orto - The Student Hotel, Viale Spartaco Lavagnini, 70, Firenze. 055 0621855

Quella di via Gioberti


Nella via dello shopping per eccellenza del fiorentino, in via Gioberti, consiglio due tappe golose nella corte al centro delle Nove Botteghe. Puoi fare la pausa-caffè o merenda con la deliziosa pasticceria e i raffinati cioccolatini di Alfonso al Lounge Bar Galleria, aperto anche per l’aperitivo.


In alternativa dopo lo shopping puoi sederti da Il Vecchio e il Mare per gustare l’eccellente pizza napoletana realizzata da Mario Cipriano, tra i più bravi pizzaioli di Firenze, o i piatti a base di pesce e frutti di mare.
Lounge Bar Galleria, Via Vincenzo Gioberti, 61, Firenze. 339 3252695
Il Vecchio e il Mare, Via Vincenzo Gioberti, 61 N, Firenze.  055 669575

I GIARDINI NASCOSTI DI FIRENZE

Il Giardino Urbano di piazza della Libertà


Te l’aspettavi una corte nel verde a pochi passi dalla trafficatissima piazza della Libertà? Ora esiste The B, che ti accoglie in un verde giardino nascosto tra i viali in cui rilassarsi da colazione a pranzo, dall’aperitivo a cena. Cibi freschi realizzati con materie prime eccellenti accompagnati da birre artigianali selezionate o cocktail fatti a regola d’arte per soddisfare gli ospiti dell’hotel San Gallo e gli avventori che cercano un luogo tranquillo e raffinato.
The B, Urban Garden Bistrot, Via Lorenzo Il Magnifico, 2, Firenze

Il Giardino dell’Orticultura al Parterre


Tra i giardini segreti di Firenze immancabile d’estate è il Giardino dell’Orticultura con il suo prato, la magnifica loggia rinascimentale e l’entrata panoramica. Veniva utilizzato come giardino sperimentale per praticare l’arte del giardinaggio nella metà dell’Ottocento e, attualmente, la serra è utilizzata anche per eventi, aperitivi, party ed attività culturali. In particolare nei mesi estivi con la gestione del Giardino ArteCultura il prato si anima di musica dal vivo con la possibilità di ordinare pizza, piadina e panini con ottime birre fredde.
Giardino ArteCultura, Via Vittorio Emanule II, 4, Firenze. 389 8330188

Il Giardino delle Rose sotto piazzale Michelangelo


Una passeggiata panoramica che toglie il fiato ci porta tra la semplicità, pulizia e sculture in bronzo e gesso di Folon del Giardino delle Rose, sottostante il Piazzale Michelangelo. E di giardino in giardino, si può sostare per un aperitivo nello storico locale Rifrullo, che ti accoglie in un ritemprante giardino. Un vario buffet, tante birre e cocktail e la freschezza di un’ampia veranda verde ti faranno sentire, seppur nel centro di Firenze, come in vacanza.
Il Rifrullo, Via di S. Niccolò, 55 R, Firenze. 055 2342621

Il Giardino di Villa Bardini a San Niccolò


Unico in primavera, con il suo pergolato di glicine in fiore, ma incredibile tutto l’anno il Giardino di Villa Bardini, che si estende sulla zona collinare dalle pendici di Piazzale Michelangelo fino all'Arno, con una scenografica scalinata barocca. Con il biglietto di ingresso si può scegliere se visitare le mostre allestite nell’omonima Villa. Tra i suoi tesori nascosti c'è il ristorante La Leggenda Dei Frati, con una veranda nella villa signorile seicentesca. Il menu, a cura degli chef Filippo Saporito e Ombretta Giovannini, parte dal vasto ricettario del territorio, in cui la carne e il pesce diventano protagonisti di una nuova gastronomia toscana, basata sulla sperimentazione continua.
La Leggenda dei Frati, Costa S. Giorgio, 6 A, Firenze. 055 0680545

Foto di copertina dalla pagina facebook di La Leggenda dei Frati

  • MANGIARE ALL'APERTO

scritto da:

Laura De Benedetto

La sua comfort zone è il moto perpetuo. Lavora in luoghi dinamici a progetti innovativi con gente sorprendente. Il suo core business? Creare relazioni e sinergie tra le persone. Amava Milano e, adesso, ama Firenze, città natale di suo figlio. Negata in cucina, apprezza chef e locali emergenti.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Le migliori Osterie d'Italia, i premiati tra piatti della tradizione e osti che la sanno lunga

Le menzioni della Guida alle Osterie d'Italia 2020 di Slow Food, giunta all'edizione numero trenta (e sempre fonte affidabilissima).

LEGGI.
×