A Marenna raccontata da chi l’ha fatta nascere credendo nel potere dello street-food napoletano

Pubblicato il 10 febbraio 2021 alle 09:00

A Marenna raccontata da chi l’ha fatta nascere credendo nel potere dello street-food napoletano

Francesco Morra, ideatore di A Marenna, assieme al socio Renato Catanzaro, ha aperto il suo angolo di street-food napoletano nel 2018 con la voglia di portare i sapori autentici della cucina di strada partenopea a Padova. Facilissimo, starai pensando. Chi non ama la pizza fritta? Eppure, quella di A Marenna è stata una sfida, vinta a colpi di sapori, assaggi e “traduzioni”, perché il vocabolario della cucina campana segue delle regole tutte sue e sono proprio queste poche e semplici regole a renderla speciale.

Ciao Francesco, lo street-food napoletano piace ai padovani? 

Sì, ora possono dire di aver conquistato il pubblico padovano, almeno quella fetta che ha capito lo spirito semplice e diretto della nostra proposta. Ma all’inizio qualcuno era titubante, ci abbiamo messo 4-5 mesi per “spingere” la pizza napoletana e far capire che il panino napoletano non è un panino classicamente inteso ma è più simile a un casatiello, potremmo chiamarlo il suo figlioccio. All’idea del panino, invece, si avvicina di più il cuzzetiello, ovvero il pane cafone napoletano svuotato della mollica e poi farcito… 

Visto il successo di A Marenna mi sembra di capire che ora Padova sia pronta ad affidarsi alle cure dello street-food napoletano…

Adesso sì, ma posso dirti che non è sempre stato così. Ci avevamo provato prima di A Marenna, nel 2010, a portare lo street-food napoletano a Padova ma credo che la città non fosse ancora del tutto predisposta all’idea dello street-food, di mangiare in piedi… a partire dal 2014-2015 invece le cose sono cambiate e le proposte di street-food hanno iniziato ad ingranare. Ecco che nel 2018 nasce A Marenna!

A Marenna che significa “la merenda”, giusto? 

Proprio così. Il cuzzetiello, per esempio, è la classica merenda del muratore, ma il tipo di merenda cambia anche in base all’orario e qui A Marenna abbiamo tutto il necessario per accompagnare i nostri clienti dalle merende mattutine a quelle pomeridiane.

Dimmi come cambia la merenda nell’arco della giornata!

Ovviamente queste sono solo indicazioni… anche se è vero che farei fatica a darti una pizza fritta prima delle undici del mattino! Comunque, dalle 7 alle 10 ti consiglierei di provare le nostre graffe, dalle 10:30 la pizza in teglia, mentre dalle 11:30 alle 15: pizza fritta, cuzzetiello e bombetta . Anche se devo dire che è la pizza fritta lo street-food più apprezzato! Deve sempre essere presente, fino a chiusura.

Il panino napoletano può valere come un pranzo?

Diciamo che è una merenda bella sostanziosa perché l’impasto contiene salumi, formaggi e uova sode. Tra l’altro si può mangiare a temperatura ambiente senza il bisogno di essere scaldato dunque è perfetto per essere preso, infilato in borsa e mangiato più tardi.

Se dovessi scegliere tre specialità senza le quali questo non sarebbe un punto di riferimento per lo street-food napoletano? 

Sicuramente pizza fritta, cuzzetiello e panino napoletano. 

Quanto c’è di fatto in casa?

Praticamente tutto, fatta eccezione per un paio di prodotti di pasticceria che acquistiamo già pronti, ovviamente di ottima qualità. Dalle graffe ai pani, dalle pizze alle focacce, dai panini ai cuzzetielli tutto è preparato nel nostro laboratorio. Con ingredienti scelti per la loro qualità e lavorazione a volte molte lunghe come quella del panino napoletano che richiede una notte di lievitazione.

Però non c’è solo street-food. E la gastronomia? 

Per il reparto  gastronomia valgono gli stessi principi, con l’aggiunta che le specialità cambiano giornalmente in base alle disponibilità del mercato e per dare un’alternativa ai clienti fissi. Proponiamo piatti come parmigiana di melanzane, pasta alla sorrentina, polpette, e fettine di manzo alla pizzaiola.

…e se ti chiedo un "panzarott"? 

Ti rispondo con una domanda: “Intendi la pizza fritta oppure il crocchè di patate?” 

Ormai l’ho imparato: la pizza fritta è la mezzaluna di pasta di pizza ripiena, o panzarott’ è la crocchetta di patate napoletana...

Sei pronta a mangiare! Vieni che ti mostro tutto...

Immagine di copertina di Martina Tallon per A Marenna 
Altre immagina dalla pagina Facebook A Marenna 

  • GLI ADDETTI AI LAVORI

scritto da:

Martina Tallon

Amo mangiare ma sono sempre a dieta, non riesco mai a stare ferma anche se alla guida sono un pericolo, adoro andare per locali però sono un po' tirchia. Le contraddizioni sono il mio pane quotidiano: mai prendersi troppo sul serio.

IN QUESTO ARTICOLO
POTREBBE INTERESSARTI:

Si rinnova l'appuntamento con ​Calici di Stelle, tutti gli eventi regione per regione

Dal 31 luglio al 15 agosto nelle cantine italiane c'è il brindisi più atteso dell'estate.

LEGGI.
×