Provinciali a chi? Perché questi locali fiorentini sono degni di una metropoli come Londra

Pubblicato il: 18 novembre 2019

Provinciali a chi? Perché questi locali fiorentini sono degni di una metropoli come Londra

Londra chiama, Firenze risponde. La culla del Rinascimento non ha nulla da invidiare alla capitale che ha dato i natali alla regina Elisabetta II e allo chef Jamie Oliver. Firenze può vantare la presenza di locali che anticipano le mode, fanno tendenza a livello internazionale e ben rappresentano la vivacità tutta fiorentina nel mondo del food&beverage. Come questi indirizzi stanno a dimostrare.

Fino all'ultimo whisky

Oltre 350 bottiglie di whisky in carta, un’ambientazione da set con la grande tenda rossa all’ingresso e soprattutto un nome che fa subito breccia nell’immaginario collettivo. L’apertura di Love Craft ha conquistato subito l’attenzione di tutti. Il locale in Oltrarno è specializzato in distillati come tanti locali già esistenti all’estero ma, a differenza degli altri, ha saputo proporre un format tutto personale. Da qui il grande successo del whisky bar a Firenze non solo tra i "locals". Qui si possono degustare whisky pregiati e talvolta rari o apprezzare cocktail particolari.
Love Craft - Borgo San Frediano 24/R, Tel. 055 2692968.

Qui si beve italiano

Quando si dice essere veramente avanti. Manifattura detiene un record di tutto rispetto: primo locale d’Europa a puntare su una bottiglieria 100 per 100 tutta italiana. Un’intuizione geniale a cui sono seguiti, in breve tempo, tanti altri locali. L’originale è però a Firenze, davanti al museo Marino Marini. Suggestivi gli arredi, perfetti per un film ambientato negli anni Trenta, evocativi i cocktail dedicati a grandi personaggi e preparati con il meglio di liquori e distillati italiani. Si sono accorti anche all’estero di Manifattura e il 488° posto nella classifica dei Top 500 bars lo sta a dimostrare.
Manifattura - Piazza San Pancrazio 1, Firenze. Tel. 055 2396367.

Il caffè ai massimi livelli

Francesco Sanapo è tra i massimi esperti mondiali di caffè. I media internazionali lo cercano ed intervistano quando si tratta di parlare di espresso. A Firenze ha due locali sotto l’ìnsegna Ditta Artigianale dove propone specialty coffee da ogni parte del mondo. Il locale in Oltrarno, per l’esattezza in via dello Sprone, porta per giunta la firma di uno dei più grandi architetti italiani Giovanni Michelucci.
Ditta Artigianale - Via dello Sprone 5/R, Firenze. Tel. 055 0457163.
Ditta Artigianale - Via dei Neri 30-32/R, Firenze. Tel. 055 2741541.

Il Mercato per eccellenza

Altro che il Borough Market di Londra: a Firenze c'è l'unico, il solo, l'originale Mercato gourmet. Al pianoterra lo storico mercato con i banchi di carne, frutta e verdura, farine e legumi e tante eccellenze gastronomiche, da pochi giorni ribattezzato SLoWrenzo Storico Mercato Centrale. Al primo piano il Mercato Centrale, format che da Firenze si è fatto strada a Roma, Torino e presto sarà anche a Milano.
Mercato Centrale - Piazza del Mercato Centrale, Firenze. Tel. 055 2399798.

L'ex negozio di casalinghi è cool

Porta la firma dello studio Q-Bic fondato dai fratelli Baldini il restyling di molti dei locali di tendenza a Firenze. La Ménagère, il primo negozio di casalinghi della città trasformato in concept restaurant, è il lavoro più rappresentativo e conosciuto del duo. Un luogo dove si respirano le atmosfere del passato abbinate a uno stile contemporaneo. Iconico il lungo tavolo in legno. Oggi questo stile si sta facendo conoscere e apprezzare anche all'estero.
La Ménagère Firenze - Via de' Ginori 8/R, Firenze. Tel. 055 0750600.

In casa di LuisaViaRoma

C'è un'oasi dalle buone vibrazioni e con tanti superfoods nel negozio che detta la linea in fatto di moda. Floret è lo spazio realizzato all'interno di LuisaViaRoma: un ristorante e un juice bar dove rilassarsi e mangiare bene nel regno della moda. Il menu è nel segno dell'healthy food, oltre a seguire le stagioni. Stilosissimi gli interni dove predominano i materiali e i tessuti naturali. L'indirizzo giusto dove riposare dopo una giornata di shopping ad oltranza.
Floret - Via Roma, 19/21/1° piano, Firenze. Tel. 055 295924.

Dove Gucci incontra Massimo Bottura

Lo chef italiano più famoso del mondo e la maison della moda oggi ai vertici. In piazza della Signoria, nello storico palazzo della Mercanzia, c'è Gucci Osteria by Massimo Bottura. Il menu porta la firma dello chef modenese, ma ai fornelli c’è la talentuosa Karime Lopez Kondo, già al Central di Lima con Virgilio Martinez. Ad arredi e accessori pensa Gucci a cominciare dai piatti Richard Ginori. Si mangia e poi si fa shopping nell'esclusiva boutique annessa o si visita gli spazi espositivi al primo piano.
Gucci Osteria by Massimo Bottura - Piazza della Signoria 10, Firenze. Tel. 055 75927010.

Sapori casher nella fabbrica degli argenti

Di giorno fabbrica dove nascono i celebri pezzi in argento di Gianfranco Pampaloni, la sera ristorante. Pochi locali al mondo possono vantare un'ambientazione di tale suggestione ed eleganza: a Firenze è possibile da In Fabbrica. I grandi candelabri sulle tavole sono degni di un sovrano, la cucina da pochi giorni è affidata a Jean Michel Carasso, Michele Hagen e Odette Sassone, in chiave casher bassarì (carne). Tre i menu: "Tuskosher" (toscano tradizionale) con carne, degustazione "Diaspora" (Sefardita e Askenazita) e "Diaspora" vegetariano, il tutto accompagnato da vini casher. Necessaria la prenotazione.
In Fabbrica - Via del Gelsomino 99, Firenze. Tel. 3475145468.

Foto di copertina concessa da Love Craft

  • TENDENZE FOODIES
  • APERITIVO
  • COLAZIONE

scritto da:

Raffaella Galamini

Sono nata a Viterbo ma Firenze con i suoi tramonti mi ha conquistato: da 15 anni abito in riva all’Arno. Qui scrivo, mangio, corro e scopro posti nuovi, non rigorosamente in quest’ordine. Il mio passatempo preferito è consigliare agli amici un ristorante da provare a cena o cosa fare nel week-end.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Vin brulé, brezel e frittelle di mele come non ci fosse un domani: i mercatini di Natale più belli (e famosi) d'Europa

Quello che entusiasma di più dei mercatini di Natale è il cibo, che siate in mood natalizio o di umore nero, poco importa.

LEGGI.
×