Quella dei bistrot è solo una moda (e chi lo dice si sbaglia). Ecco i più intriganti di Mestre e dintorni

Pubblicato il: 22 settembre 2019

Quella dei bistrot è solo una moda (e chi lo dice si sbaglia). Ecco i più intriganti di Mestre e dintorni

L'ho sentito dire ieri, appesa alle maniglie del tram: adesso tutti aprono i bistrot, che poi è solo un nome figo dato a un ristorante di medio livello con la cucina piccola. Non sanno più cosa inventarsi questi qui: perché non li chiamano bar? Non sono intervenuta perché alle recite scolastiche sceglievo di fare la comparsa (sono molto timida) e perché mi sono resa conto di aver già perso la mia fermata, intenta a farmi i fatti loro. Che poi diventano fatti miei e vostri, dal momento che urge un chiarimento semantico.

Il bar è un locale aperto svariate ore al giorno che tendenzialmente ha la stessa offerta lungo tutto l'orario di apertura. Cioè, posso mangiare un panino alle 10 del mattino e un cornetto alle quattro del pomeriggio. E se c'è un menu, vale sempre.

Il bistrot è più informale di un ristorante - difficilmente si ordinano tutte le portate dall'antipasto al dolce - e qualche volte si sovrappone al bar perché serve colazioni, pranzi, aperitivi e cene ma solamente durante gli orari canonici. Inoltre, i menu del pranzo e della cena sono spesso diversi. Uno strascico delle vecchie osterie francesi, ora più simili ai café, i bistrot piacciono perché sono smart, divertenti, creativi e flessibili, come noi. 

E se hai un debole per il cameriere puoi sorridergli al mattino con un cappuccino, salutarlo a pranzo con un'insalata e chiedergli di uscire in aperitivo (dopo il secondo giro di spritz).

Dove fare la "cenetta"

DiMe è un bistrot raffinato e vivace, come l'anima della sua cucina: Serena Bergamo. I piatti stagionali vengono ideati in base a cosa offre il mercato di buono e il menu punta sul pesce, con qualche proposta vegetariana. Oltre a pranzi e business lunch, DiMe propone la "cenetta": un percorso degustativo serale a 35 € a persona. Manco a dirlo, il menu cambia ogni settimana.
DiMe. Via Colombara, 42 - Marghera. Tel: 041923786

Dove provare le "mezze"

Piccole porzioni saporite, colorate e divertenti da ordinare in compagnia (per evitare di doversi promettere il “ma poi facciamo a metà”). Le "mezze" di 9 Bistrot sono un'alternativa giocosa alla porzione intera di cui approfittare a pranzo, ma anche a cena oppure in aperitivo, al bancone, con un cocktail magistrale.
P.s: della stessa gestione, anche Bistrot 55 in Piazza Ferretto: snackeria gourmet, anche veggie.
9 Bistrot. Via Giovanni Pascoli, 11 - Mestre. Tel: 3803442732

Dove mangiare la pizza (senza andare in pizzeria) 

Un gioiellino di romanticismo - siamo sotto la Loggetta di Noale - ma anche un bistrot di carattere con una proposta che di solito si trova nelle metropoli europee: da Cru trovi tanti piatti diversi, pensati in porzione mini o maxi per essere, a discrezione, piatti unici o antipasti. C'è anche la pizza, in versione gourmet, tanto (e ben) condita.
Cru. Largo San Giorgio, 6 - Noale. Tel: 3396021057

Dove bere la birra dal tank

Poliedrico e moderno, Grand Central è forse l'approdo più spigliato di Mestre: colazioni, pranzi, cene, aperitivi e merende si susseguono come fossimo, appunto, alla stazione centrale, ma con un altro livello di qualità. A testimoniarlo il tank di Pilsner Urquell che arriva in 24 ore direttamente dalla fabbrica in Repubblica Ceca.
Grand Central. Piazzetta Monsignor Olivotti, 1 - Mestre. Tel: 041978278

Dove fidarsi della materia prima

Pepe Nero è un bistrot caldo e accogliente che punta su pranzi convenienti e cene rilassate. Ad accomunare i due momenti, oltre alla mano creativa dello chef e alla cantina super fornita, c'è la scelta minuziosa della materia prima. Eccellenze territoriali, italiane ed europee sfilano come al ristorante (ma con meno formalismi).
Pepe Nero. Via San Donà, 160 - Mestre. Tel: 041611353

Dove iniziare con la pasticceria

Hora, la pasticceria rifornita di golosità da Luigi Biasetto, il "champion du monde" con base a Padova, è anche un bistrot attento a dieta vegetariana e leggerezza. È gettonato soprattutto per ritrovare, a pranzo, le genuinità di casa, e per l'aperitivo con stuzzicherie salate degne di quelle dolci.
Hora. Riviera XX Settembre, 14 - Mestre. Tel: 041950490

Dove postare senza sosta

Non stiamo qui a farci la morale a vicenda. Piuttosto siamo indulgenti verso l'amico instagramer (che, diciamolo, è meno dannoso del recensore seriale) e concediamogli di darci sotto con i post e le story Instagram dedicati alle creazioni di Horteria: un piacere per gli occhi prima di tutto, partendo dai fragranti cornetti a colazione, fino al dessert serale scomposto.
Horteria. Via della Vittoria, 58 - Mirano. Tel: 0415648388

Foto di copertina di Pepe Nero Bistrot

  • TENDENZE FOODIES

scritto da:

Martina Tallon

Amo mangiare ma sono sempre a dieta, non riesco mai a stare ferma anche se alla guida sono un pericolo, adoro andare per locali però sono un po' tirchia. Le contraddizioni sono il mio pane quotidiano: mai prendersi troppo sul serio.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

​I ristoranti migliori dove farsi una scorpacciata di Tartufo Bianco d'Alba

Con i suoi 250 € all’etto di quest'anno si conferma la prelibatezza più costosa in tavola, ma bando alla tirchieria per una volta.

LEGGI.
×