CONCERTI: ​YL Hooi e Silzedrek live da NOF

Domenica 25 settembre
  • RECENSIONE
  • INFO
  • COMMENTI

(Questo evento è passato)

Una nuova serata di musica da NOF che domenica 25 settembre ospiterà per la prima volta in Italia, due fra i più interessanti artisti dell'attuale scena elettronica australiana.

YL HOOI
YL Hooi è il progetto solista di Valya Ying-Li Hooi, parte attiva della scena underground di Melbourne fin dal 2017, e già membro dei Kallista Kult. Il suo album di debutto, “Untitled” (pubblicato in cassetta da Altered States Tapes nel 2019 e quindi ripubblicato in vinile da Efficient Space nel 2021) ha raccolto numerosi consensi, finendo per diventare una presenza fissa fra i dischi consigliati dai maggiori rivenditori del Regno Unito (uno su tutti, World of Echo), e guadagnandosi il primo posto nella classifica Boomkat’s Discoveries 2021. I brani di “Untitled” si muovono furtivi in un mondo misterioso, fatto di sussurri, echi, rade percussioni elettroniche e alterazioni dub. Sia in studio che dal vivo, Valya si avvale della collaborazione di Tarquin Manek, già suo compagno nei Callista Kult e, a sua volta, affermato artista solista. Dal vivo i due utilizzano voci, tromba, clarinetto basso, chitarra, basso elettrico, drum machine e sintetizzatori per re-immaginare i brani dell’album a seconda dello spazio acustico in cui si trovano ad operare, improvvisando con delicatezza e gusto.

SILZEDREK
Silzedrek è il più recente alias di Tarquin Manek, già collaboratore di Carla Dal Forno e YL Hooi - sia in studio che dal vivo - multi-strumentista, produttore e prolifico artista solista, con all’attivo numerose pubblicazioni per etichette di culto quali Blackest Ever Black, A Colourful Storm, Chapter Music, Purely Physical e Kashual Plastik. Il progetto Silzedrek è volto a esplorare le possibilità soniche del clarinetto e del clarinetto basso in un contesto live, recuperando al contempo le sonorità est-europee e Roma che costituiscono parte dell’eredità familiare di Manek. Ciò che ne scaturisce è una sorta di folk-jazz da camera, le cui dinamiche spaziali sono profondamente debitrici del dub. Il brano Gwen Pen’s è stato inserito nel Tapper 56 di The Wire.

AFTERSHOW: RUFUS DJ Set
Rufus cresce nel sottobosco fiorentino dei 90' ed esordisce all'alba del nuovo millennio come dj di musica elettronica, affermandosi come resident presso i più importanti club della sua città. Ha condotto sull'emittente toscana Controradio il programma notturno "QuattroQuarti" e ha diretto per circa due anni la web radio locale "Radio Amblè". Ha collaborato a lungo con le etichette nostrane Bosconi Records e Marmo Music, fornendo un sostanziale contributo al loro sviluppo artistico e sonoro. Già membro di BSS, Nightdrivers, Tru West e The Leftovers, dal 2009 pubblica come solista. Nel 2019 fonda la sua etichetta discografica, "Quindi Records", pubblicando i lavori dello storico duo inglese folktronico WOO, del seminale gruppo trevigiano ambient techno Cabaret du Ciel e del misterioso progetto nord americano Dead Bandit.

NOF Club Firenze
Domenica 25 settembre - dalle 21.00
Ingresso libero
Info evento qui

25 settembre

  • CONCERTI

ALTRO SU 2NIGHT

×